Home > Catholica

Tutta la grinta di suor Giò

16.07.2017 - aggiornato: 16.07.2017 - 10:09

IL PERSONAGGIO - Una consacrata ai vertici dell’AGIL Volley Novara, società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore, dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A.

Dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A, è la storia di una società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore appartenenti alla Congregazione della Carità di San Vincenzo De’ Paoli. Ebbene si, nel 1983 alcune consacrate sono “scese in campo” a Trecate (in provincia di Novara, in Piemonte) e hanno creato una squadra oratoriale con l’obiettivo di diffondere i valori cristiani attraverso lo sport, tanto da intitolarla con l’acronimo AGIL, ovvero Amicizia Gioia Impegno e Lealtà.

Le prime sfide, negli anni ‘80, sono quelle dei tornei della Polisportiva, per poi iniziare, nel 1989, la scalata verso la Serie A, la vetta del professionismo, dove la squadra vi arriva una prima volta nel campionato 2000-2001, una seconda nel 2013, e dove quest’anno ha conquistato il suo primo scudetto.

Anima del club, oggi come 30 anni fa, è suor Giovanna Saporiti, meglio nota come “la Presidente”. È lei che, al microfono di Gino Driussi per la trasmissione “Chiese in diretta”, ha raccontato come quei valori su cui la società è partita siano ancora quelli «che ancora oggi vengono portati avanti ai massimi livelli del campionato italiano. Ho trovato un gruppo di sponsor - racconta suor Giò, come viene confidenzialmente chiamata - che approvano i valori in cui crediamo fortemente ed è stato dunque abbastanza facile creare sinergia con loro, diventando tutti insieme una Squadra».

Nata in ambito oratoriale, l’AGIL Volley ha alla base un progetto molto semplice che aveva come obiettivo quello di educare attraverso lo sport. Poi, «pian piano, è diventato qualcosa di grande che ci ha portati fino alla serie A. È nato con un fine educativo, ma ora è diventato anche un progetto sociale grazie anche agli sponsor che credono nel nostro operato, e di questo siamo molto orgogliosi».

Una scalata, quella realizzata dall’AGIL Volley, davvero incredibile e quasi inaspettata. Ma come è stata possibile? «Quando si inizia - racconta suor Giovanna - si spera sempre di fare il bene e il meglio possibile. Dire che non avevamo mai avuto desiderio di essere ad alti livelli non è corretto, certamente non è quello che ci ha mossi come primo operare: alla base di tutto c’era infatti la volontà di educare le ragazze attraverso lo sport. Sicuramente in tutti questi anni abbiamo iniziato a capire come muoverci in questo mondo, nella federazione e nello sport agonistico, e abbiamo iniziato ad affinare le nostre conoscenze, prendendo contatti con dirigenti giusti, allenatori bravi e il percorso si è così completato. Quando siamo arrivati in A è stata una sorpresa, ma è stata anche una grandissima soddisfazione».

Una storia, dunque, che racconta di uno sport sano e pulito, dal punto di vista di chi lo pratica ma anche di chi ci sta intorno. Nulla di meno scontato in una società in cui lo sport agonistico è spesso diventato centro nevralgico di interessi economici. «Siamo legati a diversi imprenditori - confida la Presidente - che hanno un credo importante etico e morale: non è stato per niente difficile, dunque, mantenere saldi i nostri valori. Questo ci ha permesso di non raggiungere mai compromessi scomodi».

Un impegno, quello di suor Giovanna Saporiti, che nasce, oltre che dalla sua grande passione per lo sport, dalla forte volontà della Congregazione che, «in un certo momento ha sostenuto la società anche economicamente per poter permettere di poter portare avanti questo credo anche attraverso lo sport». Più che un incarico, dunque, quello di suor Giovanna e delle sue consorelle è una missione, all’interno della quale cercano di incarnare e trasmettere i valori cristiani, «anche se a volte non è semplice come non lo è per qualsiasi cristiano». «Noi non imponiamo niente - continua la religiosa -, ma quando le ragazze arrivano nella società sanno che alla guida c’è una Congregazione di suore e che il presidente è una di loro. Sanno anche che i valori sono una parte fondamentale. Io continuo a dire loro che sono dei modelli di riferimento per le più giovani e questo è per me fondamentale. Per il resto, sono convinta che le cose di Dio si comunichino vivendole».         

(S.G.)

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Catholica

"La famiglia non è un ideale astratto”

SPECIALE SABATO -  Mons. Vincenzo Paglia ci illustra il rinnovamento accademico in atto nel centro di studi dopo il Motu Proprio di papa Francesco.

Catholica

Scartate da tutti, oggi sono capolavori

IL PERSONAGGIO - In Uganda, Paese poverissimo e martoriato dalle violenze, suor Rosemary Nyirumbe ha ridato speranza a oltre 2.000 ragazze.

Catholica

Una fede ragionata, vissuta e praticata

IL PERSONAGGIO - È quella di Bono, cantante degli U2, che ha fatto di nuovo parlare di sé per le recenti foto sui social mentre riceve l'Eucarestia e posa coi …

Catholica

Edizione speciale del Catechismo

Stampato a Varese per i 25 anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica promulgata da Giovanni Paolo II. Presenta un nuovo commento teologico pastorale.

Catholica

"Il cristiano non è fatto per la noia"

Nell'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ha spiegato che la nostra esistenza sia laboriosa, per accogliere con gratitudine ogni giorno donatoci da Dio.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Asia

Francesco, che si recherà dal 26 novembre al 2 dicembre in Myanmar e Bangladesh, incontrerà i giovani dei due Paesi e parteciperà a incontri interreligiosi …

Catholica

Testimone della fede fino all’ultimo istante

IL PERSONAGGIO - Il martirio di Giovan Battista Sidotti, morto in Giappone nel 1715. Abate palermitano è stato ucciso per aver battezzato i suoi custodi. 

Catholica

"Quando è tutto nuvoloso, parlate di sole"

All'Udienza generale, nel giorno di San Francesco d'Assisi, il Papa ha ricordato come i cristiani siano "persone che propagano speranza con il loro modo di amare …

Catholica

Da Daro a Roma: prete, vescovo ed educatore

IL PERSONAGGIO - Un ricordo di Mons. Danzi a 10 anni dalla scomparsa. Il cardinale Scola: "Era un uomo libero e perciò spesso scomodo".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg