Home > Cultura > Cinema

Argovia: dedicata una piazza all'attore di Hollywood Yul Brynner

21.06.2014 - aggiornato: 24.06.2016 - 14:04

Il famoso attore di Hollywood dalla testa pelata - protagonista di film premiati come il kolossal "I dieci comandamenti" (1956) - era figlio di un console svizzero in Russia e aveva conservato per tutta la vita il passaporto elvetico.

Yul Brynner nel ruolo di Ramses nel film del 1956 "I dieci comandamenti". (foto dal web)

Grande festa oggi a Möriken-Wildegg, nel canton Argovia, per l'inaugurazione di una piazza dedicata all'attore Yul Brynner (1920-1985), il più illustre cittadino di questo comune situato a metà strada tra Aarau e Baden. Il famoso attore di Hollywood dalla testa pelata - protagonista di film premiati come il kolossal "I dieci comandamenti" (1956) - era figlio di un console svizzero in Russia e aveva conservato per tutta la vita il passaporto elvetico.

Fra gli invitati c'erano anche il figlio Rock Brynner, nato nel 1946 dal primo matrimonio con l'attrice Virginia Gilmore, e la seconda moglie Doris Kleiner. Il canton Argovia era rappresentato dal presidente del Gran Consiglio Thierry Burkart e dal Landamano (il presidente del governo cantonale) Roland Brogli.
Sulla piazza intitolata a Yul Brynner, che è stata interamente rifatta con una spesa di 1,4 milioni di franchi, sono state inserite 20 piastre in calcare conchilifero sulle quali sono stati incisi i titoli di altrettanti film interpretati dall'attore.

Yul, nato a Vladivostok, era figlio del console in Russia Boris Brynner - i cui antenati sono rintracciabili nel villaggio argoviese fino al lontano 1517 - e della cittadina russa Marusja Blagovidova, e aveva conservato la cittadinanza di Möriken-Wildegg. Dagli archivi del comune risulta che il suo cognome originale era Bryner e che nel 1965 il governo del canton Argovia autorizzò la modifica in Brynner.
Le cronache riferiscono inoltre di una visita che Yul Brynner fece nel 1967 al paese che diede i natali ai suoi avi. In quell'occasione, l'attore donò pure "un'ingente somma di denaro" che servì a finanziare una casa di vacanza in Vallese.
Yul Brynner è stato anche un appassionato fotografo che amava scattare istantanee sui set dei film in cui lavorava. Nella sala comunale di Möriken-Wildegg è stata allestita un'esposizione, curata dalla figlia Victoria, che ripropone per la prima volta in Svizzera le immagini del libro fotografico "Yul Brynner: A Photographic Journey". La mostra potrà essere visitata fino al 13 luglio.

 

Cinema

Un "road movie" natalizio per le famiglie

Con “Frontaliers Disaster”, tornano le disavventure di Bernasconi e Bussenghi, questa volta protagonisti di un lungometraggio in cui saranno alle prese …

Cinema

Avatar tornerà e si farà in quattro

È stata posticipata l'uscita dell'attessimo sequel del film diretto da Cameron. Quello che è noto, per ora, è che non sarà solo uno, ma bens …

Cinema

Addio al regista Squitieri

Il grande regista del cinema italiano è morto a Roma a 78 anni.

Cinema

Carlo Maria Martini, una voce libera nella fede

“Vedete, sono uno di voi” è un pregevole film di montaggio ricco di materiali d’archivio che ricostruisce il percorso umano e spirituale dell …

Cinema

La strategia visionaria di Valignano

"Silence", il film di Scorsese, visto da Vittorio Volpi, che ha studiato il periodo “Kirishitan Jidai”.

Cinema

Prezzi più bassi al Cinestar

Il nuovo gestore del multisala di Lugano, Arena Cinemas, ha deciso di diminuire i prezzi dei biglietti: fino al 36% in meno rispetto agli attuali costi.

Cinema

Premiato un film sul voto alle donne

La pellicola elvetica "Die Göttliche Ordnung" si è aggiudicata il Prix de Soleure in occasione della 52esima edizione delle Giornate cinematografiche di …

Cinema

"Ma vie de Courgette" anche ai César

Il film del vallesano Claude Barras ha ricevuto tre nomination in altrettante categorie: miglior film, d'animazione, miglior adattamento e migliore musica.

Cinema

Oscar, ecco tutti i nominati

Tra i nominati anche 3 film svizzeri, tra questi anche il film d'animazione "Ma vie de Courgette". La pellicola più nominata è La La Land: 14 in …

Cinema

Polanski sarà presidente del César

Il noto regista, che ha vinto il prestigioso riconoscimento ben 8 volte, avrà in mano le redini della 42esima edizione del premio, prevista il 24 febbraio a Parigi.

Cinema

Un apologo sulla fede e il mistero

La recensione di Daniela Persico di "Silence", dell'ultima fatica di Martin Scorsese che parla della persecuzione dei cristiani nel Giappone del XVII secolo.

Cinema

Biglietti omaggio per "Silence"

Scopri come ottenere i 60 biglietti offerti ai propri lettori dal Giornale del Popolo per vedere al cinema l'ultimo film di Martin Scorsese.

Cinema

Uno sguardo su individuo e responsabilità

In uscita il nuovo film di Clint Eastwood "Sully". La pellicola tratta la vicenda del comandante che fece atterrare un aereo di linea in avaria sul fiume Hudson.

Cinema - Festival del Film

Un brindisi "politico" al Pardo

Tradizionale ricevimento del Governo ticinese mercoledì sera al Festival del Film di Locarno. (LE FOTO)

Cinema - Festival di Cannes

Romania verso la Palma per un cinema sociale

La qualità sembra dominata dalle creazioni rumene, da una parte “Sieranevada” di Puiu e dall’altra la sofisticata parabola di Mungiu con …

Cinema

Il coraggio di un medico conquista Cannes

Grande successo per la pellicola "La fille inconnue" dei fratelli Dardenne, che parla di un medico e delle difficoltà di fronte ai problemi sociali. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg