Home > Catholica

"Il più bell'abito Dio l'ha cucito su di me"

07.05.2017 - aggiornato: 08.05.2017 - 07:56

IL PERSONAGGIO - La storia di suor Marta Maria del monastero delle Clarisse di Cademario. Prima di pronunciare i voti, è stata stilista di moda

© red.

di Sivia Guggiari

 

Originaria della Brianza, «nata e cresciuta in una comunità cristiana attiva e fervente, bella e vivace»: è qui che ha inizio la vocazione di suor Marta Maria, che pochi giorni fa ha pronunciato i voti solenni tra le sorelle del monastero delle Clarisse di Cademario, alla presenza del Vescovo Valerio Lazzeri. Una storia, la sua, che parte dalla dimensione parrocchiale, dove suor Marta fonda le sue radici.

Come è continuato il suo percorso di fede e di vita?

Il mio cammino si è poi sviluppato attraverso dei volti e degli incontri che hanno segnato la mia vocazione. Ora posso riconoscere che il passaggio di Dio nella mia vita è stato come un filo rosso che ha attraversato la mia storia senza che io me ne accorgessi. Dopo la mia comunità parrocchiale, il secondo incontro è stato quello con un istituto missionario di Milano (PIME) che mi ha entusiasmato alla vita di fede. Erano gli anni dell’adolescenza, e mi ricordo di essere rimasta segnata da una frase che mi ha accompagnata a lungo: «la vita è fatta per andare lontano, se rimane chiusa in sé stessa muore». Poi ho incrociato il carisma francescano - clariano, e qui è stata la svolta perché ha aperto la via a qualcosa che già profondamente esisteva in me. Il primo approccio che ho avuto con questo mondo sono stati i frati da cui sono stata profondamente accolta. Penso che l’accoglienza e la testimonianza siano stati gli elementi che hanno attratto il mio cercare. Nel fondo, infatti c’era la ricerca profonda di questo senso intimo ed essenziale della vita.

Attraverso la presenza francescana, ho poi incontrato le sorelle Clarisse di Cademario, dove fin da subito mi sono sentita a casa, nel luogo che il Signore aveva pensato per me da sempre. Nel 2009, all’età di 36 anni, ho così fatto il mio ingresso nella comunità di Cademario.

Una vocazione giunta in età matura. Qual era la sua vita prima della “chiamata”?

Per parecchi anni mi sono occupata di sartoria: confezionavo abiti da sposa. Sono infatti stilista di moda e ho lavorato in diverse boutique milanesi.

Proprio un bel cambiamento...

Il Signore opera attraverso questo filo rosso presente in tutte le situazioni della vita, entrando nella storia e nel quotidiano concreto. Avevo una vita piena, una vita bella, con il lavoro, gli amici, la parrocchia, l’oratorio. Non mi mancava nulla, ma c’era un desiderio profondo che continuava ad interpellarmi.

E ora ha modo di coltivare il suo talento?

Spesso confeziono i nostri abiti e dall’esterno ci vengono richiesti diversi lavori. Con una modalità diversa, niente va perduto.

Il Papa nella Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, che si celebrerà domani, rimanda più volte alla dimensione missionaria di ogni cristiano. Cosa significa per lei essere «missionaria del Vangelo»?

Questa è una domanda che mi ha interpellato a lungo. Qual è, per una vita claustrale, la missione vera? Nel messaggio, il Papa parla di un piccolo seme che cresce in silenzio, in maniera nascosta e che spinge avanti. Da questo piccolo seme entra la vita. Nella nostra esistenza, fatta di preghiera e di intercessione per il mondo, questo essere missionari ci riguarda in prima persona, pur non operando a livello materiale. È questo piccolo seme che spinge e dà vita.

Quali sono le difficoltà più grandi di questa quotidianità?

La prova più grande ora sta nel prendere il passo del Signore. Penso a due sposi che piano piano si conoscono e dopo tanti anni di matrimonio assumono gli stessi gesti e gli stessi comportamenti: in questo modo anche noi cerchiamo nel tempo di essere conformi a Cristo, ovvero di prendere il Suo passo.

E le gioie?

Sono quelle che vengono dall’essere riempite, ricolmate di tutto, dagli affetti, dalle cose concrete, e innanzitutto dal Signore.

Com’è la sua quotidianità?

Le mie giornate si svolgono tra il lavoro e la preghiera che ci conforma a Cristo.

 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg