Home > Catholica

«Occorre una misericordia prudente e saggia»

14.10.2015 - aggiornato: 24.06.2016 - 12:25

Al Sinodo sono stati comunicati i risultati dei lavori a gruppi sui fondamenti teologici della famiglia. Più attenzione al percorso prematrimoniale, programmi specifici per le diverse culture, una definizione chiara di famiglia: ecco alcune delle istanze emerse.

EPA/ETTORE FERRARI

"Non c'è un blocco" al Sinodo ma piuttosto si lavora con "molta energia" con "opinioni diverse" e senza "contrapposizioni ideologiche". Sono affermazioni raccolte durante la conferenza stampa di mercoledì in Vaticano, successiva alla presentazione in aula sinodale del risultato del lavoro a gruppi linguistici di questi giorni.

Padre Lombardi ha dapprima ripreso le parole del Papa all'udienza generale, precisando in sostanza che si tratta di una richiesta di perdono in generale, per cose apparse sulla stampa in questo periodo relative a Roma e al Vaticano.

I casi recenti, noti, sono quelli del monsignore polacco gay e la lettera al Papa scritta da un gruppo di prelati che contestavano il metodo del Sinodo, vero e proprio "giallo" di questi ultimi giorni perchè trasmessa da ignoti ad un blog. I padri sinodali riuniti a gruppi hanno discusso la seconda parte del documento di lavoro. 

 

Due gruppi, un anglofono e un francofono, hanno chiesto un «intervento magisteriale» finale del Papa, che ribadisca con chiarezza «l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e la famiglia". Nell’incontro con la stampa il cardinale Nichols, presidente della conferenza episcopale inglese, ha invece auspicato che il Papa pubblichi un'esortazione apostolica post-sinodale, nel corso, e nello spirito, del giubileo della misericordia. Quanto al lavoro a gruppi condiviso nella mattinata di ieri dall'assemblea, dai circoli italiani è emersa la necessità di comunicare «la bellezza del matrimonio a fronte delle previsioni timorose espresse nella “cultura del provvisorio”». Accanto a ciò si suggerisce di far risaltare le diverse forme di vocazione all’amore (matrimoniale, sacerdotale, consacrato). 

 

I gruppi di lingua italiana hanno chiesto che si «torni alla sorgente zampillante del messaggio di Gesù», una parola che parte dal “principio” della creazione e giunge al compimento della croce e della risurrezione. La comunità cristiana, è stato detto, deve accompagnare tutte le tappe della vita familiare con particolare impegno nel percorso di “iniziazione dei giovani”.

Sulla concretezza della vita quotidiana familiare sono arrivati contributi dal circolo inglese: far comprendere la novità del sacramento cristiano del matrimonio, presentare l’indissolubilità non come un fardello ma quale valore positivo. Sempre dall'ambito anglofono la richiesta di parlare di famiglia con un linguaggio meno giuridico. Bisogna cioè sottolineare le realtà belle e positive e ricordare sempre che «tutti abbiamo bisogno della misericordia di Dio».

 

L’attenzione alle varie culture, con l’idea di programmi catechetici specifici, è stata evidenziata nei gruppi inglesi, che hanno chiesto di comprendere meglio le difficoltà dei giovani riguardo alle scelte matrimoniali.

Dai gruppi in spagnolo è emersa la richiesta di una definizione chiara di “famiglia”, sullo stile di quanto fatto dal Concilio Vaticano II nella Gaudium et spes. Anche da questo circolo è giunto un richiamo allo sguardo concreto sulla vita delle famiglie («il Vangelo diventa carne, tramite l’accoglienza, il perdono, l’incontro, altrimenti il cristianesimo si riduce a retorica o ideologia») e ai graduali percorsi di accoglimento della grazia di Dio. Dai padri è giunto l’invito a riconoscere che ci sono valori positivi anche in altri tipi di famiglia.

Uno sguardo ampio è emerso anche dai rappresentanti di lingua francese, che hanno sottolineato che la Buona novella della famiglia è fonte di speranza per tutti, non solo per i cattolici. Una Chiesa che accompagna le famiglie con una cura pastorale personale e che con prudenza e saggezza sappia essere misericordiosa e comprensiva è stata auspicata dal circolo tedesco. «Misericordia e verità, grazia e giustizia - hanno detto i germanofoni - non sono contrapposizioni perché Dio è amore e la sua è la misericordia con la quale egli ci rende giusti». 

 

(agenzie/red)

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg