Home > Catholica

Lorenzo Merga è Maggiore della Guardia Svizzera

04.01.2014 - aggiornato: 24.06.2016 - 12:31

...E ci ha raccontato i suoi ultimi 18 anni in Vaticano.

di Cristina Vonzun
 
 
È ticinese, si chiama Lorenzo Merga, ha 38 anni ed è stato nominato il 23 dicembre scorso da papa Francesco al grado di Maggiore della Guardia Svizzera Pontificia. Lorenzo è da 18 anni nel Corpo della Guardia Svizzera, è sposato ed ha un  figlio.    
 
Originario di Monte Carasso,  dopo la maturità conseguita alla Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona, ormai quasi un ventennio fa, è partito diciannovenne per servire il Papa, quello di allora, Giovanni Paolo II e i suoi successori poi, Benedetto e Francesco. 
Primo ufficiale ticinese della storia delle Guardie Svizzera con il grado di capitano, dal 23 dicembre 2013 è anche il primo ticinese a conseguire il grado di Maggiore nell’esercito del Papa. 
 
Lorenzo Merga dirige attualmente la 3a divisione della Guardia Svizzera, compito che continuerà a portare avanti. «I doveri dei due capitani e del maggiore sono simili - ci racconta. Ognuno dei tre ufficiali guida una delle tre squadre. Nella gerarchia il maggiore evidentemente ha qualche responsabilità in più rispetto agli altri due». 
 
Maggiore Merga, come è cambiato in questi mesi con papa Francesco il servizio della Guardia Svizzera?
Il Santo Padre non abita più nel Palazzo Apostolico ma a Santa Marta. Questo ha comportato un ampliamento della nostra zona di servizio, prima concentrata nel Palazzo. Oggi con papa Francesco il Palazzo Apostolico viene usato per particolari udienze o incontri ufficiali, mentre la casa Santa Marta ha assunto -di fatto- il ruolo di residenza papale, ma si tratta di una residenza particolare, essendo una sorta di albergo con ospiti esterni e  un continuo via vai di gente. Per questa ragione, noi ufficiali superiori dobbiamo garantire una maggior presenza e sorveglianza all’interno della casa rispetto a quanto avveniva nel Palazzo Apostolico. 
Questo implica molto lavoro in più. Poi, come sempre accade con il  cambio di Pontificato, ci sono molte visite ufficiali, almeno il primo anno, fatto che avevamo già vissuto nel 2005 con Benedetto XVI. 
 
Un fatto che impressiona sono le cifre di presenze agli incontri in piazza San Pietro e in Vaticano. La Prefettura Pontificia due giorni fa ha annunciato che dal 13 marzo sono stati 6 milioni e 600 mila i fedeli che hanno partecipato ad eventi pubblici con papa Francesco solo in Vaticano (non parliamo dei viaggi). Come fate a gestire tutta questa gente, che sovente arriva in via della Conciliazione?
Il servizio per noi è uguale, va fatto con tanta o con poca gente allo stesso modo. Il grosso del lavoro riguarda le forze dell’ordine italiane che devono gestire il flusso esterno della gente verso la piazza. 
 
Tra i tanti servizi che la Guardia Svizzera svolge c’è anche quello, meno noto, di impegnarsi in opere di carità…
Siamo sempre andati con il cappellano o con altre organizzazioni caritatevoli presenti qui vicino al Vaticano, come l’Ordine di Malta o le suore di Madre Teresa a fare un servizio ai poveri della città. In questi ultimi tempi sull’eco della richiesta  del Papa all’Elemosiniere di Sua Santità di essere ancora più presente tra i poveri, c’è stata attenzione mediatica. Vero è che l’Elemosiniere ha chiesto anche alle Guardie che lo desiderano di accompagnarlo in questo servizio di carità. E c’è chi partecipa. Ma non è un nostro compito, è un’azione spontanea.
 
Lei ha lavorato nella Guardie Svizzere sotto tre Papi. Cosa le sta dando questa esperienza?
Quello che cercavo 18 anni fa quando decisi di partire per Roma era servire il Papa e la Chiesa. Si tratta di un percorso affascinante, stare vicino al Papa, poter seguire il Magistero da vicino. Ogni Pontefice mi ha lasciato qualcosa di grande: Giovanni Paolo II testimone nei suoi ultimi anni di Pontificato segnato dalla malattia ma capace sempre di gesti semplici e forti, Benedetto XVI che è arrivato nel 2005 con un’energia nuova, in continuità con Giovanni Paolo II. 
Abbiamo vissuto tutta una serie di vicende che lo hanno portato a rinunciare. 
Oggi c’è Francesco, la cui parola non è mai scontata perché mette in crisi. Con papa Francesco non hai nessuno alibi: non c’è un linguaggio teologico alto che magari noi semplici possiamo dire di non comprendere, c’è invece oggi una parola molto diretta, cuore a cuore. 
Adesso bisogna vedere se tutte queste folle che si muovono per ascoltare un messaggio così diretto e chiaro, sapranno metterlo in pratica. Il Papa ci invita sempre a guardare al nostro quotidiano, alla vita di tutti i giorni, alla famiglia, agli affetti. Parole che non lasciano spazio all’alibi di non essere intese. Speriamo che questo linguaggio così diretto porti frutti.
Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Catholica

"La famiglia non è un ideale astratto”

SPECIALE SABATO -  Mons. Vincenzo Paglia ci illustra il rinnovamento accademico in atto nel centro di studi dopo il Motu Proprio di papa Francesco.

Catholica

Scartate da tutti, oggi sono capolavori

IL PERSONAGGIO - In Uganda, Paese poverissimo e martoriato dalle violenze, suor Rosemary Nyirumbe ha ridato speranza a oltre 2.000 ragazze.

Catholica

Una fede ragionata, vissuta e praticata

IL PERSONAGGIO - È quella di Bono, cantante degli U2, che ha fatto di nuovo parlare di sé per le recenti foto sui social mentre riceve l'Eucarestia e posa coi …

Catholica

Edizione speciale del Catechismo

Stampato a Varese per i 25 anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica promulgata da Giovanni Paolo II. Presenta un nuovo commento teologico pastorale.

Catholica

"Il cristiano non è fatto per la noia"

Nell'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ha spiegato che la nostra esistenza sia laboriosa, per accogliere con gratitudine ogni giorno donatoci da Dio.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Asia

Francesco, che si recherà dal 26 novembre al 2 dicembre in Myanmar e Bangladesh, incontrerà i giovani dei due Paesi e parteciperà a incontri interreligiosi …

Catholica

Testimone della fede fino all’ultimo istante

IL PERSONAGGIO - Il martirio di Giovan Battista Sidotti, morto in Giappone nel 1715. Abate palermitano è stato ucciso per aver battezzato i suoi custodi. 

Catholica

"Quando è tutto nuvoloso, parlate di sole"

All'Udienza generale, nel giorno di San Francesco d'Assisi, il Papa ha ricordato come i cristiani siano "persone che propagano speranza con il loro modo di amare …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg