Home > Bruno Piatti: decretato fallimento, interessati 250 posti di lavoro

Bruno Piatti: decretato fallimento, interessati 250 posti di lavoro

14.09.2017 - aggiornato: 14.09.2017 - 17:46

Il tribunale distrettuale di Bülach (ZH) ha decretato oggi il fallimento del fabbricante di cucine Bruno Piatti SA. Lo indica l'azienda sulla sua pagina internet, precisando che i suoi beni verranno al più presto venduti.

In tutto sono interessati 250 posti di lavoro, riferisce la "Handelszeitung".

La moratoria concordataria era stata avviata il 28 luglio e si è conclusa il 30 ottobre. In marzo era stata annunciata la soppressione di 60 dei 300 impieghi.

Sulla pagina web l'impresa invita i collaboratori a due incontri informativi che si terranno martedì 19 e mercoledì 20 settembre presso la sede di Dietlikon (ZH).

Bruno Piatti SA si è unita nel 2012 a Foster per creare AFP Küchen. Dal 2014 è filiale del gruppo tedesco Alno, in crisi da anni e la cui situazione è precipitata durante l'estate quando i negoziati con potenziali investitori e creditori sono falliti.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg