Home > Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

05.11.2017 - aggiornato: 06.11.2017 - 08:46

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Nella foto, la suora e il suo assassino.

Ieri, sabato 4 novembre, in India, una coraggiosa religiosa locale è stata beatificata nella regione di Madhia Pradesh: suor Rani Maria Vattalil ammazzata nel 1995, all’età di 41 anni, con 54 coltellate. Una religiosa diventata troppo scomoda per tanti, a causa della sua opera a favore dei contadini vittime degli usurai.

Nata nel Kerala nel 1954, in una famiglia cristiana di umilissime origini, entrata giovanissima tra le suore Clarisse francescane, suor Rani Maria svolgeva il suo servizio missionario nel villaggio di Udainagar, nella diocesi di Indore. Era infaticabile nel servizio ai più poveri, in particolare quelli delle popolazioni tribali. Ma era anche molto lungimirante: cercava di scongiurare la perdita delle terre da parte dei piccoli contadini attraverso il microcredito e altre forme di autoaiuto. Creò gruppi di sostegno per le donne e aiutò anche nei lavori più faticosi, come la costruzione di un pozzo che consentisse di utilizzare acqua pulita per bere e irrigare i campi.

La sua opera sociale divenne però “scomoda” per i capi villaggio indù, i quali in precedenza tenevano in scacco i tribali con la concessione di prestiti. Le linee di credito “ufficiali” ottenute da sister Rani Maria erano di ostacolo ai commerci dei capi indù, che decisero di fomentare e armare un povero tribale, Samunder Singh. Il 25 febbraio 1995, Samunder, sicuro del loro appoggio, compì l’omicidio della suora davanti a decine di testimoni, mentre ella si trovava su un pullman diretto alla casa di origine a Bhopal.

Subito dopo l’omicidio però, l’assassino venne abbandonato dalla famiglia e da coloro che lo avevano usato per eliminare la suora. L’unico che gli rimase vicino fu un sacerdote indiano, Swamy Sadanand, che lo mise in contatto con la famiglia di origine di sister Rani. Ad AsiaNews sister Selmy Paul, sorella della martire, ha raccontato come la misericordia di Dio abbia agito su di lei e sui fratelli per arrivare al perdono dell’assassino. Chi invece fin da subito ha accolto senza condizioni il povero tribale indù è stata la madre della missionaria, che alla domanda di suor Selmy su che cosa avrebbe fatto se lo avesse incontrato, ella rispose: «Bacerei le sue mani, perché su di esse c’è il sangue di mia figlia».

Anche suor Selmy ebbe il coraggio di andare in carcere ad incontrare Samandar Singh proprio nel giorno in cui si celebra la festa indiana dell’amore fraterno: «Ho legato attorno al polso di Samandar il Rakhi [un braccialetto rosso che simboleggia il legame tra fratelli]. In quel momento l’ho accettato come mio fratello». «Quando ho toccato il corpo ferito a morte di mia sorella - ha raccontato ancora la religiosa - ho ricordato le sue parole: “Non ho paura di morire per i poveri per il bene di Gesù”. In quel momento il mio cuore si è riempito di luce, mi sono seduta e ho ragionato su quelle parole. Il più grande desiderio di sister Rani – morire per i più poveri – era stato esaudito».

Pochi anni più tardi, dopo che era uscito dal carcere, anche i fratelli e la madre di suor Rani Maria, hanno accolto Samandar come un membro della famiglia. Nel toccante incontro in Kerala tra la madre di suor Rani Maria e l’uomo, ormai pentito, l’anziana donna lo ha abbracciato e poi ha esclamato: «Tu sei mio figlio. Sono contenta che tu sia venuto». Come ha raccontato suor Selmy, Samandar Singh «oggi abita a circa 30 km dal nostro convento. Tra di noi c’è una relazione spirituale. Egli viene spesso a farci visita, e ogni anno nel giorno dell’anniversario della morte di suor Rani rende omaggio sulla sua tomba e offre il grano del suo campo come simbolo di una vita rinnovata. Questo è il modo in cui egli proclama la misericordia di Dio».

Oggi, la piaga dell’usura è ancora estremamente dolorosa in India e il riconoscimento di suor Rani Maria come martire è un messaggio chiaro al Paese: non si può continuare a tollerare questo tipo di sfruttamento dei più poveri. I contadini messi fuori mercato dal cambiamento climatico e dalle trasformazioni economiche devono ricorrere agli usurai perché sommersi dai debiti e costretti a vendere le terre. «Siamo certi – afferma mons. Chacko Thottumarickal, vescovo di Indore – che la potente intercessione di suor Rani Maria, che ha lavorato, servito ed è morta per i poveri, renderà il nostro servizio più efficace per il bene di tutte le persone».

(Red)

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg