Home > Catholica

Tutta la grinta di suor Giò

16.07.2017 - aggiornato: 16.07.2017 - 10:09

IL PERSONAGGIO - Una consacrata ai vertici dell’AGIL Volley Novara, società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore, dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A.

Dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A, è la storia di una società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore appartenenti alla Congregazione della Carità di San Vincenzo De’ Paoli. Ebbene si, nel 1983 alcune consacrate sono “scese in campo” a Trecate (in provincia di Novara, in Piemonte) e hanno creato una squadra oratoriale con l’obiettivo di diffondere i valori cristiani attraverso lo sport, tanto da intitolarla con l’acronimo AGIL, ovvero Amicizia Gioia Impegno e Lealtà.

Le prime sfide, negli anni ‘80, sono quelle dei tornei della Polisportiva, per poi iniziare, nel 1989, la scalata verso la Serie A, la vetta del professionismo, dove la squadra vi arriva una prima volta nel campionato 2000-2001, una seconda nel 2013, e dove quest’anno ha conquistato il suo primo scudetto.

Anima del club, oggi come 30 anni fa, è suor Giovanna Saporiti, meglio nota come “la Presidente”. È lei che, al microfono di Gino Driussi per la trasmissione “Chiese in diretta”, ha raccontato come quei valori su cui la società è partita siano ancora quelli «che ancora oggi vengono portati avanti ai massimi livelli del campionato italiano. Ho trovato un gruppo di sponsor - racconta suor Giò, come viene confidenzialmente chiamata - che approvano i valori in cui crediamo fortemente ed è stato dunque abbastanza facile creare sinergia con loro, diventando tutti insieme una Squadra».

Nata in ambito oratoriale, l’AGIL Volley ha alla base un progetto molto semplice che aveva come obiettivo quello di educare attraverso lo sport. Poi, «pian piano, è diventato qualcosa di grande che ci ha portati fino alla serie A. È nato con un fine educativo, ma ora è diventato anche un progetto sociale grazie anche agli sponsor che credono nel nostro operato, e di questo siamo molto orgogliosi».

Una scalata, quella realizzata dall’AGIL Volley, davvero incredibile e quasi inaspettata. Ma come è stata possibile? «Quando si inizia - racconta suor Giovanna - si spera sempre di fare il bene e il meglio possibile. Dire che non avevamo mai avuto desiderio di essere ad alti livelli non è corretto, certamente non è quello che ci ha mossi come primo operare: alla base di tutto c’era infatti la volontà di educare le ragazze attraverso lo sport. Sicuramente in tutti questi anni abbiamo iniziato a capire come muoverci in questo mondo, nella federazione e nello sport agonistico, e abbiamo iniziato ad affinare le nostre conoscenze, prendendo contatti con dirigenti giusti, allenatori bravi e il percorso si è così completato. Quando siamo arrivati in A è stata una sorpresa, ma è stata anche una grandissima soddisfazione».

Una storia, dunque, che racconta di uno sport sano e pulito, dal punto di vista di chi lo pratica ma anche di chi ci sta intorno. Nulla di meno scontato in una società in cui lo sport agonistico è spesso diventato centro nevralgico di interessi economici. «Siamo legati a diversi imprenditori - confida la Presidente - che hanno un credo importante etico e morale: non è stato per niente difficile, dunque, mantenere saldi i nostri valori. Questo ci ha permesso di non raggiungere mai compromessi scomodi».

Un impegno, quello di suor Giovanna Saporiti, che nasce, oltre che dalla sua grande passione per lo sport, dalla forte volontà della Congregazione che, «in un certo momento ha sostenuto la società anche economicamente per poter permettere di poter portare avanti questo credo anche attraverso lo sport». Più che un incarico, dunque, quello di suor Giovanna e delle sue consorelle è una missione, all’interno della quale cercano di incarnare e trasmettere i valori cristiani, «anche se a volte non è semplice come non lo è per qualsiasi cristiano». «Noi non imponiamo niente - continua la religiosa -, ma quando le ragazze arrivano nella società sanno che alla guida c’è una Congregazione di suore e che il presidente è una di loro. Sanno anche che i valori sono una parte fondamentale. Io continuo a dire loro che sono dei modelli di riferimento per le più giovani e questo è per me fondamentale. Per il resto, sono convinta che le cose di Dio si comunichino vivendole».         

(S.G.)

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg