Home > Catholica

Un'opera di speranza dove non c'era nulla

27.08.2017 - aggiornato: 31.08.2017 - 14:51

IL PERSONAGGIO - Padre Mario Pantaleo, un’amicizia che continua a Buenos Aires, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati.

© foto dal web

Nel quartiere più povero di Buenos Aires, un’opera grande, la più grande dell’Argentina. Iniziata nel 1972 da padre Mario Pantaleo (1915-1992), continua tuttora e cresce, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati. A parlarne, al Meeting di Rimini, è venuto Horacio Morel, l’attuale direttore dell’Opera padre Mario Pantaleo. Avvocato al foro di Buenos Aires, padre di cinque figli, ha premesso che «a Gonzàlez Catán stiamo continuando il lavoro avviato da padre Mario grazie ad una grande amicizia nata 12 anni fa, di cui l’allora arcivescovo Bergoglio fu il testimone». Fu proprio il cardinale, infatti, durante una presentazione alla fiera del libro di Buenos Aires, ad indicare Horacio e altre persone alla famiglia che si occupava con crescenti preoccupazioni della cura dell’Opera.

L’Opera padre Mario comprende le scuole frequentate da 3600 studenti - dall’asilo all’università - un piccolo ospedale, un centro per anziani, dei laboratori per disabili, un centro polisportivo. La vita di centinaia di famiglie ruota attorno a questa opera: giovani che si sono formati nelle sue scuole vi hanno poi trovato lavoro e a loro volta i figli frequentano le sue scuole. «Quando arrivai per la prima volta a Gonzàlez Catán vidi un quartiere grigio, occupato dalla povertà e dall’emarginazione, un luogo desertico. Dentro di me una voce silenziosa mi diceva che avevo una missione importante da compiere», scriveva padre Mario Pantaleo, ricordando gli inizi. Il quartiere in questi decenni  non è divenuto più ricco («ci sono ancora strade sterrate e mancano i servizi sanitari», racconta Horacio Moral) ma ora ha un’anima. I bambini e gli anziani che rimanevano soli durante la giornata mentre madri e padri andavano al lavoro, grazie all’opera di padre Mario hanno avuto qualcuno che si occupasse di loro. «E ora i bambini durante la ricreazione giocano nel vagone del treno che nei primi anni serviva a padre Mario da abitazione. Padre Mario», racconta Horacio.

Ma chi era padre Mario? Di origine italiana (nato a Pistoia) a nove anni emigrò con la famiglia in Argentina dove il padre sperava di trovare un lavoro adeguato. L’attività iniziata dal padre e dallo zio però non funzionò e agli inizi degli anni ‘30 padre Mario tornò in Toscana. Il desiderio di entrare in seminario, già espresso negli anni argentini, si concretizzò nel ‘32 e, nel 1944, Mario potè diventare sacerdote. L’Argentina restò però sempre nel suo cuore e così nel 1948 lasciò  per sempre l’Italia. Nel Paese sudamericano ricoprì vari incarichi, fra cui la cura spirituale in due ospedali della capitale dove fu trasferito nel 1958.

Fu in quegli anni che si manifestò il suo dono di guarire con le mani e anche di diagnosticare la malattia: «Alle volte aiutava i medici nelle loro analisi», spiega Horacio Moral. La sua notorietà lo fece diventare un personaggio pubblico. Fu alla fine degli anni Sessanta che  con i suoi pochi risparmi comprò un terreno  e cominciò a costruire una piccola casa a Gonzàlez Catán. E proprio in quegli anni il destino gli fece incontrare la sua futura collaboratrice, Perla Gallardo, che con la sua famiglia aiutò padre Mario in quello che era il suo sogno, ossia la costruzione di una chiesa e di opere sociali a Gonzàlez Catán. Seguirono donazioni, l’acquisto di un terreno e la posa della prima pietra, nel 1972. Da quel momento fu un susseguirsi di opere, con un numero sempre maggiore di amici che si aggiunsero.

Seguendo la realtà - il metodo molto semplice di padre Mario - le costruzioni, i progetti, i servizi per la comunità crebbero. Tra il ‘76 e il ‘92, anno della sua morte, furono costruiti gran parte degli attuali 15mila metri quadrati del Centro. Furono anni di lavoro senza limiti d’orario e di sforzi. Padre Mario si dedicò completamente alla missione pastorale, alla costruzione dell’Opera e alla cura dei malati. Troppo, per un corpo affetto dall’infanzia da difficoltà respiratorie. Nel 1992, il 19 agosto, morì a Buenos Aires: migliaia di persone gli diedero l’estremo saluto.

(I.S.)

Catholica

I 91 anni di papa Ratzinger

Per il compleanno del papa emerito viene presentato il documentario "Benedetto XVI, l’ora della verità", in onda per l'occasione su TV2000.

Catholica

Lo spunto per la predica? Da un'App

È nata l'applicazione che aiuta i sacerdoti nelle omelie. È il teologo Rupnik l’autore dei testi di "Clerus-App", l’ultimo strumento …

Catholica

"Sono rimasta, come atto d'amore"

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - Conosciamo meglio Anan Alkass Yousif, vergine consacrata in una Baghdad dilaniata​.

Catholica

Speranza dentro la miseria

IL PERSONAGGIO DELLA SETTIMANA - La svizzera Lotti Latrous ha lasciato tutto per aiutare i malati di Aids.

Catholica

Accanto a chi porta una croce pesante

SPECIALE SETTIMANA SANTA - Incontro con don Vincent, cappellano della Fondazione Maddalena Grassi di Milano, che si occupa di disabili gravi e malati incurabili.

Catholica

Ricostruite le fattezze dell'uomo della Sindone

La rappresentazione 3D è stata realizzata da un artista a partire dagli studi di un professore dell’Università di Padova, studioso della reliquia.

Catholica

"Desidero vedere gli Adivasi felici"

SACRIFICIO QUARESIMALE - Dall’India la testimonianza di padre Caesar, uno degli ospiti della Campagna Ecumenica, che presenta il progetto nello Stato dell’Assam.

Catholica

In scena il dramma di Cristo sulla croce

IL PERSONAGGIO - Padre Finco, francescano che da anni firma spettacoli teatrali, propone nella chiesa del monastero delle Clarisse di Cademario l'opera di Haydn …

Catholica

Lanciato il trailer del film sul Papa

(IL VIDEO) "Papa Francesco. Un uomo di parola", che prende spunto dalla volontà che non fosse un film su papa Francesco ma con papa Francesco.

Catholica

Sulle sue labbra il "programma di Cristo"

IL PERSONAGGIO - Questa settimana vi presentiamo don Francesco Alberti, al centro di un incontro nell’ambito degli eventi de "Il Giardino dei Giusti" di …

Catholica

Verso il cambiamento tutelando i braccianti

SPECIALE SABATO - È in Sudafrica uno dei progetti della campagna ecumenica di Sacrificio Quaresimale, che si impegna in particolare nella formazione dei lavoratori.

Catholica

Musica e fede a sostegno dei più piccoli

SPECIALE SABATO - "Medjugorje per l’infanzia" compie 30 anni; numerosi i progetti concretizzati a favore di bambini e minorenni a cui la vita aveva tolto le …

Catholica

Viaggio del Papa nei Paesi baltici

Francesco si recherà in Lituania, Lettonia ed Estonia dal 22 al 25 settembre di quest'anno, dando seguito a un invito dei rispettivi capo di Stato e dei Vescovi.

Catholica

Con l'istinto di chi ama arrampicarsi

IL PERSONAGGIO - Intervista alla 33enne Denise Carniel di Bellinzona che, in occasione della Giornata del Malato, ci parla anche della sua esperienza a Lourdes.

Catholica

"Vivere in modo più sano è possibile"

SPECIALE SABATO - Incontro con Ellen Bermann, co-fondatrice dell’associazione Transition Italia, sul tema della Campagna ecumenica di Sacrificio Quaresimale 2018.

Catholica

Dalla contemplazione a scelte sostenibili

IL PERSONAGGIO - Suor Cécile Renouard delle religiose dell’Assunzione e le proposte di Sacrificio Quaresimale.

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg