Home > Spia svizzera in Germania, no a CPI dice Ufficio del nazionale

Spia svizzera in Germania, no a CPI dice Ufficio del nazionale

10.11.2017 - aggiornato: 10.11.2017 - 21:58

Per delucidare il caso di spionaggio a danno della Germania da parte di un "agente" svizzero non dovrebbe essere istituita una Commissione parlamentare di inchiesta (CPI).

È il parere dell'Ufficio del Consiglio nazionale che risponde picche a un'iniziativa parlamentare in tal senso del gruppo ecologista in Parlamento.

Col loro atto parlamentare, i Verdi auspicano la creazione di una CPI che "indaghi sulla legalità dell’operato del Servizio delle attività informative nonché sul ruolo della polizia giudiziaria federale e del Ministero pubblico della Confederazione".

In una nota serale dell'ufficio si ricorda che la vicenda è già all'attenzione dalla Delegazione della gestione (DelCG) e che una CPI "non fornirebbe nuovi elementi". Secondo la nota odierna, "una CIP è uno strumento che deve essere riservato alle situazioni in cui gli organi di vigilanza ordinari raggiungono i limiti delle loro competenze, ciò che nella fattispecie non è il caso".

Per tutte queste ragioni, l’Ufficio propone con 9 voti contro 3 e 1 astensione, di non dare seguito all’iniziativa parlamentare del gruppo dei Verdi.

il 54enne svizzero Daniel M. è stato condannato il 9 di novembre a Francoforte a un anno e 10 mesi di carcere con la condizionale per "attività di agenti segreti" a favore dell'intelligence elvetica. Lo Svizzero era accusato di aver cercato di procurarsi illegalmente, tra luglio 2011 e febbraio 2015, informazioni sulle indagini avviate dal fisco del Nordreno-Vestfalia per identificare gli evasori fiscali tedeschi clienti di banche svizzere.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg