Home > Catholica

I 25 anni della Facoltà di Teologia

19.09.2017 - aggiornato: 19.09.2017 - 16:07

Nella ricorrenza della fondazione della prima istituzione universitaria in Ticino, il rettore Roux e il vescovo Lazzeri ricordano il fondatore, mons. Corecco, e sottolineano novità e sfide.

© foto Crinari

di Cristina Vonzun

 

ll 20 novembre 1993, l’allora vescovo di Lugano mons. Eugenio Corecco, mediante un decreto della Congregazione dell’Educazione Cattolica, istituiva la Facoltà di Teologia di Lugano (FTL), già creata un anno prima come Istituto di teologia: era la prima istituzione universitaria eretta in Ticino. Da allora sono trascorsi 25 anni. Un quarto di secolo che in particolare in questo 2017 e inizio 2018 la Facoltà di Teologia vuole sottolineare in modi diversi.

Ieri, all’inizio del nuovo Anno Accademico, il vescovo di Lugano, mons. Lazzeri ha celebrato nella Basilica del Sacro Cuore a Lugano, una Santa Messa per gli studenti, i professori, il personale e gli amici della FTL. Insieme al rettore prof. René Roux, il vescovo ha anche incontrato gli studenti. L’importante ricorrenza è stata oggetto di riflessioni sia da parte del rettore, sia da parte del vescovo Lazzeri. Il rettore ha voluto sottolineare sostanzialmente questi elementi: la FTL è profondamente radicata nella realtà del territorio ticinese, però è anche molto internazionale: per l’eterogeneità del corpo docente e degli studenti provenienti da diversi continenti e Paesi e per le relazioni con il mondo accademico svizzero e internazionale.

Roux ha citato le convenzioni stipulate con vari enti in Ticino e la qualità degli studi che si compiono e sono riconosciuti alla FTL. La FTL in 25 anni di storia ha indubbiamente affrontato svolte e intrapreso direzioni non previste all’inizio, come d’altronde accade quando qualcosa di nuovo nasce e questo nuovo è legato alla ricerca, allo studio, allo sviluppo, al mondo accademico. Mons. Lazzeri, vescovo di Lugano ma anche Gran cancelliere della Facoltà, ha sottolineato il ruolo avuto dalla FTL nella formazione di operatori pastorali e cristiani adulti nella fede non solo per la Diocesi ma anche per la Svizzera e l’estero.

 

teomess_07.jpg

 

Dall’eredità di Corecco ad oggi

Mons. Lazzeri ha anche ripreso alcuni aspetti dell’intuizione originaria di Eugenio Corecco che in questi anni sono maturati, portando nuovi frutti. «Anzitutto - ha osservato il vescovo Valerio - il desiderio di una teologia accademica e scientifica, capace di dialogare con i massimi livelli del pensiero umano elaborato nei vari ambiti del sapere universitario ma, nel medesimo tempo profondamente ecclesiale, consapevole di essere una componente irrinunciabile della missione affidata da Cristo alla sua Chiesa».

Una teologia dunque che «sia capace di intercettare ciò che rimane “pagano” nel cuore umano per metterlo a confronto con la verità di Cristo». Il Vescovo ha sottolineato anche come svolgere questo compito. «La teologia deve svilupparsi con un linguaggio, dei metodi e degli strumenti» suoi propri, «che non possono essere identici a quelli degli altri compiti ecclesiali», curando comunque le «delicate e vitali transizioni che a essi la connettono».

 

teomess_01.jpg

 

"Raggiungere l’uomo reale"

L’altro compito che la Facoltà è chiamata a svolgere è quello di arrivare all’uomo reale. «Il Vangelo di Gesù Cristo - ha continuato mons. Lazzeri - deve infatti arrivare a parlare all’uomo reale di ogni epoca, a illuminare la sua esperienza concreta, a intercettare le sue domande di senso più radicali», perchè - ha proseguito il mons. Valerio - «la fede si esplicita come fonte di meraviglia quando diventa capace di mettere in moto il lavoro dell’intelligenza. Solo in quel momento si manifesta come grande e si presenta come degna di essere vissuta».

In conclusione, il Vescovo ha formulato ancora un pensiero sulla storia della FTL, nel rapporto tra eredità del passato e sviluppi presenti e futuri. «I contributi sono stati e sono molteplici. In certi momenti forse non risulta facilissimo coordinarli ed equilibrarli», eppure, nonostante le inevitabili difficoltà, c’è una continuità con l’intuizione e gli auspici iniziali di mons. Corecco. La FTL è una realtà con tanti «carismi», che sono dati «come dono da mettere a servizio di tutta la Chiesa e per il bene di tutti». Un’immagine che fa pensare anche ai diversi e prestigiosi Istituti, che negli anni si sono costituiti nella FTL e oggi offrono un contributo non indifferente, in campi distinti e complementari, alla ricerca e alla formazione di sacerdoti e di laici provenienti sia dalla Diocesi di Lugano, sia dall’estero.

 

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg