Home > Catholica

La provocazione della povertà di Dio

23.12.2017 - aggiornato: 23.12.2017 - 16:45

SPECIALE SABATO - La riflessione natalizia di suor Sandra, che osserva come la nascita di Cristo nelle condizioni di quel tempo racchiuda un forte messaggio di essenzialità.

L’adorazione dei pastori (Lorenzo Lotto, 1534 – Pinacoteca Tosio, Brescia)

di suor Sandra Künzli

Monastero S.Caterina, Locarno

 

La ricorrenza del Natale ci invita a riflettere sulla povertà di un Dio che si umilia per farsi uomo come noi. “Cristo Gesù pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini” (Fil 2, 6). Gesù si fa bimbo fragile, bisognoso di tutto. Non nasce in un palazzo lussuoso, ma in una povera grotta. I primi ad adorarlo sono gente rozza: i pastori. Il Natale porta con sé un messaggio; forse anche noi siamo invitati a vivere in modo più semplice. Sant’Agostino nella sua Regola afferma che si è più felici avendo meno bisogni che possedendo più cose…

Con la nascita di Cristo è stata elevata la dignità dell’uomo e della donna. Sentiamo Agostino: “Celebriamo il Natale del Signore con la solennità dovuta. Esultino gli uomini, esultino le donne: Cristo è nato uomo ed è nato da una donna e l’uno e l’altro sesso ne sono stati onorati".

Maria è stata più grande per aver accolto la Parola del Figlio nel suo cuore divenendo sua discepola, che per averlo concepito. Saremo veramente discepoli di Gesù se osserveremo la sua Parola, come leggiamo nel Vangelo: “Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano”, (Lc, 11,28). Gesù è venuto per ricapitolare tutto in sé e per salvare ogni uomo; ricco o povero, intelligente o ignorante. La sua nascita è una benedizione per tutti noi e ci rende più ricchi di grazia. William Edwin Orchard, pastore protestante, divenuto poi prete cattolico, ha scritto: "Gli hanno dato una mangiatoia come culla, la panchina di un falegname come pulpito, le spine come corona e una croce come trono. Lui ha preso ciò e ne ha fatto la gloria del suo essere".

C’è una bella leggenda sul Natale… Fra i pastori che, dopo aver sentito l’annuncio degli angeli, erano pronti per portare i loro doni al Salvatore nato in una povera grotta, c’era una bimba che non aveva nulla da offrire. Lacrime di dispiacere cominciarono a rigare il suo viso e caddero fino a terra. Con sua grande sorpresa, là dove erano cadute le lacrime, fiorirono delle bellissime rose bianche: le rose di Natale. La bambina, piena di gioia, le raccolse e presentò così il suo bouquet a Gesù infante.

Il Natale per molti è regali, cenoni e superfluo, ma per molti di più sono lacrime e povertà: il Signore le raccoglie e le trasforma in perle preziose per il suo Regno, come dice il salmista: “Le mie lacrime nell’otre tuo raccogli; non sono forse scritte nel tuo libro?” (Salmo 55,9).

Ricordiamoci anche di chi non ha nulla in questa ricorrenza; magari donando un regalo a chi non ha da ricambiarci, scrivendo gli auguri, facendo una visita o una telefonata a chi si sente solo, compiendo un piacere a chi non se lo aspetta e sarà un Natale più bello, più umano e… divino!

Si racconta che una sera di Natale, Madre Teresa di Calcutta si trovava con le sue suore per una cena frugale, quando qualcuno suonò alla porta. Una suora andò ad aprire e tornò con un cestino ricoperto. Madre Teresa si allietò al pensiero che qualche benefattore anonimo, avesse voluto offrire un dono per rallegrare la loro mensa. Quale meraviglia quando la Madre, togliendo la coperta, trovò un bambino appena nato! Con gli occhi lucidi lo prese fra le sue braccia e disse: “In questo Natale veramente Gesù Bambino è nato per noi!”

Termino con una preghiera che ho scritto qualche anno fa: “Signore anche noi vogliamo unirci alla gioia degli angeli e cantare con loro che tu sei apparso sulla terra per essere il nostro Salvatore. Con la tua nascita ti sei unito a ogni uomo, e nessuno può più dire di essere solo, perché tu sei il Dio con noi. Vogliamo unirci a Maria e Giuseppe, che in silenzio adorano il Figlio di Dio fatto uomo. Vogliamo unirci allo stupore dei pastori, che ti contemplano bambino fragile, che giaci in una mangiatoia. Vogliamo unirci alla fede dei Magi, che dopo un lungo cammino trovano conferma della loro speranza. Vogliamo unirci agli uomini di buona volontà, che ti cercano con cuore sincero e trovano la Via per arrivare a te”.

 

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg