Home > Ticino e Regioni > Ticino

AlpTransit nell’era dei Walser

20.05.2016 - aggiornato: 20.05.2016 - 13:08

Cosa significava attraversare il massiccio del San Gottardo nel Medioevo? Un tuffo a ritroso nel tempo per conoscere modi, tempi di percorrenza e difficoltà che caratterizzavano il viaggio montano.

di Loris Trotti

 

Il massiccio del San Gottardo, un tempo quasi insormontabile, è stato via via dominato dall’uomo, tanto che oggi per quel che riguarda l’economia dei trasporti, rappresenta uno snodo fondamentale, sia per la Svizzera che per l’Europa intera. Una fama (e un fascino) che però il Gottardo si è guadagnato nei secoli.

 

Il ponte dei Walser

Difatti, come ha scritto il ricercatore Giorgio Bellini, «malgrado il San Gottardo sia situato sulla direttrice più corta tra il Mediterraneo e l’Europa centrale, il passo del San Gottardo fu regolarmente praticato dai viandanti e utilizzato nel trasporto di merci solo a partire dal XIII secolo. Una cappella tardo-carolingia sulla sommità del passo, indica che già nel IX secolo il San Gottardo assunse posizione di preminenza rispetto agli altri valichi locali (alcuni dei quali ebbero importanza strategica e commerciale già in epoca romana). Ma i traffici che vi si svolgevano erano ancora sporadici perché il forestiero che si avventurava sulla montagna incontrava poi difficoltà a trovare immediatamente a nord del passo, in un’allora quasi spopolata terra di nessuno, guide per accompagnarlo, foraggio per le bestie, soccorso in caso di maltempo o rifugio per la notte. La Valle d’Orsera (nei pressi di Hospental) fu colonizzata a partire dal XIII secolo dagli abitanti dell’alto Vallese, i Walser, attirati dai vantaggi offerti dall’abate di Disentis detentore del potere giurisdizionale. La loro presenza offrì un’infrastruttura al traffico regolare; essi contribuirono a quella che gli storici hanno definito l’invenzione del San Gottardo, con la costruzione del famoso ponte del Diavolo e della passerella fissata alla roccia (secondo la tecnica delle bisse vallesane) che vinse la terribile gola della Schöllenen, prima aggirata dall’alto lungo un difficile percorso». Questa passerella, conosciuta come “il ponte della Twärren”, era lunga circa 70 metri e, forse, era sospesa con delle catene. Anche se probabilmente questi ponti restavano un ostacolo per coloro che soffrivano di vertigini (un viaggiatore del XVI secolo descrisse il ponte del Diavolo «privo di pareti o parapetto», al punto che «c’era da inorridire all’idea di doverlo attraversare)», la loro realizzazione immise la via del Gottardo entro un quadro geopolitico più ampio, che di lì in poi si sviluppò in modo progressivo.

 

L’età della someggiatura

La mulattiera del Gottardo (aperta attorno al 1220-1230), con l’edificazione dei due ponti divenne più battuta, tanto che le popolazioni locali cominciarono a trarne guadagno. Come? Con la someggiatura. In altri termini, come spiega Matthias Rennhard nel fresco libretto intitolato “Il San Gottardo - Una montagna da primato”, «le famiglie residenti nella zona ottennero il diritto esclusivo di trasportare merci e persone al di là del valico», con animali da soma. In cambio i somieri (quasi degli sherpa delle nostre latitudini)  «si impegnavano a tenere in ordine la mulattiera, a ricostruirla e a sgombrarla dalla neve. (...) Da vecchie annotazioni risalenti al 1500 sappiamo che ogni anno venivano trasportate attraverso il Gottardo circa 170 tonnellate di merci. Si stima che fino all’apertura della prima strada carrozzabile, intorno al 1830, la quantità annua delle merci fosse aumentata fino a raggiungere le 4.000 tonnellate. Per trasportare una simile quantità venivano impiegati ogni giorno fino a 800 animali da soma». Cifre da capogiro.  

 

Si viaggia anche in battello

Prima dell’apertura dell’Axenstrasse, nel 1865, la mulattiera del San Gottardo, a Flüelen, era accessibile soltanto via lago, mediante dei barconi detti “Nauen”. Una condizione non certo vantaggiosa per il viaggiatore. La stessa mulattiera necessitava di manutenzione continua e per il ponte della Twärren, già crollato sotto il peso della neve più di una volta, bisognava trovare un’alternativa. Il tutto per rendere la via più sicura e più proficua sul piano commerciale. Fu il costruttore di fortezze Pietro Morettini (considerato l’artefice della prima galleria stradale delle Alpi) ad aprire un passaggio alternativo, tramite un tunnel di 60 metri.

 

Continua a leggere sul GdP di oggi

Ticino

"Non fate regali ai criminali!"

L'invito arriva dalla Polizia cantonale che ricorda di prestare attenzione mentre si fanno shopping natalizi, sia nei negozi che nei mercati. E dà alcuni consigli. …

Ticino

Video shock: "Se bevi, non guidi!"

(IL VIDEO) Campagna di prevenzione delle Polizie cantonali romande e ticinese che mostra cosa può accadere mettendosi alla guida dopo aver alzato il gomito.

Ticino

Le letterine di Natale viaggiano con la Posta

A un apposito team è stato affidato lo speciale incarico: fare in modo che le buste giungano a Gesù Bambino e Babbo Natale. Ogni bambino riceverà una …

Ticino

(Ri)Abbonati al GdP e vinci fantastici premi

CONCORSO GDP – Rinnovando o sottoscrivendo un abbonamento per il 2018 ricevi il Giornale del Popolo sin d’ora e inoltre partecipi al nostro concorso.

Ticino

Il caffé arriva col drone

(IL VIDEO) Il caffè ticinese Masaba è stato consegnato per via aerea con il decollo da Savosa. Il test ha dimostrato la fattibilità e rapidità dell …

Ticino

Aeromobile si schianta a Isone... per esercitazione

(LE FOTO) La simulazione è avvenuta nell'ambito delle giornate di formazione con l’obiettivo di migliorare la collaborazione fra enti civili di primo …

Ticino

È online l'orario 2018 delle FFS

Fra le novità in vigore dal 10 dicembre, l'apertura della Stabio-Arcisate percorsa in soli 21 minuti con treni ogni mezz'ora. Ritornano le corse serali della …

Ticino

La Tombola in salsa ticinese

L'idea dell'editore Domioni porta nelle nostre case "la tombola geografica del Canton Ticino". Una versione divertente del classico gioco per conoscere il …

Ticino

4 nuovi agenti di custodia ticinesi

Si tratta di Johnny Cibelli, Davide D’Elia, Angie Sarina e Nenad Vucetik, i quali hanno ritirato sabato il loro diploma durante l'annuale cerimonia a Friborgo. …

Ticino

73 droni in volo assieme, è record!

(LE FOTO) Il primato è stato stabilito sabato a Lodrino dai ragazzi del progetto ated4kids. Gli aeromobili telecomandati erano stati creati dai piccoli piloti.

Ticino

Arte del riciclo, due ticinesi premiati

(LE FOTO) Nel concorso nazionale, Maurizio Milesi di Lumino e John Delmuè di Rivera si sono distinti per le opere create usando vecchi imballaggi in metallo.

Ticino

Andar per funghi in sicurezza

Ecco alcuni consigli e indicazioni utili rivolte in particolare ai "fungiatt", ma anche agli escursionisti, da tenere presente prima di inoltrarsi nei boschi.

Ticino

Quando Svampa era di casa in Ticino

Il ricordo di Giorgio Fieschi dell'artista venuto a mancare sabato. Accanto alle canzoni, le partecipazioni radiofoniche e televisive, che lo hanno reso popolare nel …

Ticino

Il Governo in gita in Val di Blenio

Il luogo è stato scelto dal presidente del Consiglio di Stato, Manuele Bertoli, per il tradizionale preludio alla ripresa dell'attività governativa dopo la …

Ticino

Riuscito il viaggio da record!

Quattro giovani ticinesi hanno girato la Svizzera, passando per tutti e 26 i Cantoni, in 17 ore e 19 minuti usando solo i mezzi pubblici. Ed entrano così nel Guinness …

Ticino

Al Festival con i mezzi pubblici

RailAway propone un biglietto scontato del 20% per il viaggio di andata e ritorno a Locarno in occasione della rassegna cinematografica.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg