Home > Catholica

Il coraggio profetico di Benedetto

11.02.2018 - aggiornato: 11.02.2018 - 08:00

La rinuncia di papa Ratzinger cinque anni fa nel commento di Cristina Vonzun. Un gesto umile, che nasconde il coraggio di dichiararsi "uomo" come tutti noi.

di Cristina Vonzun

 

L’11 febbraio di 5 anni fa siamo stati tutti colti da un’incredibile sorpresa quando è giunta nelle redazioni giornalistiche e nelle case di tutto il mondo la notizia della rinuncia al Pontificato da parte di papa Ratzinger. Le analisi che ne seguirono in quelle ore e nei mesi successivi furono ricche di spunti, ci fu anche chi avanzò -e ogni tanto riprova a proporre- tesi a dir poco bizzarre, forse più sconfinanti nel genere dei romanzi di Dan Brown che appartenenti al mondo reale. Personalmente vorrei tornare sugli aspetti “umani” del papato che quella rinuncia ha straordinariamente evidenziato. Fu il Papa stesso a mettere in luce le ragioni vere di quella scelta: Ratzinger aveva lasciato il suo incarico soprattutto perché «il vigore» «nel corpo e nell’animo», disse, era «diminuito».

Un gesto umile e insieme profetico: l’affermare di essere un uomo come tutti che ad un certo punto deve arrendersi all’età che avanza e alle condizioni psicofisiche che diventano progressivamente incompatibili con il ministero impegnativo che svolge e che -dunque- apre profeticamente una porta per i suoi Successori. Solo chi è toccato dall’anzianità, dagli acciacchi dilaganti, dalla debolezza fisica e dalla malattia può sapere quanto siano state fondate le parole che Benedetto pronunciò quel giorno di 5 anni fa e che riportiamo a pagina 6 dell’inserto di catholica di oggi. Ma queste parole sono state anche altamente coraggiose. Non solo perché Benedetto è stato il primo Papa a rinunciare per ragioni di anzianità, ma perché lo ha fatto dichiarandosi soprattutto “uomo” come tutti noi. Per molto tempo sul papato si sono infatti proiettate e si proiettano purtroppo ancora, talvolta, immagini sproporzionate. Piace allora pensare ai Pontefici che ribadiscono la loro umanità: Benedetto lo ha fatto nella rinuncia, Francesco lo fa tutte le volte che riconosce pubblicamente di essere un peccatore o che afferma di avere sbagliato, come  ha fatto ancora di recente, davanti ai giornalisti del volo papale che lo riportava a casa dal suo sesto viaggio latinoamericano. Un’umanità ribadita anche da papa Wojtyla che “fuggiva” dal Vaticano per rigenerarsi nelle montagne, in estate e in inverno, andando a camminare o a sciare. Ma Benedetto  con la sua rinuncia ha forse mandato un messaggio in più: ha parlato del modo di vivere il Pontificato dentro alle esigenze molteplici di questo XXI secolo dove tutto corre veloce, tutto è infinitamente complesso, dove i dossier di un Papa sono tanti, tantissimi e oggi grazie alle nuove forme di comunicazione si moltiplicano a ritmi impensabili 20 o 30 o  solo 50 anni fa. Tutto arriva lì, tutto sale a quel piano e se le condizioni fisiche non sono ottimali, l’età è quella che è, la fatica può anche diventare ingestibile.

C’è da chiedersi, allora, se la rinuncia di Benedetto non contenesse il germoglio di quelle scelte di Francesco che hanno fatto discutere taluni e che percorrono la strada della collegialità di governo. La nascita del Consiglio dei Cardinali che aiuta il Papa nella riforma della Curia, il maggiore ruolo auspicato per le Conferenze episcopali, l’insistere su dinamiche sinodali, dunque di coinvolgimento e cammino di riflessione con la base, con il popolo, sono alcune strade percorse dal Papa argentino. Di certo sappiamo che il Successore di Benedetto, senza minimamente perdere di vista il Primato di Pietro ma rileggendone le modalità operative alla luce di un Vangelo che è da vivere e annunciare nell’infinita e dinamica complessità di questo XXI secolo, ha scelto espressamente questa direzione. Ratzinger forse, anche in questo, ha aperto una porta.

 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg