Home > Catholica

Un soffio che nulla potrà soffocare

26.03.2016 - aggiornato: 30.03.2016 - 10:50
Mentre si depositano i detriti sempre più vicini di un’Europa precaria scossa dalle bombe, un volto come questo riemerge dai secoli per puntarci i suoi occhi addosso, reclamando un’attenzione esclusiva sulla soglia della Pasqua. 

Gaudenzio Ferrari, Cristo, 1505-1514 circa, legno di tiglio policromato e crini, cm 177 x 56, dalla Cappella dell’andata al Pretorio (XXXII) del Sacro Monte di Varallo (particolare del volto).

 

di Davide Dall'Ombra

 

 

Mentre si depositano i detriti sempre più vicini di un’Europa precaria scossa dalle bombe, un volto come questo riemerge dai secoli per puntarci i suoi occhi addosso, reclamando un’attenzione esclusiva sulla soglia della Pasqua. Ecce Homo. Questo Cristo scolpito da Gaudenzio Ferrari al principio del Cinquecento, si propone a noi disarmato e potentissimo insieme.  

 

Giovanni Testori, che ha scoperto quest’opera al Sacro Monte di Varallo, diceva che Gaudenzio è inconfondibile perché “solo lui sa rappresentare Cristo con questa tenerezza, e insieme con questa freschezza, così che, mentre lo guardi, ti sembra di sentirlo respirare…”. Ed è la vita, quel tenace soffio di vita, a farci rimanere incolati a quegli occhi. A respirare non sono solo le dolci labbra socchiuse ma, si direbbe, tutta la pelle, candida e soffusa di un rossore delicato e impalpabile. “Gaudenzio – continua Testori – ha bisogno di sentirsi e muoversi nell’interno e nel pieno della materia. In essa la mano tocca, affonda e a furia di carezze crea un soffio, un palpito, una forma. La scultura, in lui, da stilema plastico diventa trepidante verità, umana e carnale concrezione; da parer, ecco, un calco eseguito direttamente sul corpo dell’uomo a furia di sguardi, di carezze, di pensieri e gesti d’amore”. Parole che aderiscono come un guanto a un’opera come questa, che pur è scolpita nel legno di tiglio, e non plasmata in terracotta, come lo stesso Gaudenzio e tutti i plasticatori del Sacro Monte varallino avrebbero fatto di lì a poco. Il recente restauro della straordinaria bottega bergamasca dei Gritti ci ha restituito un’opera intatta e carica di una storia che l’ha attraversata senza sovrastarla. Questa statua venne spostata dalla Cappella 40 alla Cappella 32, in una delle molteplici riorganizzazioni del percorso del Sacro Monte che comportarono il riutilizzo di statue antiche in nuovi contesti. Ma ciò che ci interessa non è tanto che questo Cristo non si accinga più a salire il Calvario, come in origine, ma la Scala santa del Pretorio, sono due frangenti della stessa storia.

 

Ciò che sorprende è che i fabbricieri del Sacro Monte, nei decenni successivi la sua esecuzione, abbiano sentito la necessità di smorzare la dolcezza sterminata di questo volto, la sua umanità disarmata ma non inerte. Sebbene le fonti non ci rendano certi di come siano andate le cose nei convulsi anni di spostamenti tra cappelle e le loro riconversioni in nuovi temi, ciò che appare chiaro è che al Cristo, nel corso del Cinquecento, è stato affiancato un terribile Manigoldo, un volto, qui riprodotto, che non potremmo pensare più antitetico a quello di Gesù. Una maschera caricaturale, mutuata dai disegni grotteschi di Leonardo, un vero mostro subumano posto a garanzia del destino di truculenza che spetterà alle carni mortali del Redentore, utile a contrapporre la bellezza della bontà alla bruttezza della malvagità, in un dittico caro al Vinci e alla Maniera a seguire. Ma non bastasse un garante di siffatta spaventevolezza, probabilmente in decenni ancora successivi, si è avvertita la necessità di intervenire direttamente sul volto di Gesù.

 

Quegli occhi e l’incarnato leggero ci appaiono ora solcati da pesanti gocciolature di colore-sangue, dense eruzioni di rubino, concretate con una materia estranea alla delicatezza originale, gocciolature tridimensionali che ne tramano gli incarnati e nascondono i delicati rigoli ematici dipinti da Gaudenzio. Certo, probabilmente in pieno Seicento, il mutamento della sensibilità religiosa è sufficiente a spiegare questa scelta, come anche l’aggiunta di pesanti striature di sangue estese a tutto il corpo. Ma dopo l’affiancamento dello spaventevole Manigoldo, quest’intervento su un’opera di Gaudenzio, considerato il canone cui ogni scultore del Sacro Monte era espressamente tenuto ad adeguarsi, ci fa pensare che la dolcezza sconfinata, la forza della delicatezza che traspaiono da questo volto sembrassero insopportabili, colpevoli di stemperare il dramma del racconto. E, in effetti, se ci soffermiamo più di qualche secondo su questo volto, ci accorgiamo che non bastano quei rivoli di sangue raggrumato e la corona di spine per farci propendere per la vittoria della morte. Quel soffio di vita arriva intatto fino a noi e quest’immagine ci rimane sospesa negli occhi come questo sabato, carico di tutta la violenza della morte ingiusta e dell’ingiustizia della morte, ma attaccato a quel soffio di vita che potrà sospendersi, ma che nulla potrà soffocare.

 

___________________________________

Il Cristo e il Manigoldo sono eccezionalmente visibili a tutto tondo e in modo ravvicinato in un tour che dal Castello Sforzesco di Milano (fino al 3 aprile) la porterà nella casa Giovanni Testori a Novate Milanese (dal 9 aprile) e oltre... Info: www.casatestori.it.

 

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Catholica

"La famiglia non è un ideale astratto”

SPECIALE SABATO -  Mons. Vincenzo Paglia ci illustra il rinnovamento accademico in atto nel centro di studi dopo il Motu Proprio di papa Francesco.

Catholica

Scartate da tutti, oggi sono capolavori

IL PERSONAGGIO - In Uganda, Paese poverissimo e martoriato dalle violenze, suor Rosemary Nyirumbe ha ridato speranza a oltre 2.000 ragazze.

Catholica

Una fede ragionata, vissuta e praticata

IL PERSONAGGIO - È quella di Bono, cantante degli U2, che ha fatto di nuovo parlare di sé per le recenti foto sui social mentre riceve l'Eucarestia e posa coi …

Catholica

Edizione speciale del Catechismo

Stampato a Varese per i 25 anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica promulgata da Giovanni Paolo II. Presenta un nuovo commento teologico pastorale.

Catholica

"Il cristiano non è fatto per la noia"

Nell'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ha spiegato che la nostra esistenza sia laboriosa, per accogliere con gratitudine ogni giorno donatoci da Dio.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Asia

Francesco, che si recherà dal 26 novembre al 2 dicembre in Myanmar e Bangladesh, incontrerà i giovani dei due Paesi e parteciperà a incontri interreligiosi …

Catholica

Testimone della fede fino all’ultimo istante

IL PERSONAGGIO - Il martirio di Giovan Battista Sidotti, morto in Giappone nel 1715. Abate palermitano è stato ucciso per aver battezzato i suoi custodi. 

Catholica

"Quando è tutto nuvoloso, parlate di sole"

All'Udienza generale, nel giorno di San Francesco d'Assisi, il Papa ha ricordato come i cristiani siano "persone che propagano speranza con il loro modo di amare …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg