Home > Catholica

Una vita in carcere, ma libero

21.05.2017 - aggiornato: 22.05.2017 - 10:48

IL PERSONAGGIO - Storia del cardinale vietnamita Van Thuân, dichiarato venerabile, temuto dalle autorità perché parlava di amore e perdono.

Un testimone di Cristo, un martire in terra: questo era François Xavier Nguyen Van Thuân - prete, vescovo e cardinale, dichiarato venerabile lo scorso 4 maggio. Nato il 17 aprile 1928 nella cittadina di Hue, in Vietnam, da una famiglia di mandarini, ovvero alti dignitari dell’impero vietnamita, di salde radici cattoliche e patriottiche, con una folta schiera di martiri alle spalle.

Nel 1885 tutti gli abitanti del villaggio di sua madre erano stati bruciati vivi all’interno della parrocchia, eccetto suo nonno che a quel tempo studiava in Malesia. E, prima ancora, tra il 1698 al 1885, la storia di famiglia registra diversi atti di persecuzione religiosa verso i suoi antenati paterni. Il suo bisnonno paterno era stato forzatamente assegnato a una famiglia non cristiana di proposito, in modo che perdesse la fede. Egli stesso era solito raccontare questa vicenda al piccolo François Xavier. Dalla nonna, invece, François apprese a vedere le vicende secondo lo sguardo misericordioso di Dio.

Ma la figura fondamentale per la sua prima educazione cristiana e per l’iniziazione ai sacramenti fu la madre Hiep. Ogni sera gli insegnava le storie della Bibbia e si soffermava sulle testimonianze dei martiri, specialmente dei suoi antenati. François entrò in seminario a 13 anni e diventò sacerdote nel 1953. Dopo essersi laureato a Roma in Diritto Canonico nel 1959, ritornò in Viet Nam a fare il professore, il rettore del seminario e il vicario generale della diocesi di Huê. Nel 1967, ad appena 39 anni, venne eletto vescovo della diocesi di Nha Trang.

 

van-thuan-papa-giovanni-paolo-ii-chometemporary_0.jpg

 

I suoi guai iniziarono nel 1975, dopo la nomina a vescovo di Saigon: incarcerato dai Viet Kong, restò in cella per 13 anni, nove dei quali in isolamento, senza un processo, senza un giudizio, senza una condanna. Entrato da uomo libero nel palazzo presidenziale nel primo pomeriggio del 15 agosto 1975, ne uscì alcune ore dopo come detenuto sotto scorta, senza ricambi o effetti personali. Nei giorni successivi potè chiedere un cambio di biancheria e medicine per il “mal di stomaco”, che i suoi fedeli capirono subito nel significato recondito, fornendogli una bottiglietta di vino e ostie per la celebrazione dell’Eucaristia. 

Con alcune gocce di vino, tenute nel palmo della mano e con i frammenti di ostie, ogni giorno celebrò la Messa; naturalmente a memoria, perché non poteva tenere con sé libri. I frammenti consacrati residui erano poi conservati in un pacchetto di sigarette, che, secondo le necessità, funzionava da tabernacolo appunto, da pisside, da teca per la comunione ai malati e addirittura da ostensorio, davanti al quale gruppetti di detenuti si radunavano per l’adorazione. Riuscì a comunicare con l’esterno grazie ad un bambino di 7 anni, che gli procurava carta e matita e che poi con aria innocente riusciva a far passare sotto il naso dei carcerieri i messaggi del vescovo prigioniero alla sua comunità.

A casa il bambino poteva contare sulla complicità di fratelli più grandi di lui, che prontamente li ricopiavano e li diffondevano: in questa maniera avventurosa nacquero i libri scritti dal vescovo (tradotti poi anche in italiano), il cui tema dominante è la speranza.

Le autorità lo temevano, perché parlava di amore e perdono e rischiava di contagiare le guardie; arrivarono al punto di sostituire il picchetto ogni due settimane, ma alla fine dovettero arrendersi, perché quest’uomo, disarmato e impotente, con la sua sola presenza e con la sua testimonianza, risultava estremamente contagioso. Liberato il 21 novembre 1988 ed espulso dal suo Paese, si trasferì a Roma nel 1991, dopo avere avuto la certezza di non poter più rientrare in Vietnam. Giovanni Paolo II gli affidò la presidenza del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, lo chiamò nel 2000 a predicare gli esercizi spirituali alla Curia Romana e nel 2001, infine, lo creò cardinale.

Morì il 16 settembre 2002, dopo lunghe sofferenze per una rara forma di cancro. «Sogno una Chiesa che abbia nel cuore il fuoco dello Spirito Santo, e dove c’è lo Spirito c’è libertà, dialogo sincero con il mondo e specialmente con i giovani, con i poveri e con gli emarginati», aveva detto un giorno. Chi l’ha conosciuto sostiene che in lui questo fuoco ardeva sempre.

(Red)

 

Catholica

Papa, ferie per la cura della sciatica

Se è vero che Bergoglio non va in vacanza dal 1974, è anche vero però che da tempo si prende del tempo in estate per curare la sua salute.

Catholica

"Peccatori che sperimentano la misericordia"

Così il Papa durante la seconda udienza generale dopo la pausa di luglio. Al termine della catechesi Francesco ha ricordato la strage in chiesa in Nigeria.

Catholica

"Senza gambe, senza braccia, senza limiti"

IL PERSONAGGIO - L'incredibile storia del giovane australiano Nick Vujicic, che gira il mondo per portare il suo messaggio di pace e speranza.

Catholica

Il cartello del Papa "Vietato lamentarsi"

Francesco, che trascorre le sue ferie rimanendo a casa senza perdere il buonumore, l'ha appeso all'ingresso del suo appartamento a Santa Marta.

Catholica

"Sarò in azione per gli altri"

IL PERSONAGGIO - L'addio al calcio di Elisa Mele, talento della seria A femminile, spiegata da lei stessa. "Voglio mettere la mia vita a dispozione del prossimo …

Catholica

"Il Signore ci dona la speranza di essere santi"

Così il Papa nell'udienza generale, durante la quale ha aggiunto che si può essere santi nella vita di tutti i giorni facendo il proprio dovere con il cuore …

Catholica

Il Papa in Cile e Perù a gennaio 2018

Bergoglio si recherà dal 15 al 21 gennaio nelle citta cilene di Santiago, Temuco e Iquique e quelle peruviane di Lima, Puerto Maldonado e Trujillo.

Catholica

Ad Haiti seminiamo per un futuro migliore

SPECIALE SABATO - Sta ormai per terminare la fase preparatoria del progetto di formazione dei docenti curato dalla diocesi ad Haiti. In autunno la partenza dei primi tre …

Catholica

Mazzolari e Milani: due profeti scomodi

SPECIALE SABATO - Il vescovo emerito di Lugano traccia un profilo dei due sacerdoti, in vista del pellegrinaggio del Papa nelle loro terre d'origine. 

Catholica

"Dio ci ama sempre: tutti, buoni e cattivi"

Così il Papa durante l'udienza generale. In precedenza Francesco si è recato in aula Paolo VI, dove alcuni gruppi di malati si sono sistemati per …

Catholica

"Il mio apostolato della stampa con don Leber"

IL PERSONAGGIO - I ricordi di suor Ester Isepponi di Poschiavo, 98enne religiosa delle suore di St. Maurice in Vallese, che lavorò al GdP 60 anni fa! 

Catholica

Tutta la freschezza di un giovane "sì"

IL PERSONAGGIO - Tre missionari della comunità Shalom di Bioggio si raccontano. Scopriamo chi sono e conosciamo meglio le loro storie.

Catholica

"Il cristiano semina speranza"

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha sottolineanto il rapporto tra la speranza cristiana e lo Spirito Santo, ricordando l'imminenza della Pentecoste, " …

Catholica

Il Papa incontra il premier canadese

L'intenzione di Trudeau era quella di rinnovare l'invito al Pontefice a visitare il Canada e di sollevare la questione della riconciliazione con le comunità …

Catholica

Una vita in carcere, ma libero

IL PERSONAGGIO - Storia del cardinale vietnamita Van Thuân, dichiarato venerabile, temuto dalle autorità perché parlava di amore e perdono.

Catholica

"Ogni uomo è una storia di amore"

Maria Maddalena, "l’apostola della speranza", protagonista dell'Udienza generale di papa Francesco. Il saluto ai familiari delle vittime di Rigopiano.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg