Home > Catholica

Lorenzo Merga è Maggiore della Guardia Svizzera

04.01.2014 - aggiornato: 24.06.2016 - 13:31

...E ci ha raccontato i suoi ultimi 18 anni in Vaticano.

di Cristina Vonzun
 
 
È ticinese, si chiama Lorenzo Merga, ha 38 anni ed è stato nominato il 23 dicembre scorso da papa Francesco al grado di Maggiore della Guardia Svizzera Pontificia. Lorenzo è da 18 anni nel Corpo della Guardia Svizzera, è sposato ed ha un  figlio.    
 
Originario di Monte Carasso,  dopo la maturità conseguita alla Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona, ormai quasi un ventennio fa, è partito diciannovenne per servire il Papa, quello di allora, Giovanni Paolo II e i suoi successori poi, Benedetto e Francesco. 
Primo ufficiale ticinese della storia delle Guardie Svizzera con il grado di capitano, dal 23 dicembre 2013 è anche il primo ticinese a conseguire il grado di Maggiore nell’esercito del Papa. 
 
Lorenzo Merga dirige attualmente la 3a divisione della Guardia Svizzera, compito che continuerà a portare avanti. «I doveri dei due capitani e del maggiore sono simili - ci racconta. Ognuno dei tre ufficiali guida una delle tre squadre. Nella gerarchia il maggiore evidentemente ha qualche responsabilità in più rispetto agli altri due». 
 
Maggiore Merga, come è cambiato in questi mesi con papa Francesco il servizio della Guardia Svizzera?
Il Santo Padre non abita più nel Palazzo Apostolico ma a Santa Marta. Questo ha comportato un ampliamento della nostra zona di servizio, prima concentrata nel Palazzo. Oggi con papa Francesco il Palazzo Apostolico viene usato per particolari udienze o incontri ufficiali, mentre la casa Santa Marta ha assunto -di fatto- il ruolo di residenza papale, ma si tratta di una residenza particolare, essendo una sorta di albergo con ospiti esterni e  un continuo via vai di gente. Per questa ragione, noi ufficiali superiori dobbiamo garantire una maggior presenza e sorveglianza all’interno della casa rispetto a quanto avveniva nel Palazzo Apostolico. 
Questo implica molto lavoro in più. Poi, come sempre accade con il  cambio di Pontificato, ci sono molte visite ufficiali, almeno il primo anno, fatto che avevamo già vissuto nel 2005 con Benedetto XVI. 
 
Un fatto che impressiona sono le cifre di presenze agli incontri in piazza San Pietro e in Vaticano. La Prefettura Pontificia due giorni fa ha annunciato che dal 13 marzo sono stati 6 milioni e 600 mila i fedeli che hanno partecipato ad eventi pubblici con papa Francesco solo in Vaticano (non parliamo dei viaggi). Come fate a gestire tutta questa gente, che sovente arriva in via della Conciliazione?
Il servizio per noi è uguale, va fatto con tanta o con poca gente allo stesso modo. Il grosso del lavoro riguarda le forze dell’ordine italiane che devono gestire il flusso esterno della gente verso la piazza. 
 
Tra i tanti servizi che la Guardia Svizzera svolge c’è anche quello, meno noto, di impegnarsi in opere di carità…
Siamo sempre andati con il cappellano o con altre organizzazioni caritatevoli presenti qui vicino al Vaticano, come l’Ordine di Malta o le suore di Madre Teresa a fare un servizio ai poveri della città. In questi ultimi tempi sull’eco della richiesta  del Papa all’Elemosiniere di Sua Santità di essere ancora più presente tra i poveri, c’è stata attenzione mediatica. Vero è che l’Elemosiniere ha chiesto anche alle Guardie che lo desiderano di accompagnarlo in questo servizio di carità. E c’è chi partecipa. Ma non è un nostro compito, è un’azione spontanea.
 
Lei ha lavorato nella Guardie Svizzere sotto tre Papi. Cosa le sta dando questa esperienza?
Quello che cercavo 18 anni fa quando decisi di partire per Roma era servire il Papa e la Chiesa. Si tratta di un percorso affascinante, stare vicino al Papa, poter seguire il Magistero da vicino. Ogni Pontefice mi ha lasciato qualcosa di grande: Giovanni Paolo II testimone nei suoi ultimi anni di Pontificato segnato dalla malattia ma capace sempre di gesti semplici e forti, Benedetto XVI che è arrivato nel 2005 con un’energia nuova, in continuità con Giovanni Paolo II. 
Abbiamo vissuto tutta una serie di vicende che lo hanno portato a rinunciare. 
Oggi c’è Francesco, la cui parola non è mai scontata perché mette in crisi. Con papa Francesco non hai nessuno alibi: non c’è un linguaggio teologico alto che magari noi semplici possiamo dire di non comprendere, c’è invece oggi una parola molto diretta, cuore a cuore. 
Adesso bisogna vedere se tutte queste folle che si muovono per ascoltare un messaggio così diretto e chiaro, sapranno metterlo in pratica. Il Papa ci invita sempre a guardare al nostro quotidiano, alla vita di tutti i giorni, alla famiglia, agli affetti. Parole che non lasciano spazio all’alibi di non essere intese. Speriamo che questo linguaggio così diretto porti frutti.
Catholica

Papa, ferie per la cura della sciatica

Se è vero che Bergoglio non va in vacanza dal 1974, è anche vero però che da tempo si prende del tempo in estate per curare la sua salute.

Catholica

"Peccatori che sperimentano la misericordia"

Così il Papa durante la seconda udienza generale dopo la pausa di luglio. Al termine della catechesi Francesco ha ricordato la strage in chiesa in Nigeria.

Catholica

"Senza gambe, senza braccia, senza limiti"

IL PERSONAGGIO - L'incredibile storia del giovane australiano Nick Vujicic, che gira il mondo per portare il suo messaggio di pace e speranza.

Catholica

Il cartello del Papa "Vietato lamentarsi"

Francesco, che trascorre le sue ferie rimanendo a casa senza perdere il buonumore, l'ha appeso all'ingresso del suo appartamento a Santa Marta.

Catholica

"Sarò in azione per gli altri"

IL PERSONAGGIO - L'addio al calcio di Elisa Mele, talento della seria A femminile, spiegata da lei stessa. "Voglio mettere la mia vita a dispozione del prossimo …

Catholica

"Il Signore ci dona la speranza di essere santi"

Così il Papa nell'udienza generale, durante la quale ha aggiunto che si può essere santi nella vita di tutti i giorni facendo il proprio dovere con il cuore …

Catholica

Il Papa in Cile e Perù a gennaio 2018

Bergoglio si recherà dal 15 al 21 gennaio nelle citta cilene di Santiago, Temuco e Iquique e quelle peruviane di Lima, Puerto Maldonado e Trujillo.

Catholica

Ad Haiti seminiamo per un futuro migliore

SPECIALE SABATO - Sta ormai per terminare la fase preparatoria del progetto di formazione dei docenti curato dalla diocesi ad Haiti. In autunno la partenza dei primi tre …

Catholica

Mazzolari e Milani: due profeti scomodi

SPECIALE SABATO - Il vescovo emerito di Lugano traccia un profilo dei due sacerdoti, in vista del pellegrinaggio del Papa nelle loro terre d'origine. 

Catholica

"Dio ci ama sempre: tutti, buoni e cattivi"

Così il Papa durante l'udienza generale. In precedenza Francesco si è recato in aula Paolo VI, dove alcuni gruppi di malati si sono sistemati per …

Catholica

"Il mio apostolato della stampa con don Leber"

IL PERSONAGGIO - I ricordi di suor Ester Isepponi di Poschiavo, 98enne religiosa delle suore di St. Maurice in Vallese, che lavorò al GdP 60 anni fa! 

Catholica

Tutta la freschezza di un giovane "sì"

IL PERSONAGGIO - Tre missionari della comunità Shalom di Bioggio si raccontano. Scopriamo chi sono e conosciamo meglio le loro storie.

Catholica

"Il cristiano semina speranza"

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha sottolineanto il rapporto tra la speranza cristiana e lo Spirito Santo, ricordando l'imminenza della Pentecoste, " …

Catholica

Il Papa incontra il premier canadese

L'intenzione di Trudeau era quella di rinnovare l'invito al Pontefice a visitare il Canada e di sollevare la questione della riconciliazione con le comunità …

Catholica

Una vita in carcere, ma libero

IL PERSONAGGIO - Storia del cardinale vietnamita Van Thuân, dichiarato venerabile, temuto dalle autorità perché parlava di amore e perdono.

Catholica

"Ogni uomo è una storia di amore"

Maria Maddalena, "l’apostola della speranza", protagonista dell'Udienza generale di papa Francesco. Il saluto ai familiari delle vittime di Rigopiano.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg