Home > Costume

Un virus chiamato noia

03.10.2017 - aggiornato: 03.10.2017 - 17:17

Se da tempo si è a conoscenza del fenomeno dell'esaurimento da troppo stress sul posto di lavoro, ancora poco conosciuto è il "Boreout", quello da eccessiva noia.

© Foto dal web

Tutti sanno che il troppo stress sul posto di lavoro può condurre ad ammalarsi, pochi invece che esiste anche il fenomeno inverso, quello dell'eccessiva noia, pure all'origine di problemi: in questo caso si parla di "Boreout" - in analogia all'esaurimento descritto come Burnout.

Il termine Boreout, che descrive una situazione in cui il lavoratore è alla prese con un impiego che evidentemente non gli richiede a sufficienza energie, si è nel frattempo fatto strada ed è generalmente accettato. Ciò nonostante del tema si parla ancora poco, spiega all'ats Nada Endrissat, docente alla Scuola universitaria professionale di Berna, che ha realizzato diversi studi sul tema.

Secondo Endrissat vi sono due aspetti che vanno separati. Da una parte vi è la sottoutilizzazione quantitativa delle competenze: il dipendente non può mostrare quello che sa fare o non riesce raggiungere l'obiettivo che si era lui stesso prefissato. L'altro aspetto è la mancanza di una sfida professionale, soprattutto in termini di senso e importanza di quello che si sta facendo.

Sempre più lavoratori desiderano dei compiti che hanno un senso. "Se non ce l'hanno si può far strada la noia, che può portare a un Boreout", spiega Endrissat.
Studi effettuati sui soldati americani impiegati in Iraq mostrano che coloro che consideravano la loro attività come priva di significato soffrivano di difficoltà di concentrazione e di malanni fisici.

Cosa porta alla noia?

La ricerca effettuata nelle aziende ha mostrato che non sono né la monotonia né la routine a portare alla noia, bensì un livello di requisiti sbagliato o la mancanza di riconoscimento. Interessati dal problema sono soprattutto gli impiegati d'ufficio e solo raramente chi ha attività indipendente. Si tratta spesso di lavoratori altamente qualificati, che durante la formazione hanno dovuto affrontare problemi per la cui soluzione era necessaria molta iniziativa personale, applicazione e conoscenze. "Queste persone si trovano poi, in ambito lavorativo, ad affrontare compiti monotoni e standardizzati, avendo pochissimo spazio di manovra", spiega Endrissat. I ricercatori parlano in questo contesto di un "paradosso della stupidità". Una stupidità che costa miliardi, secondo alcune stime realizzate per gli Stati Uniti e la Germania.

Il fattore di stress più importante nell'ambito della noia legata al lavoro è il suo stesso occultamento. "La noia è un tema estremamente tabù", sostiene Andi Zemp, psicologo capo della clinica privata Wyss di Münchenbuchsee (BE). Lo si vede già nelle terapie di gruppo: per raccontare che ci si annoia durante il lavoro serve coraggio, perché l'interessato si espone a lazzi e frecciatine. Per nascondere la loro noia i dipendenti sviluppano quindi delle strategie: fanno durare i compiti il più a lungo possibile, fanno finta di avere lavoro che in realtà non esiste o sviluppano degli pseudo-Burnout. Tutti questi approcci hanno in comune il fatto che invece di risolvere il problema lo acuiscono. "Invece di subire uno stress dovuto al sovraccarico, si sviluppa uno stress da sottooccupazione, che può però anch'esso finire nella depressione", dice Endrissat.

Gli interessati parlano di disturbi d'ansia di tutti i tipi. Si sentono come se fossero stupidi, insensibili e timorosi di non sapere come si svolge un compito.
Nello studio di Zemp si presentano soprattutto i dipendenti in là con gli anni. "Non osano lasciare il loro impiego per paura di non trovarne un altro", afferma lo specialista. "Molti cercano semplicemente di venire a capo della situazione attendendo il pensionamento".

Per Zemp questo è però sbagliato: meglio sarebbe cambiare posto o ridurre i tempi di lavoro. "L'importante è che in una situazione del genere un senso non venga ricercato solo nel lavoro, bensì per esempio anche nel tempo libero". Meglio che nascondere sarebbe inoltre parlare della cosa, anche con il proprio superiore, sostiene lo psicologo.

La sindrome Boreout è stata descritta per la prima volta nel 2007 in un libro di due svizzeri, Philippe Rothlin e Peter Werder, nel libro "Diagnose Boreout - Warum Unterforderung im Job krank macht", tradotto in varie lingue ma non in italiano. I due autori si rifacevano a studi realizzati negli Stati Uniti. Nel 2005 venne effettuata una ricerca su 10'000 lavoratori: un terzo degli interpellati affermò che non aveva abbastanza da fare sul lavoro e che si riteneva non sufficientemente sotto pressione. In seguito vi sono state indagini analoghe anche in altri paesi.

Stimare la frequenza di queste situazioni è difficile. "Ma in generale si può sicuramente parlare di una crescita del fenomeno", sostiene Endrissat. "Questo potrebbe però essere dovuto al fatto che improvvisamente abbiamo un concetto per descrivere qualcosa che prima non era disponibile", ammette.

(Ats)

Costume e società

Quasi 300 franchi per i regali di Natale

È quanto prevedono di spendere gli svizzeri a testa quest'anno; i ticinesi sono i meno spendaccioni, con 271 franchi. Su cosa si punterà? In primis su doni in …

Costume e società

"Nouvo": l'esperimento social convince

I video SSR in pillole proposti su Facebook e Twitter si dimostrano funzionali per aggiornarsi sull’attualità. Ora il format spera di riuscire a farsi …

Costume e società

Sempre meno TV, sempre più YouTube

RAGAZZI E TV - I motivi del successo degli youtubers e i pericoli legati al canale più cliccato della Rete. Ne parliamo con l’esperto di età …

Costume e società

Un virus chiamato noia

Se da tempo si è a conoscenza del fenomeno dell'esaurimento da troppo stress sul posto di lavoro, ancora poco conosciuto è il "Boreout", quello da …

Costume e società

Le regole d'oro anti-malanni d'autunno

Sette semplici consigli per affrontare al meglio i primi freddi e non ammalarsi. Innanzitutto dormire a sufficienza, ma non bisogna dimenticarsi di ridere.

Costume e società

L'argento nei capelli e l'oro nel cuore

Cade il 2 ottobre la Festa dei Nonni, un modo per ricordare l’importanza di queste figure nella famiglia. Qui una panoramica sui nonni più amati della TV!

Costume e società

Terzo figlio per William e Kate

Dopo George e Charlotte, la coppia reale è ancora in dolce attesa. La duchessa di Cambridge, come nelle precedenti gravidanze, soffrre di una iperemesi gravidica. …

Costume e società

40 anni fa la scomparsa di Elvis

Per l'occasione migliaia di fan si sono recati a Graceland, sua ultima dimora, dove in questi giorni sono stati organizzati vari eventi per rendere omaggio a "The King …

Costume e società

Una giornata dedicata al leone

Si celebra il 10 agosto il World Lion Day, per sensibilizzare sul declino del Re della foresta nel mondo. 

Costume e società

1. agosto, non per tutti è una festa

I botti dei fuochi di artificio possono provocare panico negli animali domestici e selvatici e causare incidenti. I consiglio della Protezione svizzera degli animali.

Costume e società

Malato terminale conquista l'Everest

Lunedì 5 giugno Ian Toothill, personal trainer di 47 anni, malato di cancro dal 2015, è riuscito a raggiungere la vetta della montagna più alta del …

Costume e società

Attenzione alle zone a traffico limitato

Tali zone furono introdotte in Italia per contrastare l’inquinamento e per rendere più vivibili i centri storici. Ma se vi si accede inavvertitamente... la multa …

Costume e società

57 milioni per un paio di orecchini

È la cifra record sborsata durante l'ultima asta di Sotheby's a Ginevra. I due gioielli sono composti da un diamante blu ("Apollo Blue") e uno rosa ( …

Costume e società

Il sosia di Messi fa impazzire i fans

Reza Parastesh, diventato famoso per essere la fotocopia del calciatore del Barcellona, non piace però alla Polizia iraniana: "Sta minando l'ordine pubblico …

Costume e società

Nuovi francobolli dedicati al Ticino

(LE FOTO) Due ritraggono i castelli di Bellinzona e uno, già presentato, il leopardo ruggente del Festival del Film Locarno. Sono acquistabili e validi da …

Costume e società

Addio al dj Robert Miles

Nato in Svizzera da genitori italiani, è scomparso a 47 anni ad Ibiza. Re della trance era diventato celebre con il brano "Children".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg