Home > Ticino e Regioni > Luganese

Un miracolo di ingegneria... politica

09.05.2016 - aggiornato: 09.05.2016 - 16:30

Il precedente storico della Gotthardbahn. La breccia aperta da Salvioni, l’opposizione di Schlumpf. E l’arrivo di Adolf Ogi in Consiglio federale a sbloccare tutta la situazione. 

Adolf Ogi e Moritz Leuenberger alla caduta dell’ultimo diaframma a Sedrun (15 ottobre 2010).

di Moreno Bernasconi

 

AlpTransit non è soltanto un capolavoro di ingegneria tout court. È anche un miracolo di ingegneria… politica. Per tutti i Paesi è arduo concepire, trovare i mezzi necessari e poi realizzare grandi progetti strategici che guardano al futuro e interpretano i bisogni delle generazioni a venire. Ma in un Paese federalista come il nostro, fatto di ventisei Cantoni sovrani, con interessi, storie e collocazione geografica diversa, riuscire a mettere tutti d’accordo su un progetto che modifica l’economia dei collegamenti fra i centri e le regioni svizzere e quelli con i Paesi confinanti e comporta una spesa di 24 miliardi di franchi… ha del miracoloso.

Bisogna dire che c’eravamo già riusciti nel 1882 con la Gotthardbahn, all’epoca pionieristica in cui si trattava di costruire la Svizzera moderna (le sue banche e assicurazioni, i suoi politecnici, le sue reti di collegamento…). Anche a quell’epoca ci furono forti contrapposizioni di interessi fra regioni alpine centrali, occidentali e orientali; sensibilità diverse in seno al Governo elvetico e un lavoro di diplomazia internazionale molto arduo. Anche allora il Ticino ebbe un ruolo attivo e a tratti (penso a Giovan Battista Pioda, consigliere federale e poi ministro plenipotenziario presso il Regno d’Italia) determinante.

Se tuttavia la Svizzera è riuscita ad arrivare per prima all’appuntamento con l’alta velocità ferroviaria attraverso le Alpi all’inizio del terzo millennio, ciò è dovuto alla compresenza di capacità economico-finanziarie e di un’eccellenza tecnologica felici, abbinate alla determinazione di un piccolo drappello di politici lungimiranti, capaci di trovare efficaci compromessi e di convincere il popolo sovrano a guardare lontano nel campo di uno sviluppo dei commerci e dei traffici rispettoso dell’ambiente. 

Per far partire il treno, c’è voluto un colpo di sveglia a chi - per troppi anni – faceva melina o non ne voleva sapere. Per quarant’anni (dal 1947 al 1984)… si è studiato il problema. Montagne di rapporti per giungere alla conclusione che - come afferma il Consiglio federale nel 1983 - «non è urgente prendere una decisione sulla costruzione di una nuova trasversale ferroviaria attraverso le Alpi». Pur constatando l’esplosione del traffico pesante sulla linea autostradale del San Gottardo e prevedendo una sua crescita esponenziale entro il 2000,  nel 1984 il Governo (nel quale aveva la responsabilità dei trasporti il grigionese Leon Schlumpf) è convinto che questo problema si può risolvere con misure di polizia e amministrative. «Quando l’interesse generale lo richiede, la Confederazione può stabilire un insieme di misure proprie a sgravare le strade dal traffico merci transalpino». «Invece, la costruzione di una linea ferroviaria attraverso le Alpi non risolverebbe per nulla i problemi». Fintanto che il grigionese Leon Schlumpf sarà in carica (1987), il Consiglio federale frena cocciutamente sulla necessità di realizzare quanto prima un nuovo progetto ferroviario transalpino.

Nel 1986 il consigliere nazionale ticinese Sergio Salvioni riesce ad aprire una breccia in Parlamento: malgrado l’accanita opposizione di Schlumpf, la Camera bassa approva a larga maggioranza una mozione (firmata anche da tutti i deputati ticinesi) che chiede di avviare rapidamente la pianificazione per una galleria ferroviaria di base al San Gottardo. Contemporaneamente, alla Camera alta Franco Masoni promuove attivamente una mozione del grigionese Cavelty che chiede anch’essa una rapida esecuzione di una trasversale ferroviaria, proponendo un tracciato di compromesso che metta d’accordo la coalizione dei Cantoni fautori del San Gottardo con quella della Svizzera orientale, storicamente per l’asse dello Spluga. 

Creata la breccia con la mozione Salvioni, è l’arrivo del bernese Adolf Ogi in Consiglio federale alla fine del 1987 come ministro dei trasporti a dare una forte accelerazione a un progetto che egli considera prioritario per il Paese. Poco più di due anni dopo, il Consiglio federale approva un Messaggio sulla realizzazione della Nuova trasversale ferroviaria che elimina una ridda di varianti, punta su due gallerie di base al San Gottardo e al Loetschberg e prevede una serie di infrastrutture di compensazione per le regioni non toccate direttamente. Il Messaggio viene approvato rapidamente dal Parlamento e nel settembre 1992 riceve anche, a larga maggioranza, luce verde dal popolo svizzero.

Durante difficili trattative, Ogi era nel frattempo riuscito a ottenere anche l’appoggio di Bruxelles e dei Paesi particolarmente toccati e/o interessati al traffico di transito, che inizialmente volevano puntare su un aumento delle capacità della linea autostradale. Nel 1992, a Porto, la Svizzera firma un accordo sul traffico con l’Unione europea. Tutto questo, fortunatamente, prima del voto negativo degli Svizzeri sullo Spazio economico europeo (dicembre 1992) che avrebbe potuto rimettere in discussione molte cose. Il treno era finalmente partito, approfittando di un cambio della guardia in Governo, di una congiuntura politica ed economico-finanziaria fino ad allora favorevole e di un progetto di compromesso Loetschberg-Gottardo, che seppure a fatica e grazie a compensazioni, metteva d’accordo le diverse regioni svizzere. 

 

Continua a leggere sul GdP di oggi

Luganese

La carica dei 1.500 alla StraLugano

(LE FOTO) I fondisti, con in testa il vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco, si sono lanciati per percorrere i 21.097 metri di puro fascino agonistico.

Luganese

103 anni: auguri a Lucie!

La signora Lucie Hasler, decana di Vernate, ha festeggiato in ottima salute e attorniata da tutti i suoi cari l'importante traguardo. Un omaggio anche da tutta la …

Luganese

I 100 anni di Pierina, auguri!

La signora Cadario è nata il 3 maggio 1918, residente dal 1942 a Paradiso. Il segreto della sua longevità si cela nel suo stile di vita semplice.

Luganese

"Ecco come combattere le fake news"

Il professore dell'USI Michael Bronstein ha sviluppato un metodo, fondato su algoritmi e intelligenza artificiale, che potrebbe dimostrarsi l’antidoto pi …

Luganese

Viaggio nel tempo alla scoperta dei samurai

(LE FOTO) Sarà possibile farlo a Villa Malpensata a Lugano, sede del Museo delle Culture, grazie alle armature donate da Paolo Morigi, per la prima volta in mostra.

Luganese

I 100 anni di Cecilia

La signora Cereghetti è nata il 29 marzo 1918 a Padova e negli anni '50 si è trasferita in Ticino, dove è stata attiva alle terme di Stabio e ha …

Luganese

Un nuovo castello alla Swissminiatur

(LE FOTO) Dopo il circo Knie, il modello del castello di Rapperswil, inaugurato oggi, riporta questa città all'interno della Svizzera in miniatura.

Luganese

Il caffè ticinese sbarca nella patria del tè

(LE FOTO) Due società ticinesi, la Masaba Coffee di Savosa e la Protoxtype di Mendrisio, hanno inaugurato domenica uno store nella città cinese di Heshan.

Luganese

Anche Paperino legge il Giornale del Popolo

Alla fiera del fumetto Uchronia Comics Convention, che si è tenuta durante il fine settimana a Lugano, Ivano Codina ha dedicato un'opera al GdP (IL VIDEO).

Luganese

Torna "Villa Ciani 3D"

Fino a giugno, ogni primo sabato del mese, i visitatori avranno la possibilità di poter visitare le sale dello storico edificio con altri occhi.

Luganese

Un orologio in ricordo di Clay Regazzoni

A 11 anni dalla scomparsa dell'ex pilota di Formula 1 ticinese, è stato prodotto un orologio da polso in suo onore, con tanto di autografo sul quadrante.

Luganese

Natale al GdP: "Un'avventura che continua"

Negli scorsi giorni, in occasione delle festività natalizie, il vescovo Valerio Lazzeri è venuto in visita alla redazione centrale di Lugano del Giornale del …

Luganese

Divertimento per tutti i gusti a MelideICE

La Piazza di Melide torna ad animare le festività. Ghiaccio, eventi e molte novità dal 24 novembre al 7 gennaio, con la possibilità di pattinare dal …

Luganese

S. Abbondio in... Eurovisione

La RSI trasmetterà in diretta nel Continente la Messa della mattina di Natale. Il presidente del Consiglio parrocchiale, Americo Bottani: «Una vetrina …

Luganese

La Cattedrale in mano ai bambini

(LE FOTO) Quasi 600 bambini hanno riempito l'edificio inaugurato a metà ottobre dopo i restauri in occasione del pomeriggio organizzato dall'Oratorio di Lugano …

Luganese

La maglia nro 8 dell'AS Sessa a Cassis

Il neoconsigliere federale, l'ottavo ministro ticinese (da qui il numero sulla maglia), è stato omaggiato dal presidente del Club malcantonese Ferruccio Beti. …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg