Home > Catholica

Tutta la grinta di suor Giò

16.07.2017 - aggiornato: 16.07.2017 - 11:09

IL PERSONAGGIO - Una consacrata ai vertici dell’AGIL Volley Novara, società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore, dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A.

Dai campi dell’oratorio a quelli di Serie A, è la storia di una società italiana di pallavolo fondata da... quattro suore appartenenti alla Congregazione della Carità di San Vincenzo De’ Paoli. Ebbene si, nel 1983 alcune consacrate sono “scese in campo” a Trecate (in provincia di Novara, in Piemonte) e hanno creato una squadra oratoriale con l’obiettivo di diffondere i valori cristiani attraverso lo sport, tanto da intitolarla con l’acronimo AGIL, ovvero Amicizia Gioia Impegno e Lealtà.

Le prime sfide, negli anni ‘80, sono quelle dei tornei della Polisportiva, per poi iniziare, nel 1989, la scalata verso la Serie A, la vetta del professionismo, dove la squadra vi arriva una prima volta nel campionato 2000-2001, una seconda nel 2013, e dove quest’anno ha conquistato il suo primo scudetto.

Anima del club, oggi come 30 anni fa, è suor Giovanna Saporiti, meglio nota come “la Presidente”. È lei che, al microfono di Gino Driussi per la trasmissione “Chiese in diretta”, ha raccontato come quei valori su cui la società è partita siano ancora quelli «che ancora oggi vengono portati avanti ai massimi livelli del campionato italiano. Ho trovato un gruppo di sponsor - racconta suor Giò, come viene confidenzialmente chiamata - che approvano i valori in cui crediamo fortemente ed è stato dunque abbastanza facile creare sinergia con loro, diventando tutti insieme una Squadra».

Nata in ambito oratoriale, l’AGIL Volley ha alla base un progetto molto semplice che aveva come obiettivo quello di educare attraverso lo sport. Poi, «pian piano, è diventato qualcosa di grande che ci ha portati fino alla serie A. È nato con un fine educativo, ma ora è diventato anche un progetto sociale grazie anche agli sponsor che credono nel nostro operato, e di questo siamo molto orgogliosi».

Una scalata, quella realizzata dall’AGIL Volley, davvero incredibile e quasi inaspettata. Ma come è stata possibile? «Quando si inizia - racconta suor Giovanna - si spera sempre di fare il bene e il meglio possibile. Dire che non avevamo mai avuto desiderio di essere ad alti livelli non è corretto, certamente non è quello che ci ha mossi come primo operare: alla base di tutto c’era infatti la volontà di educare le ragazze attraverso lo sport. Sicuramente in tutti questi anni abbiamo iniziato a capire come muoverci in questo mondo, nella federazione e nello sport agonistico, e abbiamo iniziato ad affinare le nostre conoscenze, prendendo contatti con dirigenti giusti, allenatori bravi e il percorso si è così completato. Quando siamo arrivati in A è stata una sorpresa, ma è stata anche una grandissima soddisfazione».

Una storia, dunque, che racconta di uno sport sano e pulito, dal punto di vista di chi lo pratica ma anche di chi ci sta intorno. Nulla di meno scontato in una società in cui lo sport agonistico è spesso diventato centro nevralgico di interessi economici. «Siamo legati a diversi imprenditori - confida la Presidente - che hanno un credo importante etico e morale: non è stato per niente difficile, dunque, mantenere saldi i nostri valori. Questo ci ha permesso di non raggiungere mai compromessi scomodi».

Un impegno, quello di suor Giovanna Saporiti, che nasce, oltre che dalla sua grande passione per lo sport, dalla forte volontà della Congregazione che, «in un certo momento ha sostenuto la società anche economicamente per poter permettere di poter portare avanti questo credo anche attraverso lo sport». Più che un incarico, dunque, quello di suor Giovanna e delle sue consorelle è una missione, all’interno della quale cercano di incarnare e trasmettere i valori cristiani, «anche se a volte non è semplice come non lo è per qualsiasi cristiano». «Noi non imponiamo niente - continua la religiosa -, ma quando le ragazze arrivano nella società sanno che alla guida c’è una Congregazione di suore e che il presidente è una di loro. Sanno anche che i valori sono una parte fondamentale. Io continuo a dire loro che sono dei modelli di riferimento per le più giovani e questo è per me fondamentale. Per il resto, sono convinta che le cose di Dio si comunichino vivendole».         

(S.G.)

Catholica

Un popolo capace di fare figli ha futuro

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha ricordato le tappe del suo viaggio in Colombia. Al termine ha anche volto un pensiero alle vittime dell'alluvione a Livorno …

Catholica

Don Del-Pietro, una vita per i lavoratori

IL PERSONAGGIO - Ricorrono in questi giorni i 40 anni dalla morte del sacerdote ticinese, padre dell’OCST, che contribuì a dare al Ticino del dopoguerra il suo …

Catholica

A Taizé, dove Dio bussa al cuore dei giovani

SPECIALE SABATO - Un gruppo di ticinesi ha partecipato con 4mila giovani di tutta Europa a una settimana di vita comunitaria, amicizia e preghiera con i monaci della …

Catholica

"A difesa dei poveri nel nome del Vangelo"

SPECIALE SABATO - L'Arcivescovo Becciu, della Segreteria di Stato vaticana, ci parla di alcuni temi del magistero sociale del Papa alla vigilia del suo viaggio in Colombia …

Catholica

Si è spento l'ex primate inglese Murphy O'Connor

Murphy-O'Connor, arcivescovo emerito di Westminster e già primate cattolico d'Inghilterra e Galles, è stato il primo arcivescovo cattolico a recitare …

Catholica

Il Papa in dialogo con il sociologo Walton

Verrà dato prossimamente alle stampe in Francia un libro, dal titolo “Politique et société”, che contiene la trascrizione di dodici dialoghi di …

Catholica

Il viaggio del Papa in Colombia

Il Pontefice partirà mercoledì 6 settembre e farà tappa a Bogotà, Villavicencio, Madellin e Cartagena. Il suo rientro in Vaticano è …

Catholica

Il Papa in Myanmar e Bangladesh

Ufficiali le date in cui Francesco compirà un Viaggio Apostolico: dal 27 al 30 novembre in Myanmar e dal 30 novembre al 2 dicembre sarà in Bangladesh.

Catholica

Un'opera di speranza dove non c'era nulla

IL PERSONAGGIO - Padre Mario Pantaleo, un’amicizia che continua a Buenos Aires, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati.

Catholica

"Dio piange con noi e ci sorprende"

(LE FOTO) Così il Papa nell'udienza generale del mercoledì, che è proseguita sul tema della speranza cristiana. Al termine Francesco ha pregato per i …

Catholica

37 milioni di follower per il Papa

I nove account Twitter del Pontefice hanno raggiunto un importante traguardo "social".

Catholica

Eremita in Svizzera: un ex agente ci prova

IL PERSONAGGIO - La storia di Micheal Daum, ex poliziotto tedesco, che si è ritirato nell’ottobre 2016 nell’antico eremitaggio di Santa Verena, a nord …

Catholica

Papa, ferie per la cura della sciatica

Se è vero che Bergoglio non va in vacanza dal 1974, è anche vero però che da tempo si prende del tempo in estate per curare la sua salute.

Catholica

"Peccatori che sperimentano la misericordia"

Così il Papa durante la seconda udienza generale dopo la pausa di luglio. Al termine della catechesi Francesco ha ricordato la strage in chiesa in Nigeria.

Catholica

"Senza gambe, senza braccia, senza limiti"

IL PERSONAGGIO - L'incredibile storia del giovane australiano Nick Vujicic, che gira il mondo per portare il suo messaggio di pace e speranza.

Catholica

Il cartello del Papa "Vietato lamentarsi"

Francesco, che trascorre le sue ferie rimanendo a casa senza perdere il buonumore, l'ha appeso all'ingresso del suo appartamento a Santa Marta.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg