Home > Catholica

Da quell’inferno la grazia del sacerdozio

17.09.2017 - aggiornato: 18.09.2017 - 08:15

IL PERSONAGGIO - Tom Colucci, pompiere dell’11 settembre, oggi prete a New York. Il primo incarico: la messa per il 15simo anniversario dell'attentato. 

di Silvia Guggiari

 

Nella tragedia dell’11 settembre di 16 anni fa tutta l’umanità si è chiesta dove fosse Dio in quel momento. Eppure, in quell’inferno, c’è stato qualcuno che Dio l’ha visto e riconosciuto: l’ha scoperto nelle persone che stava salvando, l’ha trovato nei soccorritori che sono morti per aiutare altre persone e nella catena di solidarietà che presto si è creata in quella situazione tanto tragica e devastante.

Per 29 anni Thomas Colucci ha prestato servizio nel Fire Department of New York, salvando vite umane e rendendo onore alla propria professione di pompiere. La mattina dell’11 settembre, Tom stava tornando a casa dopo aver smontato dal turno di notte. Si trovava a pochi isolati quando ha sentito il boato del primo attacco. Da lì nulla è stato più come prima.  Il capitano Colucci si è salvato sotto la Torre Nord che crollava, riparandosi a fatica con altri due pompieri dietro un camion. Tre dei suoi uomini non tornarono: di due non è mai stato trovato il corpo.

 

colucci2.jpg

 

In un video pubblicato in rete, prodotto da TeleMATER, la televisione Cattolica Italiana in USA, Colucci ha ricordato: «Quel giorno abbiamo visto il peggio dell’umanità, ma anche il meglio. Tutti dicono “dov’era Cristo quel giorno?”. Beh, ho visto il Suo volto tra i soccorritori, tra le persone che sono corse ad aiutare». «Come vigile del fuoco - ha dichiarato Tom - ho visto tanta sofferenza e miseria. Ma come ho visto il peggio, ho anche ammirato il meglio dell’umanità. A volte ti chiedi: “Come può Dio permettere questo?”, eppure capita anche che le tragedie ti avvicinano a Dio. Ho capito che voglio aiutare le persone in questi percorsi spirituali».

Dopo aver vissuto l’orrore degli attacchi al World Trade Center, qualcosa si è mosso dentro di lui e ha compreso chiaramente di aver ricevuto la chiamata al sacerdozio. Una fede, quella di Colucci, che non l’ha mai abbandonato nelle varie tappe della sua vita: gli è stata accanto quando ha lasciato l’università ed è diventato pompiere, nel 1985. Era presente quando ha raggiunto il grado di capitano. Tom Colucci, che non si è mai sposato, sentiva da tempo il desiderio di diventare prete. Una vocazione, dunque, coltivata nel corso di una vita intera: con la messa quotidiana, il pellegrinaggio a Roma al tempo ancora di papa Wojtyla e tanti piccoli gesti e scelte di ogni giorno. Ma sono state le scene viste durante l’11 settembre a confermare la sua chiamata che poi ha potuto realizzarsi solamente qualche anno dopo Ground Zero, una volta ottenuta la pensione da pompiere.

 

colucci3.jpg

 

Pochi tempo dopo l’11 settembre, un’esplosione di gas, avvenuta mentre prestava servizio, gli provoca una profonda ferita alla testa. Colucci è costretto a subire due importante interventi chirurgici al cervello; ma i “suoi” piani erano soltanto rimandati. Lasciato il corpo dei vigili del fuoco nel 2005, Tom riesce finalmente ad intraprendere il percorso che lo porterà al sacerdozio: prima qualche anno in un moansatero benedettino, in cui divide in tempo tra il lavoro nel campo, lo studio e la preghiera; poi, l’ingresso in seminario, dove si ritrova a studiare greco, filosofia e teologia tra seminaristi decisamente più giovani di lui.

Nel 2016, all’età di 60 anni, padre Thomas viene ordinato sacerdote durante una cerimonia speciale avvenuta nella chiesa di St. Patrick a New York e officiata dal cardinale Timothy Dolan, presidente della Conferenza Episcopale Americana. «Dio mi ha dato la grazia di essere un vigile del fuoco, e io ho fatto del mio meglio. Ora mi sta dando la grazia di essere un prete, e farò del mio meglio. Ho passato 20 anni a salvare la gente. Ora voglio salvare le loro anime», ha commentato l’ex vigile del fuoco. Durante l’ordinazione sacerdotale, padre Tom sotto le vesti ha indossato una maglietta dei Vigili del Fuoco e una medaglia dedicata a San Floriano, loro patrono.

Il primo incarico importante che gli è stato affidato è stato quello di celebrare la messa cittadina in occasione del quindicesimo anniversario dell’attentato terroristico a New York, l’11 settembre dell’anno scorso.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg