Home > Catholica

"Sarò in azione per gli altri"

02.07.2017 - aggiornato: 02.07.2017 - 21:20

IL PERSONAGGIO - L'addio al calcio di Elisa Mele, talento della seria A femminile, spiegata da lei stessa. "Voglio mettere la mia vita a dispozione del prossimo".

© foto dal web

di Silvia Guggiari

 

La storia di Elisa Mele è quella che tanti ragazzi vorrebbero vivere. La passione e il talento per il calcio la portano, solo 20enne, ad esordire (e a vincere uno scudetto) nella serie A del campionato femminile italiano. Passione e talento, uno senza l’altro non sono nulla. Lei ha la fortuna di aver ricevuto entrambi questi doni che le consentono presto di arrivare in cima ai suoi sogni più belli. Ed è proprio su questa cima che si accorge che i suoi desideri per il futuro non rientrano in un campo da calcio.

La sua storia, in questa settimana, ha fatto il giro di diversi siti italiani: quello che ha fatto notizia non è stato un goal straordinario o una vittoria epica con la maglia del Brescia. Si parla di Elisa per la sua decisione di lasciare definitivamente il mondo del calcio, come scrive in una bellissima lettera pubblicata sul sito della società. Ciò che colpisce è il motivo che l’ha portata a prendere questa decisione e che ci siamo fatti raccontare da lei personalmente: «Non è stata una scelta improvvisa, ci ho pensato tanto e a un certo punto ho capito che quella che avevo intrapreso non era la strada che volevo percorrere per la mia vita. Il mio impegno nel calcio era diventato tutto il mio mondo, non consentendomi di fare nessun’altra attività, dagli studi universitari al volontariato. Mi sono così chiesta chi realmente volevo essere; ho lasciato che mi guidasse il mio cuore e mi sono accorta che mi portava da un’altra parte. Ogni scelta comporta lasciare qualcosa, mi è costato tanto ma sono contenta così».

Un percorso faticoso, pieno sicuramente di dubbi e di paure, ma in cui Elisa non si è mai sentita sola, «la preghiera e le persone che mi vogliono bene sono state determinanti per intraprendere questa scelta». Anche nell’ambiente del calcio ha trovato persone pronte ad accogliere ed accettare la sua decisione: «Ho parlato prima con la mia allenatrice che, lasciando per un momento le sue vesti, mi ha capita e anche aiutata. E anche le mie compagne sono state tutte molto comprensive, anche se qualcuna è rimasta stupita dalla mia confessione».

Il futuro per lei ha ancora tanti punti di domande ma un’unica grande certezza: «Voglio essere di aiuto agli altri, voglio mettere la mia vita a disposizione del prossimo», ci dice Elisa.

«Quello che vorrei è stare in mezzo alla gente, il resto non è ancora definito. Attraverso le tante esperienze di volontariato, dalla mensa della Caritas, alle attività dell’oratorio, ho capito negli anni che stare in mezzo agli altri era quello che desideravo. Ora non so ancora ne il come ne il dove, ma con il tempo lo capirò».

Nel mese di agosto, Elisa partirà con altri suoi coetanei per un mese in missione in Mozambico: «Visiteremo alcuni villaggi colpiti recentemente da un uragano. Qui cercheremo di portare un po’ di sostegno, faremo animazione ai ragazzi e organizzeremo diverse attività, dalla scuola al Grest, a laboratori creativi e sportivi. Io, ovviamente, terrò il laboratorio del calcio». In fondo, Elisa l’aveva già confidato nella sua lettera di addio, in cui si legge: «Lascio il calcio perché mi sono resa conto di voler mettere la mia vita e, quindi, anche questo talento a disposizione degli altri. Il calcio sarà sicuramente uno strumento che utilizzerò in tante occasioni come aggregazione, educazione, gioco».

Poi, una volta tornata a casa, Elisa intraprenderà un nuovo percorso di studi, ma su questo preferisce mantenere ancora un po’ di riservatezza: «non so ancora esattamente a cosa mi iscriverò, ma saranno sicuramente degli studi legati alla filosofia e alla teologia».

Al termine della nostra chiacchierata, Elisa ci confida di essere lusingata delle attenzioni ricevute dai media, «alla fine - dice con molta modestia - sono tanti i giovani, come me, che quotidianamente compiono scelte importanti senza che nessuno ne dia notizia. Sono contenta però della diffusione delle mie parole perché penso che anche questo sia un modo per essere di aiuto agli altri ed è proprio quello che voglio fare nella mia vita».

 

 

 

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg