Home > Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

23.11.2017 - aggiornato: 23.11.2017 - 17:05

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

© Foto dal web

In un anno ricco di anniversari, anche una delle manifestazioni più popolari del piccolo schermo ha una ricorrenza da festeggiare: si appresta infatti a esordire con la sua 60esima edizione lo Zecchino d’Oro, da sabato 18 novembre su Rai Uno alle 16.35. Sotto la direzione artistica di Carlo Conti, il festival canoro per bambini sarà condotto da Francesca Fialdini con la partecipazione del duo comico Gigi & Ross.

I piccoli concorrenti canteranno, come di consueto, accompagnati dal Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna, diretto da Sabrina Simoni. Quest’anno saranno 12 le canzoni inedite in gara, e 16 gli interpreti, provenienti da 10 diverse regioni d’Italia. Le quattro puntate settimanali, ogni sabato fino al 9 dicembre, culmineranno con una puntata speciale (l’8 dicembre) condotta da Carlo Conti, che ripercorrerà i momenti più importanti della storia dello Zecchino. Sono attesi molti ospiti, tra i quali anche Cristina D’Avena, che partecipò come cantante all’edizione 1968.

Volti e brani da ricordare

Il traguardo raggiunto dallo Zecchino d’Oro appare ragguardevole soprattutto se si considera che i brani cantati in sei decenni sono stati ben 752, alcuni scritti da autori molto noti della musica leggera italiana, come Biagio Antonacci ed Edoardo Bennato. Perché, nonostante l’inesperienza e la giovane età degli interpreti, il prestigio della manifestazione è sempre stato tale da invogliare questi professionisti a lasciare il loro segno.

A differenza dei talent show nati in anni recenti, come Amici o X Factor, lo Zecchino d’Oro riesce a conservare la sua freschezza forse proprio perché il suo principale obbiettivo non è il lancio di nuove star della discografia. Piuttosto, la manifestazione punta a valorizzare la musica come mezzo di espressione per i bambini, e come strumento di coesione e condivisione. A dimostrarlo è anche il fatto che davvero pochi tra i cantanti che si sono esibiti su questo palco abbiano poi deciso di continuare a coltivare la loro passione musicale.

Tra questi, non si può dimenticare Cristina D’Avena, che festeggia i 35 anni di una carriera costruita senza mai abbandonare la canzone per bambini. A tre anni e mezzo, partecipò allo Zecchino d’Oro con l’ormai celeberrima Il valzer del moscerino, piazzandosi “solo” terza. Ma quel brano, poi, sarebbe entrato nella memoria di intere generazioni di bambini (e genitori). La stessa sorte è toccata alla canzone vincitrice di quell’edizione, 44 gatti, cantata da Barbara Ferigo. O a Popoff, del 1967. Il suo interprete, Valter Brugiolo, diventerà attore per spot pubblicitari e film, per approdare alla politica nel 2008. Maria Sole Tognazzi, regista cinematografica, partecipò invece allo Zecchino d’Oro nel 1976 con la canzone Show nella foresta. La figlia di Ugo Tognazzi gareggiò con il solo nome di Maria Sole per evitare favoritismi.

Ma sono soprattutto alcune presenze adulte a essere rimaste impresse nella memoria e nella storia del programma. In primis Cino Tortorella, scomparso nel marzo di quest’anno. Come Mago Zurlì, condusse la prima edizione nel 1959, dopo aver lanciato l’idea di una sorta di Festival di Sanremo dedicato ai bambini. E poi Mariele Ventre, fondatrice e direttrice del Piccolo Coro Dell’Antoniano, al quale dedicò tutta la vita portandolo a essere una realtà nota a livello internazionale. Il Piccolo Coro diventò con lei il protagonista, insieme ai piccoli cantanti in gara, dello Zecchino d’Oro. Lo diresse fino al 1995, quando, in seguito alla sua morte, il ruolo venne assunto da Sabrina Simoni. Meno evidente, forse, ma fondamentale per lo spettacolo è stato poi l’attore Peppino Mazzullo, “voce” di Topo Gigio dal 1961 al 2006. Il pupazzo, nato dalle mani di Maria Perego nel 1959, è un personaggio romantico e sensibile, goloso di formaggio e terrorizzato dai gatti. Nel 2004 ha ceduto il posto a un altro topo, Geronimo Stilton, ma proprio quest’anno è previsto il suo atteso  ritorno. Perché una vera star non può abbandonare il palcoscenico sul più  bello.

(FMo)

Cultura

Un uomo solo al comando…anzi due

Il Festival dei record incorona Meta-Moro e premia le scelte del direttore artistico Claudio Baglioni.

Cultura

I duetti fanno rimpiangere le cover

Una maratona di canzoni nella penultima serata del Festival. Il clou della serata sono i duetti, ma pochi convincono. Quel che resta nella mente è solo lei, Gianna …

Cultura

Non c'è niente che sia per sempre tranne l'adolescenza

SPECIALE SANREMO - Quando Sanremo scopre il mondo indie grazie a cinque ragazzi con magliette divertenti e una "vecchia che balla" che ricorda la scimmia.

Cultura

Non c’è gara, the winner is… Claudio Baglioni

SPECIALE SANREMO - Terza serata dominata dall’onnipresente direttore artistico.

Cultura

Un Volo… disastroso

SPECIALE SANREMO - Ospiti della seconda serata, il giovanissimo gruppo ha intrattenuto il pubblico proponendo “Nessun dorma” di Puccini e un omaggio al grande …

Cultura

"Dirige l'orchestra, il maestro Vessicchio"

SPECIALE SANREMO - Grande assente della scorsa edizione del Festival, il maestro è tornato a dirigere l’orchestra sul palco dell’Ariston. Per lui... standing …

Cultura

A volte ritornano… a volte purtroppo no

SPECIALE SANREMO - Serata fiacca, la seconda del Festival, senza Fiorello. "Fortuna che ad animare un po' i social ci pensano Pippo Baudo e Beppe Vessicchio …

Cultura

Lucio Dalla, in ogni sfumatura

SPECIALE SANREMO - Nella canzone di Ron, "Almeno pensami", ritroviamo un po' di lui, i suoi temi, la sua passione. "Mi manca e forse lo cerco in tutto …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

La musica? "Solo un corollario"

SPECIALE SANREMO - A nessuno importano veramente le canzoni. Il Festival è più che altro un’occasione unica di diventare giudici improvvisati e di …

Cultura

Fiorello una spanna sopra tutti

SPECIALE SANREMO - È lui il mattatore della prima serata del festival firmato Claudio Baglioni, e che dà il via alla gara. "E qui iniziano le noti …

Cultura

Di abiti, lustrini e mariti…

SPECIALE SANREMO - Se tuo marito è un Trussardi, scivolare sugli abiti di Sanremo è vietato. E Michelle Hunziker, con il suo Tomaso che la guardava, non ha …

Cultura

Roy, il problema non sta nella canzone

SPECIALE SANREMO - "Il problema sta nel fatto che mi è tornata quella strana voglia". Una voglia scoppiata nel 2005, quando Roy Paci fu ospite di Festate …

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg