Home > Costume

Quando è l’adulto a dire: "M'insegni a giocare?"

18.01.2018 - aggiornato: 18.01.2018 - 13:49

I genitori attribuiscono molti pericoli ai videogiochi, senza conoscerne però le possibilità relazionali ed educative. Come l’impiego di questi strumenti in ambito didattico.

Dipendenza, passività, induzione alla violenza... sono solo alcune delle preoccupazioni ricorrenti che attraversano la mente dei genitori di fronte al tema videogiochi. L’attività in questi universi virtuali, infatti, il più delle volte viene svolta dai ragazzi in una sorta di isolamento nella propria stanza, creando barriere e stigmatizzazioni da parte dall’adulto. «Consideriamo il videogioco come una strada deviante», ha osservato una delle relatrici della conferenza di ieri alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, la docente e pedagogista Rosy Nardone. «Ma la verità - ha aggiunto - è che non l’abbiamo mai sperimentata».

Citando una fiaba di un illustre collega, Gianni Rodari, la docente ha infatti evidenziato come uno dei primi nodi da sciogliere sia l’ignoranza dei genitori verso il mondo vid§eoludico, di cui in realtà non si conosce il funzionamento. «È come recensire un romanzo senza leggerlo». Una parola fondamentale oggi in ambito pedagogico è al contrario edutainment: un neologismo che evidenzia il rapporto virtuoso che può instaurarsi tra educazione e (video)gioco. Un metodo che richiede al genitore una buona dose di umiltà, con la quale domandare al proprio figlio: «Mi insegni?». Ma non è importante essere bravi, «perché i ragazzi riconosceranno  il fatto che vi siate messi in gioco» ha concluso Nardone.

Certo, i dati menzionati da Alessio Petralli, direttore della Fondazione Möbius (che con le Biblioteche cantonali, Coscienza Svizzera e il Centro di risorse didattiche digitali ha organizzato l’incontro) sono impressionanti: quella dei videogiochi è un’industria che da sola fattura 91 miliardi di dollari, più di cinema e musica messi insieme. Ed è inquietante pensare che il prodotto più venduto sia GTA, i cui protagonisti sparano, rubano auto e pronunciano frasi irripetibili. Ma, accanto a questo, c’è la possibilità offerta dai videogiochi di ultima generazione di esplorare mondi complessi, che conducono in territori fantasy, o consentono di fare un tuffo nella Storia, tra le città del passato perfettamente ricostruite, come la Firenze medicea o la Parigi della Rivoluzione di Assassin’s Creed.

Come ha spiegato lo specialista di videogiochi Filippo Zanoli, infatti, l’esperienza in questi ambienti virtuali ha sempre meno a che vedere con la passività davanti a uno schermo. Al contrario, attorno ai videogiochi nascono tornei e competizioni ufficiali, tanto che “guardare gli altri giocare” sta diventando un fenomeno sempre più diffuso tra i Millennials. Perché la condivisione virtuale dei social sta assorbendo, in fondo, anche un business solido come quello videoludico. Ma non è detto che sia un bene…

(FMO)

Costume e società

Trudeau e la passione per i calzini

(LE FOTO) Il premier canadese non ha perso il suo gusto eccentrico, indossando anche al WEF di Davos un paio di calze fantasiose: viola con le paperelle.

Costume e società

Una stella per i 90 anni di Minnie

Un regalo di compleanno speciale quello per il mitico personaggio Disney, che ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo: una stella sulla Hollywood Walk of Fame. 

Costume e società

Il mattoncino Lego compie 60 anni

(LE FOTO) Nel 1958 il falegname danese Ole Kirk Kristiansen brevettava quel pezzetto di plastica destinato a segnare l'infanzia di milioni di bambini di tutto il mondo …

Costume e società

L'orsa Fränzi compie 35 anni

Vive allo zoo di Goldau, l'orsa bruna siriana è la più vecchia del programma europeo di riproduzione e ha festeggiato con una "torta" composta dalle …

Costume e società

Social media: i linguaggi che fanno la differenza

Conferenza pubblica mercoledì 18 gennaio, a Trevano, tenuta dalla professoressa Rosy Nardone che fornirà dei consigli sull'uso di strumenti digitali.

Costume e società

Per Natale un panettone... d'oro

Si tratta della nuova creazione del pasticciere italiano Sal De Riso: il dolce tipico di questo periodo è stato ricoperto con foglie d'oro 18 carati. Costo? 120 …

Costume e società

I rischi dietro la fondue chinoise

Il Laboratorio cantonale mette in guardia dai rischi di infezioni (oltre 7mila in Svizzera ogni anno) causate dall'inosservanza delle basilari regole di igiene.

Costume e società

Quasi 300 franchi per i regali di Natale

È quanto prevedono di spendere gli svizzeri a testa quest'anno; i ticinesi sono i meno spendaccioni, con 271 franchi. Su cosa si punterà? In primis su doni in …

Costume e società

"Nouvo": l'esperimento social convince

I video SSR in pillole proposti su Facebook e Twitter si dimostrano funzionali per aggiornarsi sull’attualità. Ora il format spera di riuscire a farsi …

Costume e società

Sempre meno TV, sempre più YouTube

RAGAZZI E TV - I motivi del successo degli youtubers e i pericoli legati al canale più cliccato della Rete. Ne parliamo con l’esperto di età …

Costume e società

Un virus chiamato noia

Se da tempo si è a conoscenza del fenomeno dell'esaurimento da troppo stress sul posto di lavoro, ancora poco conosciuto è il "Boreout", quello da …

Costume e società

Le regole d'oro anti-malanni d'autunno

Sette semplici consigli per affrontare al meglio i primi freddi e non ammalarsi. Innanzitutto dormire a sufficienza, ma non bisogna dimenticarsi di ridere.

Costume e società

L'argento nei capelli e l'oro nel cuore

Cade il 2 ottobre la Festa dei Nonni, un modo per ricordare l’importanza di queste figure nella famiglia. Qui una panoramica sui nonni più amati della TV!

Costume e società

Terzo figlio per William e Kate

Dopo George e Charlotte, la coppia reale è ancora in dolce attesa. La duchessa di Cambridge, come nelle precedenti gravidanze, soffrre di una iperemesi gravidica. …

Costume e società

40 anni fa la scomparsa di Elvis

Per l'occasione migliaia di fan si sono recati a Graceland, sua ultima dimora, dove in questi giorni sono stati organizzati vari eventi per rendere omaggio a "The King …

Costume e società

Una giornata dedicata al leone

Si celebra il 10 agosto il World Lion Day, per sensibilizzare sul declino del Re della foresta nel mondo. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg