Home > Catholica

Uganda: l’ecumenismo formidabile dei martiri

28.11.2015 - aggiornato: 28.11.2015 - 15:02

Oggi il Papa ricorda i Martiri ugandesi (1885-1887), uccisi perché si erano rifiutati di rinunciare alla loro fede.

(foto web)

Seconda tappa del viaggio di papa Francesco in Africa è l’Uganda dove il Santo Padre, proprio oggi, renderà omaggio ai Martiri ugandesi visitando i due Santuari a loro dedicati e celebrando una Messa in loro memoria. Ma non si tratta di un semplice ricordo. 

Il Pontefice, infatti, è stato invitato dai Vescovi dell’Uganda a celebrare i cinquant’anni della canonizzazione dei Martiri Ugandesi. 

I ventidue Martiri, uccisi perché si erano rifiutati di rinunciare alla loro fede, furono canonizzati nell’ottobre 1964 da Papa Paolo VI con una solenne cerimonia nella Basilica di San Pietro.

La Chiesa ugandese ha avviato da tempo i preparativi per le celebrazioni del Giubileo d’Oro della canonizzazione con un congresso diocesano dedicato alla figura dei ventidue Santi. Tra questi vi è anche Carlo Lwanga, capo dei paggi della corte del re di Buganda Mwanga II, perseguitato e ucciso nel 1886, e considerato essere il più famoso dei Martiri dell’Uganda.

Appartenente al clan Ngabi, fu convertito al cattolicesimo dai missionari Padri bianchi del cardinale Charles Lavigerie. 

Inizialmente l’opera dei Padri Bianchi, avviata nel 1879, venne ben accolta dal re Mutesa così come dal successore Mwanga, che però si fece influenzare dal cancelliere del regno e dal capotribù, tanto che decise la soppressione fisica dei cristiani.
Re Mwanga, infatti, vedeva nel cristianesimo il maggior pericolo per le tradizioni tribali ed il maggior ostacolo per le sue dissolutezze. 

Così, tra il 1885 e il 1887 si consumò una spietata persecuzione nei confronti dei cristiani. In tanti morirono trafitti da lame di spade o bruciati vivi. Molti di questi perirono proprio per mano diretta del re Mwanga.

Prima illustre vittima fu il vescovo anglicano Hannington. Di seguito almeno altri 200 giovani (di età compresa tra i quattordici ed i trent’anni) furono uccisi per la loro fede. 

 

Il 15 novembre 1885 Mwanga fece decapitare il maestro dei paggi e prefetto della sala reale Joseph Mukasa Balikuddembè. Aveva appena venticinque anni.
Dopo il martirio di Joseph Mukasa, Carlo Lwanga fu chiamato a prendere il suo posto. 

Il 25 maggio 1886 fu condannato a morte insieme ad un gruppo di cristiani e quattro catecumeni, che nella notte riuscì a battezzare segretamente. Il più giovane, Kizito, del clan Mmamba, aveva appena quattordici anni e a lui Lwanga disse: «Io ti prenderò per mano, se dobbiamo morire per Gesù moriremo insieme, mano nella mano». Fu arso vivo il 3 giugno 1886 sulla collina di Namugongo insieme ad altri cattolici e anglicani. 

Su quella stessa collina oggi sorge un Santuario a loro dedicato e consacrato da Paolo VI nel 1969 durante il suo viaggio in Africa.
I ventidue Martiri ugandesi furono già beatificati da papa Benedetto XV nel 1920 e la cosa, all’epoca, destò un certo scalpore: si trattava, infatti, dei primi sub-sahariani ad essere riconosciuti martiri e, in quanto tali, venerati dalla Chiesa cattolica.

Nel gruppo di questi martiri figurano, tra gli altri, anche Luca Baanabakintu, Gyaviira Musoke e Mbaga Tuzinde, tutti del clan Mmamba; Giacomo Buuzabalyawo, figlio del tessitore reale e appartenente al clan Ngeye; Ambrogio Kibuuka, del clan Lugane e Anatolio Kiriggwajjo, guardiano delle mandrie del re; dal cameriere del re, Mukasa Kiriwawanvu e dal guardiano delle mandrie del re, Adolofo Mukasa Ludico, del clan Ba’Toro; dal sarto reale Mugagga Lubowa, del clan Ngo, da Achilleo Kiwanuka (clan Lugave) e da Bruno Sserunkuuma (clan Ndiga). 

Chi assistette all’esecuzione rimase impressionato dal sentirli pregare fino alla fine, senza un gemito. Fu un martirio che non spense la fede in Uganda. Anzi. Fu seme di tantissime conversioni.                          
                             

    (agenzie/red)

Catholica

Venduta la Lamborghini "del Papa"

Il ricavato dell'asta, 715mila euro, sarà destinato al finanziamento di tre progetti di carità. L'auto era stata donata a Francesco lo scorso 27 novembre …

Catholica

La suora che "cura" il Sud Sudan

IL PERSONAGGIO - Conosciamo suor Maria Martinelli, medico chirurgo in Sud Sudan, che venerdì sera ha portato la sua testimonianza al centro San Giuseppe di Lugano.

Catholica

Don Tonino, prete dalla parte degli ultimi

IL PERSONAGGIO - Mons. Antonio Bello, un vescovo dalle scelte forti e coraggiose, che il Papa ha voluto omaggiare visitando le sue terre e pregando sulla sua tomba.

Catholica

I 91 anni di papa Ratzinger

Per il compleanno del papa emerito viene presentato il documentario "Benedetto XVI, l’ora della verità", in onda per l'occasione su TV2000.

Catholica

Lo spunto per la predica? Da un'App

È nata l'applicazione che aiuta i sacerdoti nelle omelie. È il teologo Rupnik l’autore dei testi di "Clerus-App", l’ultimo strumento …

Catholica

"Sono rimasta, come atto d'amore"

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - Conosciamo meglio Anan Alkass Yousif, vergine consacrata in una Baghdad dilaniata​.

Catholica

Speranza dentro la miseria

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - La svizzera Lotti Latrous ha lasciato tutto per aiutare i malati di Aids.

Catholica

Accanto a chi porta una croce pesante

SPECIALE SETTIMANA SANTA - Incontro con don Vincent, cappellano della Fondazione Maddalena Grassi di Milano, che si occupa di disabili gravi e malati incurabili.

Catholica

Ricostruite le fattezze dell'uomo della Sindone

La rappresentazione 3D è stata realizzata da un artista a partire dagli studi di un professore dell’Università di Padova, studioso della reliquia.

Catholica

"Desidero vedere gli Adivasi felici"

SACRIFICIO QUARESIMALE - Dall’India la testimonianza di padre Caesar, uno degli ospiti della Campagna Ecumenica, che presenta il progetto nello Stato dell’Assam.

Catholica

In scena il dramma di Cristo sulla croce

IL PERSONAGGIO - Padre Finco, francescano che da anni firma spettacoli teatrali, propone nella chiesa del monastero delle Clarisse di Cademario l'opera di Haydn …

Catholica

Lanciato il trailer del film sul Papa

(IL VIDEO) "Papa Francesco. Un uomo di parola", che prende spunto dalla volontà che non fosse un film su papa Francesco ma con papa Francesco.

Catholica

Sulle sue labbra il "programma di Cristo"

IL PERSONAGGIO - Questa settimana vi presentiamo don Francesco Alberti, al centro di un incontro nell’ambito degli eventi de "Il Giardino dei Giusti" di …

Catholica

Verso il cambiamento tutelando i braccianti

SPECIALE SABATO - È in Sudafrica uno dei progetti della campagna ecumenica di Sacrificio Quaresimale, che si impegna in particolare nella formazione dei lavoratori.

Catholica

Musica e fede a sostegno dei più piccoli

SPECIALE SABATO - "Medjugorje per l’infanzia" compie 30 anni; numerosi i progetti concretizzati a favore di bambini e minorenni a cui la vita aveva tolto le …

Catholica

Viaggio del Papa nei Paesi baltici

Francesco si recherà in Lituania, Lettonia ed Estonia dal 22 al 25 settembre di quest'anno, dando seguito a un invito dei rispettivi capo di Stato e dei Vescovi.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg