Home > Ticino e Regioni > Mendrisiotto

Oro sequestrato in dogana, cosa c'è dietro

23.06.2015 - aggiornato: 23.06.2015 - 18:03

Dopo due anni di indagini la GdF di Como ha scoperto una rete di commercio illegale di metalli preziosi. L'oro passava anche per l'aeroporto di Lugano. Fra i 13 indagati anche 4 ticinesi. 

(KEYSTONE/Martin Ruetschi)

C’è un traffico illegale di oro di diverse tonnellate dietro la vicenda del sequestro compiuto a Ponte Chiasso nel giorno di Pasqua del 2013. Un’insospettabile famiglia era stata fermata in dogana, apparentemente diretta in Svizzera per una gita pasquale.

Nella loro auto, gli inquirenti avevano trovato 110 chilogrammi d'oro massiccio, riguardo al quale, il padre di famiglia, un 53enne italiano che lavora come manager per una società svizzera e che vive nel Luganese, non aveva fornito spiegazioni.

Ora, la Procura della Repubblica di Como, ha fatto grandi passi avanti nelle indagini, grazie anche a rogatorie con la Svizzera.

 

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, gli indagati, 13 persone residenti in Lombardia, Piemonte e Svizzera, fra cui ci sono anche 4 ticinesi, avevano predisposto un’articolata rete di raccolta di ingenti quantitativi di oro di illecita provenienza su tutto il territorio nazionale ed estero, impiegando capitali provenienti dalla Svizzera ma soprattutto tratti dal “nero”, cioè dall’evasione fiscale perpetrata da imprese italiane.

Utilizzando corrieri con veicoli predisposti con doppifondi, e abbigliamenti appositamente realizzati in modo da celare il materiale sulla persona, esportavano illegalmente i quantitativi di oro, che veniva poi fuso e reimmesso sul mercato, prevalentemente svizzero.

 

ling.jpg

 

 

I trafficanti  trasportavano fisicamente l’oro dall’Italia alla Svizzera dove veniva caricato su piccoli aerei privati che dall’aeroporto di Lugano-Agno si dirigevano a loro volta in Croazia e Slovenia.Per creare poi documentazione fittizia che giustificasse la presenza dell’oro, l’organizzazione utilizzava società spagnole, inglesi e degli Emirati Arabi, per far risultare false esportazioni verso la Svizzera.

Il tenente colonnello Sergio De Francesco ha confermato alla RSI che l'aeroporto di Lugano-Agno era uno dei punti centrali del traffico: l'oro veniva ripulito sfruttando i voli in arrivo e in partenza. Arrivato in Svizzera in modo illegale via strada, finiva su piccoli aerei in partenza verso la Slovenia e la Croazia, aggirando i controlli doganali con uno scalo tecnico. Gli inquirenti non escludono che voli del genere possano anche essere stati effettuati allo scalo di Locarno.

Le ipotesi di illecito rappresentate alla Procura della Repubblica di Como sono la ricettazione, il riciclaggio, il reimpiego di capitali, ed il commercio abusivo di oro. Le indagini hanno permesso di sequestrare 129 kg. di oro in lingotti (con titolo 995/1000), e 1.374 Kg. di argento in grani e barre (con titolo 999/1000), per un complessivo valore commerciale di 5 milioni e 675.000 euro, nonché 9 autovetture munite di doppiofondo, e 160.000 euro in contanti.

 

E’ stata inoltre accertata l’esportazione illecita dall’Italia di ulteriori 4.900 Kg. di oro per un controvalore di oltre 190 milioni di euro. Le indagini proseguiranno per accertare le violazioni di carattere tributario

 

(red)

Mendrisiotto

103 anni: auguri Candido!

Il decano di Riva San Vitale è stato festeggiato martedì scorso da una cinquantina di persone, tra cui il sindaco, presso il centro diurno "ai Gelsi". …

Mendrisiotto

Per le testuggini d’acqua serve un'oasi

Pubblicate a Mendrisio e Stabio le richieste di licenza edilizia per gli interventi di ripristino della palude di Colombera, sito per la riproduzione dei rettili tutelato …

Mendrisiotto

L'AS Castello compie mezzo secolo

La squadra celebrerà il 2 settembre il suo 50mo compleanno, per il quale è stato edito un libro che ne ripercorre la storia, con aneddoti, interviste e …

Mendrisiotto

La via sublime al Generoso

La SAT Mendrisio ha concluso la prima fase dei lavori di ripristino della “variante”: l'ardita via delle Guardie di confine che da Perostabbio porta fino in …

Mendrisiotto

Fiamme in un appartamento a Chiasso

(LE FOTO) L'incendio è avvenuto alle 12 in una palazzina di Via Guisan. Nessun ferito. Il rogo ha interessato la cucina.

Mendrisiotto

L'ultimo saluto a Diakite Youssouf

(LE FOTO) Al cimitero di Balerna la cerimonia di commiato del 20enne migrante maliano, morto sul tetto di un treno alla stazione FFS.

Mendrisiotto

Chiusura notturna dell'A2 a Mendrisio

Traffico deviato da sabato 25 marzo alle 23.00 a domenica 26 marzo alle 8.00 per consentire l'unione dei due nuovi viadotti della Tana, recentemente realizzati.

Mendrisiotto

Mendrisio si accende di blu

Il Borgo scelto come luogo centrale in Ticino della giornata per la consapevolezza dell’autismo: sabato 1 aprile ospiterà tanti eventi per sensibilizzare sul …

Mendrisiotto

Cordoglio a Balerna per il giovane maliano

Un momento di riflessione e preghiera guidato da don Marco Notari per il giovane migrante morto. Anche il Vescovo di Lugano ha partecipato con un messaggio.

Mendrisiotto

AIM: "Ecco perché votare sì"

Il capo dicastero Marco Romano spiega, in un'intervista, i tanti benefici per i cittadini con l'approvazione della trasformazione delle aziende industriali di Mendrisio …

Mendrisiotto

Lavori lungo via artisti Pozzi

Prenderanno il via lunedì 6 febbraio per il completamento del marciapiede e il rifacimento del tombinone nei Comuni di Mendrisio e Castel San Pietro.

Mendrisiotto

Si è spento don Ezio Lozza

Il parroco di Rancate è deceduto giovedì mattia all’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio in seguito a un malore improvviso.

Mendrisiotto

Lo sguardo rivolto ad Haiti

Le parrocchie di Balerna, Mendrisio, Novazzano e Vacallo uniscono gli sforzi  per la colletta natalizia a sostegno della missione di Anse à Veau-Miragoâne …

Mendrisiotto

Principio di incendio a Balerna

I pompieri sono intervenuti presso una ditta situata in via Magazzini Generali a Balerna, domando sul nascere il rogo di un macchinario.

Mendrisiotto

In dogana con 25 kg di marijuana

A trasportarli è stato un cittadino serbo di 63 anni fermato sabato al valico di Brogeda mentre stava per entrare sul territorio elvetico.

Mendrisiotto - Incidente sul lavoro

Operaio ferito a Morbio Inferiore

Stava lavorando su una navicella a 20 metri d'altezza per smontare delle lampade, quando la sua mano è rimasta incastrata tra il palo delle luci e il corrimano dell …

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg