Home > Costume

Top, Buzz Fizz Quizz e nelle piazze Fragolò

27.10.2017 - aggiornato: 27.10.2017 - 15:59

RAGAZZI E TV - Ecco la produzione per i giovani dell’allora TSI. Storica ideatrice era Maristella Polli che non nasconde le sue perplessità sull’attuale programmazione.

© Foto dal web

Sull’onda dell’amarcord iniziato la scorsa settimana, continuiamo a parlare dei programmi per la gioventù alla RSI (una volta TSI). Oltre alle proposte rivolte ai bambini ci sono state, a partire dagli anni Sessanta, trasmissioni dedicate ai ragazzi e ai giovani. Chi, tra gli over 40, non si ricorda più di “Buzz Fizz Quizz”, di “Top” o di “Fragolò”? Al primo, un gioco a squadre durato sei anni, parteciparono centinaia di ragazzi della Svizzera italiana. Qualche anno prima andò in onda “Top”, magazine di intrattenimento per gli adolescenti e i giovani, che ospitò personaggi di tutto riguardo, da Bianca Pitzorno a cantanti quali Branduardi, Dalla, Morandi, Venditti, De Gregori. «Allora non c’erano i Social, e i cantautori per vendere i loro album dovevano farsi conoscere. Ci costavano poco o niente!», ricorda divertita Maristella Polli, storica ideatrice e conduttrice di “Top” e degli altri programmi per ragazzi, assieme a Bigio Biaggi. «Arrivai alla TSI quasi per caso, nel ‘65, finito il liceo. Stavo per iscrivermi all’università e avevo bisogno di guadagnarmi qualcosa. Così feci alcuni provini», ci racconta. «Allora c’era solo una persona che si occupava della programmazione per la gioventù ed era Mimma Pagnamenta. A un certo punto aveva suggerito di suddividere i programmi per fasce d’età: piccoli, ragazzi e giovani. Quindi si fece affiancare  da qualcuno che avesse esperienza nel settore pedagogico».

Furono anni da pioniere: “La sveglia”, “La giostra” con “L’Angolo dei piccoli”, “Tiro a segno” e la “Pagina dei giovani”. «Ci accorgemmo che non potevamo puntare solo sull’aspetto educativo, ma diversificare i programmi puntando anche sull’intrattenimento», continua Maristella Polli. Nacquero così “Top” e i vari giochi a premi come “Buzz Fizz Quizz” e “Fragolò” che si inseriva nel mese di maggio, prima della pausa estiva, e girava tutta la Svizzera italiana. «Allora non esistevano i format, e i giochi li ideavamo noi, dalla struttura alle regole, dalla scenografia alle domande, in base alle nostre conoscenze. Con “Trin tran tren” andavamo oltre San Gottardo, coinvolgendo le comunità italofone del resto della Svizzera».

Le produzioni TSI per ragazzi erano conosciute anche nel circuito televisivo internazionale: «Abbiamo vinto parecchi premi per la produzione di cartoni animati e per l’ideazione di programmi. Partecipavamo ai festival, portavamo avanti coproduzioni a Milano e a Zurigo, collaboravamo con la BBC, ci scambiavamo produzioni con altre Emittenti europee», ci spiega Maristella Polli, che a più riprese sottolinea la preoccupazione degli allora produttori - preparati nell’ambito didattico-pedagogico - di abbinare intrattenimento e messaggi educativi. «Quello che non si fa più oggi. Con il tramonto delle grosse produzioni della TSI tra fine anni Ottanta e inizi anni Novanta si è iniziato ad acquistare cartoni e telefilm di dubbia valenza educativa. “S-quot” era un programma adatto ai ragazzi, ma ora è stato sostituito da “#celapossofare” che secondo me è a un livello di intrattenimento al di sopra della loro età e poco educativo. La RSI deve chiedersi se vuole seguire le mode o trovare formule di divertimento intelligenti. Il discorso vale anche per i telefilm, tutti sulla stessa lunghezza d’onda e tutti ambientati in famiglie o scuole americane. Perché non puntare su altre proposte che sappiano comunque affascinare i ragazzi? Penso ai documentari ad esempio. Insomma, chi fa programmazione deve sapere adattarsi al mondo tecnologico contemporaneo ma soprattutto conoscere la TV e le sue mille proposte. E, essenziale, bisogna sapere dove si vuole andare».

(i.s.)

Costume e società

La regina non finisce di sorprendere

La sovrana Elisabetta ha fatto la sua apparizione alla London Fashion Week e si è seduta in prima fila accanto alla direttrice di Vogue America, Anna Wintour.

Costume e società

Sony torna a produrre vinili dopo 30 anni

La casa musicale giapponese intende mantenere le promesse fatte la scorsa estate rispolverando il vecchio 33 giri, con le prime vendite dal 21 marzo.

Costume e società

Trudeau e la passione per i calzini

(LE FOTO) Il premier canadese non ha perso il suo gusto eccentrico, indossando anche al WEF di Davos un paio di calze fantasiose: viola con le paperelle.

Costume e società

Una stella per i 90 anni di Minnie

Un regalo di compleanno speciale quello per il mitico personaggio Disney, che ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo: una stella sulla Hollywood Walk of Fame. 

Costume e società

Il mattoncino Lego compie 60 anni

(LE FOTO) Nel 1958 il falegname danese Ole Kirk Kristiansen brevettava quel pezzetto di plastica destinato a segnare l'infanzia di milioni di bambini di tutto il mondo …

Costume e società

L'orsa Fränzi compie 35 anni

Vive allo zoo di Goldau, l'orsa bruna siriana è la più vecchia del programma europeo di riproduzione e ha festeggiato con una "torta" composta dalle …

Costume e società

Social media: i linguaggi che fanno la differenza

Conferenza pubblica mercoledì 18 gennaio, a Trevano, tenuta dalla professoressa Rosy Nardone che fornirà dei consigli sull'uso di strumenti digitali.

Costume e società

Per Natale un panettone... d'oro

Si tratta della nuova creazione del pasticciere italiano Sal De Riso: il dolce tipico di questo periodo è stato ricoperto con foglie d'oro 18 carati. Costo? 120 …

Costume e società

I rischi dietro la fondue chinoise

Il Laboratorio cantonale mette in guardia dai rischi di infezioni (oltre 7mila in Svizzera ogni anno) causate dall'inosservanza delle basilari regole di igiene.

Costume e società

Quasi 300 franchi per i regali di Natale

È quanto prevedono di spendere gli svizzeri a testa quest'anno; i ticinesi sono i meno spendaccioni, con 271 franchi. Su cosa si punterà? In primis su doni in …

Costume e società

"Nouvo": l'esperimento social convince

I video SSR in pillole proposti su Facebook e Twitter si dimostrano funzionali per aggiornarsi sull’attualità. Ora il format spera di riuscire a farsi …

Costume e società

Sempre meno TV, sempre più YouTube

RAGAZZI E TV - I motivi del successo degli youtubers e i pericoli legati al canale più cliccato della Rete. Ne parliamo con l’esperto di età …

Costume e società

Un virus chiamato noia

Se da tempo si è a conoscenza del fenomeno dell'esaurimento da troppo stress sul posto di lavoro, ancora poco conosciuto è il "Boreout", quello da …

Costume e società

Le regole d'oro anti-malanni d'autunno

Sette semplici consigli per affrontare al meglio i primi freddi e non ammalarsi. Innanzitutto dormire a sufficienza, ma non bisogna dimenticarsi di ridere.

Costume e società

L'argento nei capelli e l'oro nel cuore

Cade il 2 ottobre la Festa dei Nonni, un modo per ricordare l’importanza di queste figure nella famiglia. Qui una panoramica sui nonni più amati della TV!

Costume e società

Terzo figlio per William e Kate

Dopo George e Charlotte, la coppia reale è ancora in dolce attesa. La duchessa di Cambridge, come nelle precedenti gravidanze, soffrre di una iperemesi gravidica. …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg