Home > Catholica

In Congo per portare riconciliazione

06.08.2017 - aggiornato: 06.08.2017 - 14:54

IL PERSONAGGIO - La testimonianza del religioso vallesano Guy Luisier, che accompagna da cinque anni la formazione dei giovani confratelli congoloesi.

di Laura Quadri

 

Il religioso Guy Luisier, dell’abbazia di San Maurizio d’Agauno in Vallese, accompagna da cinque anni la formazione dei giovani confratelli congoloesi, situati sulle colline di Malandji, nella Repubblica democratica del Congo. La comunità vive in una regione che da più di un anno è messa a dura prova da una guerra d’altri tempi.
Professore di latino e greco, poi direttore del Collegio dell’Abbazia e parroco, padre Guy non aveva né il profilo adeguato né la formazione per essere un missionario; nonostante ciò, tra il 2010 e il 2011, gli giunge una richiesta dalla Chiesa congolese: alcuni seminaristi del posto sono interessati alla vita monastica portata avanti a San Maurizio. Dopo averli invitati a soggiornare per un certo periodo nella comunità svizzerofrancese, nel 2012 padre Guy si ritrova a partire con loro per l’Africa, per permettere loro di continuare la formazione.

La situazione che egli trova sulle colline di Malandji, dove si installano, appare subito precaria: bisognava ricostruire gli edifici e pensare a una casa di formazione. In più, nel 2016, la vita politica del Paese precipita, dopo la morte del capo della milizia, ucciso dalle forze governative; la guerra, fino ad allora latente, esplode in un conflitto aperto tra governanti e opposizione, convinta che il Governo si sia insiediato illegittimamente. Erano previste delle nuove elezioni nel 2017, ma non è accaduto niente. 
Nel conflitto, viene chiamata in causa dai miliziani anche la Chiesa, pubblicamente criticata in ragione del suo tentativo di mediazione tra l’opposizione e il Governo. Di conseguenza, i Vescovi di due delle otto diocesi della provincia ecclesiastica del Kasai, in cui si trovano i novizi congolesi, hanno dovuto abbandonare la propria sede e ripiegare su Kinshasa. 

Così, non trascorre molto tempo che pure la collina di Malandji, dove si sono insediati i monaci, viene invasa. Testimonia padre Guy: «I miliziani si danno  persino alla  magia, alla stregoneria, assumendo delle droghe e proponendo un rito d’iniziazione attorno a un fuoco sacro, la tshiota. In seguito, credono di essere capaci di combattere con dei bastoni di legno contro le armi potenti dell’esercito. Rumore e paura alimentano questa guerra. Tutti hanno almeno un telefono cellulare e quindi la strage fa subito notizia. I miliziani hanno decapitato dei poliziotti, ma anche dei docenti di scuola incaricati di distribuire i dossier dell’esame di Stato nelle province». 
«D’altro canto - prosegue padre Guy - il Governo ha inviato  per risolvere la situazione un esercito sottopagato e mal formato, che commette anche dei soprusi contro la popolazione civile. Ma quel che è peggio è che tutto viene riletto secondo una strana luce soprannaturale: le vittorie dei miliziani sono interpretate dalla popolazione, che crede anch’essa nella magia, come la vittoria delle forze del male». 

Poi, un giorno di marzo del 2017, poco prima che fossero assassinati anche due osservatori dell’ONU, Guy arriva a pensare che sia venuta persino la sua ora: «I miliziani sono entrati nel nostro monastero - ricorda - e hanno attaccato il nostro falegname, lasciandolo moribondo. L’11 marzo è quindi stato il mio turno. Si stava facendo un ritiro di quaresima con i quattro aspiranti, sulla scia del messaggio del Papa “l’altro è un dono”. Dei miliziani, tra cui spiccavano anche degli adolescenti, si sono catapultati su di noi. Rapiti, ci hanno quindi costretto a partecipare a uno dei loro riti magici con il fuoco. Tutt’attorno grida di guerra. Un incubo». Dopo questi fatti la comunità ha dovuto interrogarsi profondamente sulla sua missione, ma alla fine ha deciso di restare, credendo in un futuro migliore. 

Padre Guy non perde infatti la speranza e indica, come  soluzioni al conflitto, l’accesso all’educazione e lo sviluppo economico: «Abbiamo già contribuito come comunità a cinque cooperative agricole. Bisogna donare prospettive, mettere le basi per un lavoro congiunto». Grazie a questa attitudine di apertura, che contraddistingue i religiosi, la collina di Malandji ha ritrovato, proprio di recente, nuova pace.

Catholica

Venduta la Lamborghini "del Papa"

Il ricavato dell'asta, 715mila euro, sarà destinato al finanziamento di tre progetti di carità. L'auto era stata donata a Francesco lo scorso 27 novembre …

Catholica

La suora che "cura" il Sud Sudan

IL PERSONAGGIO - Conosciamo suor Maria Martinelli, medico chirurgo in Sud Sudan, che venerdì sera ha portato la sua testimonianza al centro San Giuseppe di Lugano.

Catholica

Don Tonino, prete dalla parte degli ultimi

IL PERSONAGGIO - Mons. Antonio Bello, un vescovo dalle scelte forti e coraggiose, che il Papa ha voluto omaggiare visitando le sue terre e pregando sulla sua tomba.

Catholica

I 91 anni di papa Ratzinger

Per il compleanno del papa emerito viene presentato il documentario "Benedetto XVI, l’ora della verità", in onda per l'occasione su TV2000.

Catholica

Lo spunto per la predica? Da un'App

È nata l'applicazione che aiuta i sacerdoti nelle omelie. È il teologo Rupnik l’autore dei testi di "Clerus-App", l’ultimo strumento …

Catholica

"Sono rimasta, come atto d'amore"

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - Conosciamo meglio Anan Alkass Yousif, vergine consacrata in una Baghdad dilaniata​.

Catholica

Speranza dentro la miseria

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - La svizzera Lotti Latrous ha lasciato tutto per aiutare i malati di Aids.

Catholica

Accanto a chi porta una croce pesante

SPECIALE SETTIMANA SANTA - Incontro con don Vincent, cappellano della Fondazione Maddalena Grassi di Milano, che si occupa di disabili gravi e malati incurabili.

Catholica

Ricostruite le fattezze dell'uomo della Sindone

La rappresentazione 3D è stata realizzata da un artista a partire dagli studi di un professore dell’Università di Padova, studioso della reliquia.

Catholica

"Desidero vedere gli Adivasi felici"

SACRIFICIO QUARESIMALE - Dall’India la testimonianza di padre Caesar, uno degli ospiti della Campagna Ecumenica, che presenta il progetto nello Stato dell’Assam.

Catholica

In scena il dramma di Cristo sulla croce

IL PERSONAGGIO - Padre Finco, francescano che da anni firma spettacoli teatrali, propone nella chiesa del monastero delle Clarisse di Cademario l'opera di Haydn …

Catholica

Lanciato il trailer del film sul Papa

(IL VIDEO) "Papa Francesco. Un uomo di parola", che prende spunto dalla volontà che non fosse un film su papa Francesco ma con papa Francesco.

Catholica

Sulle sue labbra il "programma di Cristo"

IL PERSONAGGIO - Questa settimana vi presentiamo don Francesco Alberti, al centro di un incontro nell’ambito degli eventi de "Il Giardino dei Giusti" di …

Catholica

Verso il cambiamento tutelando i braccianti

SPECIALE SABATO - È in Sudafrica uno dei progetti della campagna ecumenica di Sacrificio Quaresimale, che si impegna in particolare nella formazione dei lavoratori.

Catholica

Musica e fede a sostegno dei più piccoli

SPECIALE SABATO - "Medjugorje per l’infanzia" compie 30 anni; numerosi i progetti concretizzati a favore di bambini e minorenni a cui la vita aveva tolto le …

Catholica

Viaggio del Papa nei Paesi baltici

Francesco si recherà in Lituania, Lettonia ed Estonia dal 22 al 25 settembre di quest'anno, dando seguito a un invito dei rispettivi capo di Stato e dei Vescovi.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg