Home

L'Orso d'oro va a "Touch me not"

24.02.2018 - aggiornato: 24.02.2018 - 23:05

I giudici internazionali del Festival di Berlino hanno premiato la regista rumena Adina Pintilie. Gran Premio della Giuria invece alla polacca Malgorzata Szumowska per "Mug".

© Ralf Hirschberger/dpa via AP

Nel segno soprattutto delle donne, ma anche dell'impegno politico, come è tradizione della Berlinale, questa 68ma edizione del Festival del cinema di Berlino che si è chiusa stasera. A vincere l'Orso d'oro è il 'disturbante' "Touch me not" della romena Adina Pintilie che vince anche il premio opera prima, ricerca psicologica sul desiderio umano e sulla reale possibilità di entrare in contatto con l'altro: toccare per entrare in contatto fino a che punto è possibile?

Protagonista è una donna che non vuole essere toccata e cerca il senso del contatto negli altri. ''Vorrei che questo film ci aprisse tutti al dialogo aldilà di ogni frontiera'', ha detto Pintilie ritirando il premio dalla giuria presieduta da Tom Tykwer.

E anche l'Orso d'argento Gran premio della giuria è al femminile, a prenderlo è Malgorzata Szumowoska con "Mog", inno acido e grottesco al consumismo con una folla di persone di ogni età che pur di accaparrarsi il più possibile a una svendita natalizia si spoglia fino alle mutande.

"L'isola dei cani", film in stop-motion di Wes Anderson che molti davano alla vigilia per favorito, non ottiene l'Orso d'oro ma conquista la miglior regia. Anderson non è presente, per lui ritira il riconoscimento Bill Murray.

"Las herederas" di Marcelo Martinetti che, oltre all'Alfred Bauer, ha vinto il premio per miglior attrice andato ad Ana Brun è ancora una volta una sinfonia al femminile con la storia di Chela e Chiquita, coppia lesbica che vive da trenta anni insieme. Quando la tonica Chiquita viene arrestata per frode fiscale, Chela scopre che la sua anima non è così dimessa come credeva e che può farsi una nuova vita.

La preghiera, l'affidarsi a Dio, può essere un'ancora contro la deriva delle droghe. È quello che rappresenta con forza e misticismo "La priere" di Cedric Kahn (Gli uomini di Dio) e giustamente ottiene il premio come miglior attore andato al giovane Anthony Bajon, nell'interpretazione del multi-facce Thomas.

Delusione per la Germania

Tra i delusi di questa 68ma edizione c'è soprattutto la Germania, che non ottiene nulla nonostante molti avessero puntato "In the aisles" di Thomas Stuber, storia d'amore triste tra due impiegati nel background di un grande magazzino nella provincia della Germania est d'oggi. Ma tra i favoriti che non hanno ottenuto nulla c'era anche il norvegese "U: July 22" con la cronaca al cardiopalma della strage di 69 giovani sull'isola di Otaya e l'anti-musical-splatter bianco e nero "Season of the devil" del filippino Lav Diaz, che però ha già vinto nel 2016 alla Berlinale l'Alfred Bauer, premio della giuria ai film che "aprono nuove prospettive".

Per la Svizzera, già venerdì sera è stato premiato il film "Fortuna" del regista losannese Germinal Roaux nella categoria Generation. Ha ricevuto l'Orso di cristallo per il miglior film e il Gran premio della giuria internazionale di Generation 14plus per il miglior film.

 

(Red/Ats)

Cinema

Il coraggio della bontà come sfida

SPECIALE CANNES - Il film "Lazzaro felice" di Alice Rohrwacher, raccontato con la poesia di una fiaba, raggiunge momenti di grande cinema, senza temere il …

Cinema

Un messaggio per il presente

50 anni fa usciva "2001: Odissea nello spazio"; rivoluzionaria opera di fantascienza e saggio filosofico, il capolavoro di Kubrick continua a parlare all’ …

Cinema

Le nomination agli Oscar 2018

La pellicola con più candidature, ossia 13, è "La forma dell'acqua" del regista Guillermo Del Toro; la cerimonia di consegna è prevista …

Cinema

Buon compleanno cinemany!

Prima candelina per la rivista ticinese nata grazie a un gruppo di giornalisti e appassionati di cinema. E festeggia lanciando una campagna social: #perNataleRegalaCultura.

Cinema

Un "road movie" natalizio per le famiglie

Con “Frontaliers Disaster”, tornano le disavventure di Bernasconi e Bussenghi, questa volta protagonisti di un lungometraggio in cui saranno alle prese …

Cinema

Avatar tornerà e si farà in quattro

È stata posticipata l'uscita dell'attessimo sequel del film diretto da Cameron. Quello che è noto, per ora, è che non sarà solo uno, ma bens …

Cinema

Addio al regista Squitieri

Il grande regista del cinema italiano è morto a Roma a 78 anni.

Cinema

Carlo Maria Martini, una voce libera nella fede

“Vedete, sono uno di voi” è un pregevole film di montaggio ricco di materiali d’archivio che ricostruisce il percorso umano e spirituale dell …

Cinema

La strategia visionaria di Valignano

"Silence", il film di Scorsese, visto da Vittorio Volpi, che ha studiato il periodo “Kirishitan Jidai”.

Cinema

Prezzi più bassi al Cinestar

Il nuovo gestore del multisala di Lugano, Arena Cinemas, ha deciso di diminuire i prezzi dei biglietti: fino al 36% in meno rispetto agli attuali costi.

Cinema

Premiato un film sul voto alle donne

La pellicola elvetica "Die Göttliche Ordnung" si è aggiudicata il Prix de Soleure in occasione della 52esima edizione delle Giornate cinematografiche di …

Cinema

"Ma vie de Courgette" anche ai César

Il film del vallesano Claude Barras ha ricevuto tre nomination in altrettante categorie: miglior film, d'animazione, miglior adattamento e migliore musica.

Cinema

Oscar, ecco tutti i nominati

Tra i nominati anche 3 film svizzeri, tra questi anche il film d'animazione "Ma vie de Courgette". La pellicola più nominata è La La Land: 14 in …

Cinema

Polanski sarà presidente del César

Il noto regista, che ha vinto il prestigioso riconoscimento ben 8 volte, avrà in mano le redini della 42esima edizione del premio, prevista il 24 febbraio a Parigi.

Cinema

Un apologo sulla fede e il mistero

La recensione di Daniela Persico di "Silence", dell'ultima fatica di Martin Scorsese che parla della persecuzione dei cristiani nel Giappone del XVII secolo.

Cinema

Biglietti omaggio per "Silence"

Scopri come ottenere i 60 biglietti offerti ai propri lettori dal Giornale del Popolo per vedere al cinema l'ultimo film di Martin Scorsese.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg