Home > Catholica

Due Papi attraversano la porta Santa

09.12.2015 - aggiornato: 24.06.2016 - 12:25

Decine di migliaia di fedeli ieri in fila fin da prima delle 6 del mattino. Bergoglio saluta all’entrata il papa emerito Benedetto XVI.

(L'Osservatore Romano/Pool Photo via AP)

di Cristina Vonzun

 

 

Fra solide misure di sicurezza Francesco ieri a Roma con una Messa in Piazza San Pietro ha aperto la porta Santa della Basilica, dando il via ad un nuovo Anno Santo della storia. Dieci giorni fa a Bangui in Centrafrica c’era stato l’indimenticabile preludio, voluto ad ogni costo da un Papa che non ha esitato a recarsi in zona di guerra pur di sottolineare che la Chiesa e il mondo devono guardare alle periferie. Ieri a Roma, sotto la pioggia, prima delle 6 del mattino, c’erano già molti fedeli in fila per accedere a piazza san Pietro (la Messa è cominciata alle 9.30), ma tanti di loro, a causa del rallentamento dovuto ai controlli di sicurezza, hanno avuto accesso alla piazza solo a Messa già iniziata, non pochi ormai a celebrazione conclusa.

Il Papa all’omelia ha dato le chiavi di lettura del Giubileo straordinario della Misericordia che va vissuto, ha detto Francesco, «senza paura» nello «spirito emerso dal Vaticano II, quello del Samaritano», per continuare la «spinta missionaria» e «l’entusiasmo» apertasi con quell’evento di 50 anni fa, che è stato «un vero incontro tra la Chiesa e gli uomini del nostro tempo». Il programma di questo Giubileo è dunque «andare incontro ad ogni uomo là dove vive: nella sua città, nella sua casa, nel luogo di lavoro… dovunque c’è una persona, là la Chiesa è chiamata a raggiungerla per portare la gioia del Vangelo».

 

Dunque per Francesco il Giubileo deve incarnare lo slancio di una Chiesa ospedale da campo, in cui «dobbiamo anteporre la Misericordia al giudizio».  Proprio per sottolineare l’apertura dell’Anno Santo in concomitanza con l’anniversario della chiusura del Vaticano II, la celebrazione eucaristica è stata preceduta da alcune letture di documenti del Concilio.

 

Terminata la Messa, una lunga processione è entrata nella Basilica di San Pietro per attendere dall’interno l’apertura della porta Santa da parte di Francesco. 

Il Papa si è avvicinato alla porta, che è sulla destra guardando la Basilica. Lì è stato raggiunto da Ratzinger che Francesco ha calorosamente salutato. Poi il Papa, in piedi davanti alla porta Santa ha detto: «Questa è la porta del Signore... apritemi le porte della giustizia... per la tua grande misericordia entrerò nella tua casa, Signore». Francesco ha salito in silenzio i gradini antecedenti la Porta, ha aperto i battenti - dopo avere spinto le ante - e si è fermato a pregare silenziosamente sulla soglia. Quindi è entrato in San Pietro, seguito a pochi passi di distanza dal papa emerito Ratzinger.

 

Attraverso questa soglia passeranno i pellegrini durante il Giubileo, che si concluderà nel novembre 2016. Ma per la prima volta nella storia dei Giubilei, questa e quelle delle basiliche romane non saranno le uniche porte Sante: ad esse si aggiungeranno le porte di cattedrali e santuari di tutto il mondo. Un primo calcolo ancora sommario annuncia 9mila porte Sante aperte in tutto il mondo per un Giubileo che Francesco vuole il più diffuso possibile e il meno centralizzato a Roma, con un’attenzione particolare anche a luoghi periferici, quali le carceri e i centri di accoglienza.

Nel pomeriggio di ieri secondo la consolidata tradizione legata alla Festa dell’Immacolata, il Papa si è recato presso la statua di Maria a Piazza di Spagna. Da lì Francesco ha proseguito per la Basilica di Santa Maria Maggiore dove ha voluto affidare il Giubileo e la città di Roma all’intercessione della Madonna. 

 

L’Anno Santo in Ticino

 

 In Ticino la porte Sante sono due e saranno aperte dal Vescovo di Lugano sabato 12 e domenica 13 dicembre. Per il Sopraceneri la celebrazione sarà sabato 12 dicembre 2015 alle 17.30 con apertura della Porta Santa a Bellinzona, chiesa della Madonna delle Grazie. Per il Sottoceneri la celebrazione per l’apertura della Porta Santa sarà domenica 13 dicembre 2015 alle 10 a Lugano nella chiesa del Sacro Cuore. Informazioni sul sito: www.misericordia2016.ch

 

 

Articoli correlati:

Papa Francesco apre la Porta santa 

Giubileo, il programma dell'apertura

Speciale: Giubileo della Misericordia

Il Giubileo è esperienza di vita

«Dio è tanto buono e perdona tutto»

 

 

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg