Home > Catholica

Il Giubileo è esperienza di vita

06.12.2015 - aggiornato: 24.06.2016 - 13:25

In occasione dell'inizio del Giubileo abbiamo voluto farci spiegare l'origine e il significato dell’Anno Santo. Ce ne parla il cardinale Gianfranco Ravasi.

Il cardinale Gianfranco Ravasi.

 

 

intervista di Giuseppe Rusconi

 

Eminenza, l’8 dicembre prossimo - festa dell’Immacolata e cinquantesimo anniversario della chiusura del Concilio ecumenico vaticano II – si apre il Giubileo straordinario della Misericordia, annunciato da papa Francesco il 13 marzo 2015, a due anni dalla sua elezione a Pontefice. Durerà fino alla domenica 20 novembre 2016, festa di Cristo Re dell’universo. L’argomento presenta tanti aspetti suscettibili di essere approfonditi, ma con Lei vorremmo soprattutto indagare le radici della parola “Giubileo” e, in una seconda parte, dedicare qualche considerazione al termine “Misericordia”, che si ritrova in tutte e tre le grandi religioni monoteiste…

Dobbiamo rifarci all’Antico Testamento per comprendere meglio il Giubileo cristiano. Filologicamente l’origine di “Giubileo” rimanda al suono di un corno di montone, jobel, che da Gerusalemme si diffonde in tutto il Paese in corrispondenza con la festa ebraica del Kippur, dell’espiazione del peccato di Israele, nel decimo giorno del mese di Tishri (il nostro settembre-ottobre). Esso era suonato in un anno particolare, l’ultimo di sette settimane di anni, a preannunciare la santità del cinquantesimo anno, come si legge nel capitolo 25 del libro del Levitico. Dunque il suono del corno scandiva un tempo sacrale…

 

“Giubileo” però è associato anche nell’Antico Testamento a un altro concetto, di carattere più contenutistico, al di là della pura ritualità…
A tale proposito va ricordato che l’antica traduzione in greco della Bibbia (conosciuta come quella dei “Settanta”) ha tradotto il termine ebraico jobel con il greco áphesis, cioè “liberazione, remissione, perdono”. Ha considerato cioè come il Giubileo non è solo un rito, ma un’esperienza di vita che si auspica incisiva per ogni uomo e per la società intera. 

 

Un’esperienza di vita che si esprime biblicamente in quali contenuti principali? 

Ad esempio con la restituzione delle proprietà vendute, la remissione dei debiti…

 

Entriamo in qualche dettaglio…

Secondo la Bibbia la terra di Israele era di proprietà delle tribù e delle famiglie ed era stata donata da Dio in usufrutto dopo la conquista di Canaan. Dunque la terra restava di Dio. Quando una terra veniva alienata, venduta, si modificava la mappatura originale. Ogni cinquant’anni, nell’anno giubilare, la mappatura originale si ricostituiva, tranne che per la tribù di Levi che riceveva dalle altre tribù i contributi per il suo servizio religioso. Analoga era la procedura giubilare per l’azzeramento dei debiti, così che tutti si ritrovassero a un medesimo livello di partenza.

 

Succedeva proprio così nella realtà?

Tali indicazioni giubilari erano proposte bibliche che è difficile pensare fossero pienamente osservate nella realtà. Del resto i profeti constatano amaramente che non erano seguite. Eppure qui si palesa la grande forza delle religioni che annunciano il regno di Dio, cioè qualcosa che va molto al di là della vita quotidiana e cui si deve tendere. Le religioni non sono delle semplici proposte, delle pur meritevoli ong, ma hanno una funzione precisa, quella di stimolare alla ricerca dell’eterno. 

 

Se restiamo al Giubileo biblico, spesso si ricorda tra i contenuti la liberazione degli schiavi…

Nel libro di Ezechiele (46, 17) si evidenzia come l’anno giubilare sia quello del riscatto anche delle persone, di chi per la miseria aveva dovuto rinunciare alla sua libertà e in quell’anno poteva ritornare a casa, riavendo terra e libertà. Non è poi un discorso che riguardi solo il passato: oggi di schiavitù ce ne sono anche più di un tempo, di singoli (pensiamo ad esempio alle prostitute o ai bambini costretti a elemosinare) e di popoli (basta constatare i ricatti cui soggiacciono da parte delle multinazionali, di Stati o di organismi internazionali). Nel già citato capitolo 55 del Levitico si condanna anche l’usura, che era diffusissima ad esempio in Mesopotamia, dove il tasso poteva variare dal 17 al 50%: “Se tuo fratello che è presso di te cade in miseria (…), aiutalo, (…) non prendere da lui interessi né utili; ma temi il tuo Dio e fa’ vivere tuo fratello presso di te”. 

 

Passiamo al Nuovo Testamento: dove si ritrova il termine “giubileo”?

Quel termine non c’è. Però nel Nuovo Testamento per diciassette volte ritroviamo la parola greca áphesis, che – come abbiamo già notato – significa “liberazione, remissione, perdono”. In particolare lo leggiamo nel Vangelo di Luca (4, 18-19), di cui ecco un passo molto significativo, in cui Cristo annuncia il suo Giubileo: “Lo Spirito del Signore è sopra di me, per questo mi ha consacrato e mi ha inviato a portare ai poveri il lieto annunzio, ad annunziare ai prigionieri la liberazione e il dono della vista ai ciechi; per liberare coloro che sono oppressi e inaugurare l’anno di grazia del Signore”. 

 

Su tali antecedenti (e anche altri, come la comunione in cui vivevano i primi cristiani) si inserisce poi la serie dei Giubilei (ordinari e straordinari) della Chiesa, il primo quello proclamato da Bonifacio VIII nel 1300 e ricordato da Giotto e forse da Dante. In quello successivo, di Clemente VI nel 1350, riscontriamo anche Petrarca tra i pellegrini (“Movesi il vecchierel canuto e bianco dal dolce loco ov’ha sua età fornita (…) e viene a Roma, seguendo ’l desío per mirar la sembianza di colui ch’ancor lassù nel ciel vedere spera” – ossia il velo della Veronica con la presunta impronta del volto di Gesù)…

Però la forma del rito odierno risale in buona parte all’Anno Santo del 1500, promulgato da Alessandro VI. Naturalmente ci sono state delle variazioni, come nel 2000 quando con Giovanni Paolo II si è evidenziata l’universalità della Chiesa cattolica anche con strumenti musicali, profumi e fiori provenienti da tutto il mondo. Pochi giorni fa, poi, papa Francesco ha sostanzialmente inaugurato il Giubileo aprendo la prima Porta Santa a Bangui, nel Centrafrica: fin qui era stata aperta sempre a Roma, anche a significare la centralità della sede di Pietro. È stato un gesto, quello del Santo Padre, che ha esaltato ciò che connota maggiormente il Giubileo, cioè la virtù della Misericordia.

 

Volutamente il Giubileo annunciato da papa Francesco il 13 marzo e indetto l’11 aprile è straordinario e posto sotto il segno della Misericordia: una virtù quest’ultima che si ritrova in tutte e tre le grandi religioni monoteiste…

Se Lei pensa al nostro italiano, il termine “misericordia” richiama (miseri – cordia) il cuore come sede dei sentimenti di compassione e condivisione verso i miseri. Invece nel linguaggio biblico tale sede è indicata nell’utero materno o nella generatività paterna. Infatti in ebraico viene usato il sostantivo rehem che connota originariamente il grembo materno e che metaforicamente viene trasferito a Dio, come in Isaia (49,15). Nel greco neo-testamentario, l’altra lingua fondamentale delle Sacre Scritture, ricorre più volte il verbo splanchnízomai, che deriva dagli splánchna, le viscere materne della compassione. Questo verbo, ad esempio, è usato per indicare la commozione che Gesù prova di fronte al pianto della vedova di Nain che sta conducendo al cimitero l’unico figlio morto. 

 

E nell’Islam dove si trova la misericordia?

Quasi tutti i capitoli (sure) del Corano incominciano con “Nel nome di Dio clemente e misericordioso”, in arabo bismi Llah al-rahman al-rahim. Noterà che i due aggettivi usati in arabo si connotano per la stessa radice rhm del termine biblico rehem. È interessante rilevare che il Dio del Corano è prima di tutto misericordioso, poi anche giusto. Il fondamentalismo musulmano mostra esplicitamente di ignorare il volto autentico della divinità come è espresso proprio nel Libro sacro. 

 

 

Si può qui osservare che in ogni caso nel Corano non mancano pagine di grande violenza contro gli “infedeli”…

Del resto anche l’Antico Testamento non è esente dall’immagine di un Dio terribile, guerriero e giustiziere. È per questo che, quando si trovano nei Libri sacri espressioni di violenza divina, è sempre necessario approfondire, cogliendo ciò che alimenta dal profondo tali testi. Bisogna cioè andar oltre il culto fondamentalista della lettera di un testo, perché – così si esprimeva San Paolo nella Seconda Lettera ai Corinzi 3, 6 – “La lettera uccide, è lo Spirito che dà vita”…

 

Su lettera e spirito di un testo si è scritto e si continua a scrivere molto. Basti pensare al documento finale del recente secondo Sinodo sulla famiglia: nell’interpretazione letterale del testo non c’è l’accesso alla Comunione per i divorziati risposati e tuttavia per alcuni lo spirito del documento è “aperturista” in tal senso… Ci si può anche chiedere: chi è che decide quale sia lo spirito che impronta un testo? 

La questione dell’interpretazione è indispensabile nei testi sacri ed è ciò che sostanzialmente è ancora assente nella tradizione musulmana. L’interpretazione teologica cattolica ha le sue norme che comprendono sia il Magistero ufficiale della Chiesa, sia l’impegno dei teologi, sia la fede condivisa dell’intera comunità ecclesiale.

 

Ancora sulla Misericordia: nella bolla papale – presentata l’11 aprile 2015 - di indizione del Giubileo straordinario, intitolata “Misericordiae vultus”, papa Francesco ha definito più volte la Misericordia, tra l’altro come “l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro” oppure come “via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il limite del nostro peccato”. Eminenza, c’è qualcuno che pensa che in quest’anno giubilare la Misericordia rischi di trasformarsi in una sorta di melassa, un buonismo che tutto giustifica e tutto perdona. Lei che ne pensa? 

In un momento storico così crudo e spesso crudele, oppure così indifferente, per me il rischio maggiore è l’opposto, cioè che non si abbia più compassione, comprensione, rispetto; insomma che vengano a mancare il perdono e la misericordia. Fermo restando, però, che le vittime esigono anche giustizia, la quale è il primo grado della misericordia e dell’amore. 

 

 

 

Catholica

"La famiglia non è un ideale astratto”

SPECIALE SABATO -  Mons. Vincenzo Paglia ci illustra il rinnovamento accademico in atto nel centro di studi dopo il Motu Proprio di papa Francesco.

Catholica

Una fede ragionata, vissuta e praticata

IL PERSONAGGIO - È quella di Bono, cantante degli U2, che ha fatto di nuovo parlare di sé per le recenti foto sui social mentre riceve l'Eucarestia e posa coi …

Catholica

Edizione speciale del Catechismo

Stampato a Varese per i 25 anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica promulgata da Giovanni Paolo II. Presenta un nuovo commento teologico pastorale.

Catholica

"Il cristiano non è fatto per la noia"

Nell'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ha spiegato che la nostra esistenza sia laboriosa, per accogliere con gratitudine ogni giorno donatoci da Dio.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Asia

Francesco, che si recherà dal 26 novembre al 2 dicembre in Myanmar e Bangladesh, incontrerà i giovani dei due Paesi e parteciperà a incontri interreligiosi …

Catholica

Testimone della fede fino all’ultimo istante

IL PERSONAGGIO - Il martirio di Giovan Battista Sidotti, morto in Giappone nel 1715. Abate palermitano è stato ucciso per aver battezzato i suoi custodi. 

Catholica

"Quando è tutto nuvoloso, parlate di sole"

All'Udienza generale, nel giorno di San Francesco d'Assisi, il Papa ha ricordato come i cristiani siano "persone che propagano speranza con il loro modo di amare …

Catholica

Da Daro a Roma: prete, vescovo ed educatore

IL PERSONAGGIO - Un ricordo di Mons. Danzi a 10 anni dalla scomparsa. Il cardinale Scola: "Era un uomo libero e perciò spesso scomodo".

Catholica

Occhi e cuore aperti sulla Chiesa dei poveri

SPECIALE SABATO - Ottobre, come ogni anno, è il mese dedicato alla missione. Quest’anno la campagna di Missio ci porta a conoscere l’India.

Catholica

Il Papa domenica a Bologna e Cesena

Il programma della giornata prevede vari incontri, con la popolazione, il mondo del lavoro e poi ovviamente anche con il Clero. Messa del Pontefice allo stadio Dall' …

Catholica

Un popolo capace di fare figli ha futuro

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha ricordato le tappe del suo viaggio in Colombia. Al termine ha anche volto un pensiero alle vittime dell'alluvione a Livorno …

Catholica

Don Del-Pietro, una vita per i lavoratori

IL PERSONAGGIO - Ricorrono in questi giorni i 40 anni dalla morte del sacerdote ticinese, padre dell’OCST, che contribuì a dare al Ticino del dopoguerra il suo …

Catholica

A Taizé, dove Dio bussa al cuore dei giovani

SPECIALE SABATO - Un gruppo di ticinesi ha partecipato con 4mila giovani di tutta Europa a una settimana di vita comunitaria, amicizia e preghiera con i monaci della …

Catholica

"A difesa dei poveri nel nome del Vangelo"

SPECIALE SABATO - L'Arcivescovo Becciu, della Segreteria di Stato vaticana, ci parla di alcuni temi del magistero sociale del Papa alla vigilia del suo viaggio in Colombia …

Catholica

Si è spento l'ex primate inglese Murphy O'Connor

Murphy-O'Connor, arcivescovo emerito di Westminster e già primate cattolico d'Inghilterra e Galles, è stato il primo arcivescovo cattolico a recitare …

Catholica

Il Papa in dialogo con il sociologo Walton

Verrà dato prossimamente alle stampe in Francia un libro, dal titolo “Politique et société”, che contiene la trascrizione di dodici dialoghi di …

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg