Home > Catholica

Un soffio che nulla potrà soffocare

26.03.2016 - aggiornato: 30.03.2016 - 10:50
Mentre si depositano i detriti sempre più vicini di un’Europa precaria scossa dalle bombe, un volto come questo riemerge dai secoli per puntarci i suoi occhi addosso, reclamando un’attenzione esclusiva sulla soglia della Pasqua. 

Gaudenzio Ferrari, Cristo, 1505-1514 circa, legno di tiglio policromato e crini, cm 177 x 56, dalla Cappella dell’andata al Pretorio (XXXII) del Sacro Monte di Varallo (particolare del volto).

 

di Davide Dall'Ombra

 

 

Mentre si depositano i detriti sempre più vicini di un’Europa precaria scossa dalle bombe, un volto come questo riemerge dai secoli per puntarci i suoi occhi addosso, reclamando un’attenzione esclusiva sulla soglia della Pasqua. Ecce Homo. Questo Cristo scolpito da Gaudenzio Ferrari al principio del Cinquecento, si propone a noi disarmato e potentissimo insieme.  

 

Giovanni Testori, che ha scoperto quest’opera al Sacro Monte di Varallo, diceva che Gaudenzio è inconfondibile perché “solo lui sa rappresentare Cristo con questa tenerezza, e insieme con questa freschezza, così che, mentre lo guardi, ti sembra di sentirlo respirare…”. Ed è la vita, quel tenace soffio di vita, a farci rimanere incolati a quegli occhi. A respirare non sono solo le dolci labbra socchiuse ma, si direbbe, tutta la pelle, candida e soffusa di un rossore delicato e impalpabile. “Gaudenzio – continua Testori – ha bisogno di sentirsi e muoversi nell’interno e nel pieno della materia. In essa la mano tocca, affonda e a furia di carezze crea un soffio, un palpito, una forma. La scultura, in lui, da stilema plastico diventa trepidante verità, umana e carnale concrezione; da parer, ecco, un calco eseguito direttamente sul corpo dell’uomo a furia di sguardi, di carezze, di pensieri e gesti d’amore”. Parole che aderiscono come un guanto a un’opera come questa, che pur è scolpita nel legno di tiglio, e non plasmata in terracotta, come lo stesso Gaudenzio e tutti i plasticatori del Sacro Monte varallino avrebbero fatto di lì a poco. Il recente restauro della straordinaria bottega bergamasca dei Gritti ci ha restituito un’opera intatta e carica di una storia che l’ha attraversata senza sovrastarla. Questa statua venne spostata dalla Cappella 40 alla Cappella 32, in una delle molteplici riorganizzazioni del percorso del Sacro Monte che comportarono il riutilizzo di statue antiche in nuovi contesti. Ma ciò che ci interessa non è tanto che questo Cristo non si accinga più a salire il Calvario, come in origine, ma la Scala santa del Pretorio, sono due frangenti della stessa storia.

 

Ciò che sorprende è che i fabbricieri del Sacro Monte, nei decenni successivi la sua esecuzione, abbiano sentito la necessità di smorzare la dolcezza sterminata di questo volto, la sua umanità disarmata ma non inerte. Sebbene le fonti non ci rendano certi di come siano andate le cose nei convulsi anni di spostamenti tra cappelle e le loro riconversioni in nuovi temi, ciò che appare chiaro è che al Cristo, nel corso del Cinquecento, è stato affiancato un terribile Manigoldo, un volto, qui riprodotto, che non potremmo pensare più antitetico a quello di Gesù. Una maschera caricaturale, mutuata dai disegni grotteschi di Leonardo, un vero mostro subumano posto a garanzia del destino di truculenza che spetterà alle carni mortali del Redentore, utile a contrapporre la bellezza della bontà alla bruttezza della malvagità, in un dittico caro al Vinci e alla Maniera a seguire. Ma non bastasse un garante di siffatta spaventevolezza, probabilmente in decenni ancora successivi, si è avvertita la necessità di intervenire direttamente sul volto di Gesù.

 

Quegli occhi e l’incarnato leggero ci appaiono ora solcati da pesanti gocciolature di colore-sangue, dense eruzioni di rubino, concretate con una materia estranea alla delicatezza originale, gocciolature tridimensionali che ne tramano gli incarnati e nascondono i delicati rigoli ematici dipinti da Gaudenzio. Certo, probabilmente in pieno Seicento, il mutamento della sensibilità religiosa è sufficiente a spiegare questa scelta, come anche l’aggiunta di pesanti striature di sangue estese a tutto il corpo. Ma dopo l’affiancamento dello spaventevole Manigoldo, quest’intervento su un’opera di Gaudenzio, considerato il canone cui ogni scultore del Sacro Monte era espressamente tenuto ad adeguarsi, ci fa pensare che la dolcezza sconfinata, la forza della delicatezza che traspaiono da questo volto sembrassero insopportabili, colpevoli di stemperare il dramma del racconto. E, in effetti, se ci soffermiamo più di qualche secondo su questo volto, ci accorgiamo che non bastano quei rivoli di sangue raggrumato e la corona di spine per farci propendere per la vittoria della morte. Quel soffio di vita arriva intatto fino a noi e quest’immagine ci rimane sospesa negli occhi come questo sabato, carico di tutta la violenza della morte ingiusta e dell’ingiustizia della morte, ma attaccato a quel soffio di vita che potrà sospendersi, ma che nulla potrà soffocare.

 

___________________________________

Il Cristo e il Manigoldo sono eccezionalmente visibili a tutto tondo e in modo ravvicinato in un tour che dal Castello Sforzesco di Milano (fino al 3 aprile) la porterà nella casa Giovanni Testori a Novate Milanese (dal 9 aprile) e oltre... Info: www.casatestori.it.

 

Catholica

Dalle fiamma olimpica alla fede

IL PERSONAGGIO - Yuna Kim, 28 anni, è una grande campionessa coreana di pattinaggio artistico (anche alle Olimpiadi coreane) che ha scoperto il Dio cristiano. …

Catholica

La ricerca di Dio nell'uomo

SPECIALE SABATO - Dal 19 al 26 febbraio la Settimana Intensiva alla Facoltà di Teologia di Lugano. Ne parliamo con il coordinatore, Manfred Hauke. 

Catholica

Nei lager portò la carità cristiana

IL PERSONAGGIO - Teresio Olivelli, morto a soli 29 anni nel campo di concentramento di Hersbruck, è stato beatificato nella sua diocesi di Vigevano.

Catholica

In Terra Santa con gli occhi di un bimbo

IL PERSONAGGIO - Abbiamo incontrato padre Francesco Ielpo, Commissario di Terra Santa per il Nord Italia, a Lugano per l’iniziativa "OgniVentiAlleVenti". …

Catholica

La vita della gente illumina il Vangelo

IL PERSONAGGIO - La storia di don Roberto Seregni, sacerdote fidei donum della diocesi di Como in missione in Perù, Paese che in questi giorni accoglie il Papa.

Catholica

Il Papa celebra le nozze in volo

(LE FOTO) Francesco ha unito in matrimonio una hostess e uno steward cileni della compagnia Latam. È la prima volta che un Pontefice celebra delle nozze in aereo.

Catholica

Da Ginevra alle Ande: il Vangelo dei poveri

IL PERSONAGGIO - Il Papa visiterà l’opera del missionario svizzero padre Xavier Arbex a Puerto Maldonado, nel cuore dell’Amazzonia peruviana.

Catholica

Visita del Papa: "Troppo poveri per il viaggio"

SPECIALE SABATO - Intervista alla ticinese suor Nadia Gianolli, missionaria in una zona indigente del Perù.

Catholica

Coltivare la fede con curiosità e altruismo

SPECIALE SABATO - Il Gruppo Santa Lucia di Unitas, associazione che raggruppa ciechi e ipovedenti, offre visite alle Parrocchie, ritiri spirituali e pellegrinaggi.

Catholica

"Il peccato divide, sempre"

Nella prima udienza generale del 2018, il Pontefice ha proseguito con il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica, spiegando il significato dell'atto …

Catholica

"Quel giorno quel neonato..."

SPECIALE SABATO - 40 anni di storie di accoglienza e di condivisione: quelle dei progetti portati avanti dalla Conferenza missionaria della Svizzera italiana.

Catholica

Il Papa in visita nelle terre di Padre Pio

Il Pontefice si recherà il 17 marzo 2018 a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per il Centenario dell'apparizione delle sue stimmate e il 50esimo dalla sua …

Catholica

"Costruttore di ponti, non di muri"

IL PERSONAGGIO - L’impegno di don Giusto di Como a favore dei migranti, il quale ha fatto della sua parrocchia un centro di accoglienza.

Catholica

Panettone ticinese per la prima volta dal Papa

A fare assaggiare al Pontefice a Roma il prelibato dolce è stata la Società Mastri Panettieri-Pasticcieri ticinese. Francesco ha gradito e ringraziato …

Catholica

Una silenziosa bellezza tra le favelas

IL PERSONAGGIO - La 20enne ticinese Maria Paola ci racconta di Rosetta, missionaria italiana oggi 75enne, che 50 anni fa lasciò tutto per servire i più …

Catholica

Il povero che c'è in me

Domenica 19 novembre 2017 la prima Giornata mondiale dei poveri. Il commento del direttore di Caritas Ticino, Marco Fantoni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg