Home > Catholica

Francesco apre la Porta: è iniziato il Giubileo

29.11.2015 - aggiornato: 30.11.2015 - 10:48

Francesco alle 17 ha aperto la porta santa della cattedrale di Bangui, anticipando l'inizio del Giubileo dalla periferia del mondo, e dal centro di una delle peggiori crisi umanitarie dell'Africa.

EPA/GIUSEPPE CACACE 

Il Pontefice conclude oggi la sua visita pastorale in Africa. L'ultima tappa in Centrafrica è anche la più rischiosa: l'ex colonia francese esce da lunghi anni di guerra civile.

 

Ma la notizia più importante, è che oggi alle 17 è iniziato il Giubileo straordinario della Misericordia. È cominciato con oltre una settimana d'anticipo rispetto all'apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro. Oggi pomeriggio  Francesco ha infatti  aperto la porta in legno e vetro della cattedrale di Bangui, in Centrafrica. Prima di spalancarla, ha spiegato parlando a braccio il significato di questo suo gesto.

 

«Oggi Bangui diviene la capitale spirituale del mondo - ha detto il Pontefice - L'Anno Santo della Misericordia arriva in anticipo a questa terra, una terra che soffre da diversi anni la guerra, l'odio , l'incomprensione, la mancanza di pace». «In questa terra sofferente - ha continuato - ci sono tutti i Paesi del mondo che sono passati per la croce della guerra. Bangui diviene la capitale spirituale della preghiera per la misericordia del Padre. Tutti noi chiediamo pace, misericordia, riconciliazione, perdono, amore. Per Bangui, per tutta la Repubblica Centrafricana e per tutti i Paesi che soffrono la guerra, chiediamo la pace!». Poi Francesco, come ha già fatto più volte durante questo viaggio in Africa, ha chiesto a tutti i fedeli di ripetere con lui questa preghiera: «Tutti insieme chiediamo amore e pace!». E l'ha pronunciata nella lingua locale: «Ndoye siriri, amore e pace!».

 

«E adesso - ha ripreso - con questa preghiera incominciamo l'Anno Santo qui, in questa capitale spirituale del mondo oggi». Quindi si è girato verso la porta centrale della cattedrale, e l'ha aperta, rimanendo per un istante con le braccia aperte, mentre i fedeli all'interno applaudivano e s'inginocchiavano.

 

 

La giornata

Appena atterrato all'aeroporto di M'Poko, nella capitale Bangui, ha scritto su Twitter: «Vengo nella Repubblica Centrafricana come pellegrino di pace, e mi presento come apostolo di speranza». Il Pontefice è stato accolto da Catherine Samba-Panza, la presidente ad interim, con cui avrà un incontro nella sua residenza, alla presenza di altri uomini politici locali e rappresentanti diplomatici, per analizzare la situazione nel Paese. Poi la visita al campo profughi di Saint Sauveur. Al termine l'incontro con i vescovi della Repubblica Centrafricana e a seguire il pranzo con loro

«Unità-dignità-lavoro» è il motto della Repubblica Centrafricana e Papa Francesco lo fa suo all'arrivo al palazzo presidenziale di Bangui rivolgendosi alla presidente, alla classe dirigente e al corpo diplomatico. L'unità spinge a evitare «la tentazione della paura dell'altro». «L'unità nella diversità - ha detto Bergoglio - è una sfida costante, che richiede la creatività, la generosità, l'abnegazione e il rispetto per gli altri». Poi la dignità: «Ho appreso con piacere che la Repubblica Centrafricana è il paese di 'Zo kwe zo', il paese in cui ogni persona è una persona», dunque «chi ha i mezzi per condurre una vita dignitosa, invece di essere preoccupato per i privilegi, deve cercare di aiutare i più poveri» ad accedere «all'istruzione e all'assistenza sanitaria, la lotta contro la malnutrizione e la lotta per garantire a tutti un'abitazione decente dovrebbe essere al primo posto di uno sviluppo attento alla dignità umana». Infine il lavoro: «Voi, Centroafricani, potete migliorare questa splendida terra, sfruttando saggiamente le sue abbondanti risorse», ha spiegato il Papa sottolineando la «grave responsabilità nello sfruttamento delle risorse ambientali, nelle scelte e nei progetti di sviluppo» da parte di «tutti, cittadini, responsabili del Paese, partner internazionali e società multinazionali».

 

 

Nel pomeriggio il momento più atteso: Papa Francesco aprirà la "porta santa" della Cattedrale di Bangui, facendo sì che in Africa l'Anno Santo inizi con una settimana di anticipo rispetto alla Chiesa universale.

 

È la prima volta che un Giubileo prende avvio non a Roma, capitale della cattolicità, ma in una città che ben si addice alla categoria di "periferia" così cara al Pontefice. La Repubblica Centrafricana, con i suoi 5 milioni di abitanti, metà dei quali cristiani, in maggioranza cattolici, è uno dei paesi più poveri del mondo e negli ultimi 30 anni è stato dilaniato da un susseguirsi di golpe e guerre civili. La storia degli ultimi tre anni, nella Repubblica Centrafricana, è una sequenza di orrori: la nascita nel 2012 della coalizione musulmana Seleka che nel marzo 2013 depone il presidente François Bozizé, scappato in Camerun; la nascita delle milizie cristiane degli “anti-Balaka”, ovvero gli “anti-machete”; il presidente autoproclamato Michel Djotodia che lascia nel gennaio 2014; la guerra civile e il reclutamento di diecimila bambini soldato, le violenze tra gruppi che si moltiplicano e hanno provocato migliaia di morti e quasi un milione di sfollati. La presidente provvisoria, Catherine Samba-Panza, dovrebbe portare il Paese ad elezioni. Chi soffia sull’odio religioso ha mire più terrene. Una delle popolazioni più povere del mondo vive in uno dei paesi più ricchi di risorse: l’uranio a Bakouma, i giacimenti sparsi di oro e di ferro, il petrolio a Birao, perfino il legno

 

 

(red)

 

Articoli correlati:

Perché la vita «è sempre un grande miracolo»

Uganda, l’ecumenismo formidabile dei martiri

«Il potere e i piaceri non danno la pace»

Dagli slum di Nairobi all’Uganda

LE FOTO 

Il viaggio di Papa Francesco in Africa 

Papa Francesco nella bidonville di Nairobi

Francesco dal Kenya parla al mondo

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg