Home > Cultura

Il fascino delle parole su pellicola

21.10.2017 - aggiornato: 21.10.2017 - 13:39

SPECIALE SABATO - È con una pubblicazione che l’Accademia della Crusca ha deciso di partecipare quest’anno alla XVII Settimana della Lingua Italiana nel mondo.

di Francesca Monti

 

È con una pubblicazione, cartacea e digitale, che l’Accademia della Crusca ha deciso di partecipare quest’anno alla XVII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Mentre l’iniziativa si avvia alla sua conclusione, fino a domani, 22 ottobre, sarà possibile scaricare gratuitamente in formato elettronico il ricco volume curato da Giuseppe Patota e Fabio Rossi.

Che analizza il ruolo del cinema come amplificatore, in Italia e all’estero, di lingue e varietà, proponendo dieci capitoli che esplorano le origini, il successo della commedia all’italiana, la lingua cinematografica di registi come Federico Fellini e Massimo Troisi e molti altri aspetti del binomio settima arte-lingua. Ne abbiamo parlato con uno degli autori, lo storico della lingua  italiana Riccardo Gualdo. 

 

accadde_una_notte_1934.jpg

 

Quali sono stati i momenti in cui il cinema si è rivelato uno strumento importante per la diffusione della lingua italiana?

Il saggio introduttivo di L’italiano al cinema, l’italiano nel cinema, scritto da Fabio Rossi, esamina proprio questo aspetto, citando gli studiosi Alberto Menarini e Sergio Raffaelli. Rossi parla di “fasi alterne”. Molto importanti sono gli anni Trenta, perché soprattutto grazie al doppiaggio e all’influsso del cinema americano, che arriva in Italia nonostante le censure del fascismo, nasce una lingua molto più vicina alla realtà. In quel momento coesistono due situazioni parallele: da un lato il cinema “dei telefoni bianchi”, di regime; dall’altro quello sperimentale, che attraverso la lezione del doppiaggio e con nuovi registi si avvicina al realismo. Il film di Frank Capra Accadde una notte (1934), ad esempio, con Clark Gable, arriva subito in Italia e viene doppiato in una lingua molto più vicina al parlato. Proprio perché non era possibile doppiarlo nella lingua un po’ falsa che ricorreva allora al cinema. Alcuni intellettuali di quel tempo, come Emilia Salvioni, scrittrice di romanzi popolari di successo, o Paolo Milano, critico e giornalista, parlano dell’importanza di usare al cinema una lingua moderna, vicina a quella delle persone comuni. Milano dice, ad esempio: «bisogna multare chi usa nel cinema una forma come “ho detto loro”, invece di “gli ho detto”».

 

cover_libro.jpg

(la copertina del libro)

 

Il secondo momento fondamentale è quello della commedia all’italiana, gli anni ‘50 e ‘60 con Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola. Grazie anche all’opera di sceneggiatori come Age e Scarpelli, e Suso Cecchi d’Amico, viene costruita una nuova lingua del cinema, che rispecchia, anche se stilizzandole, le caratteristiche della lingua comune. Il cinema che si sviluppa dopo la guerra pensa a una nuova rappresentazione del Paese, che cancelli le finzioni rappresentative del Ventennio. Io e Laura Clemenzi abbiamo fatto uno specifico studio sul documentario, che è scuola di lingua per grandi registi che all’epoca sono giovani, come Michelangelo Antonioni, Ermanno Olmi e poi Bernardo Bertolucci. Sperimentano una rappresentazione realistica della nuova Italia, il Paese dei contadini non idealizzati ma visti negli aspetti più umili, come in Gente del Po di Antonioni del 1947. Qui c’è una voce fuori campo femminile, una cosa molto innovativa per l’epoca, che descrive la vita dei contadini lungo il corso del Po, nella bassa padana, con piccoli inserti di dialetto. E il documenario degli anni Cinquanta e Sessanta rappresenta un’importante scuola di descrizione della nuova realtà linguistica, anche legata alla classe operaia e all’industrializzazione.

Continua a leggere nell'inserto di Cultura di oggi

 

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Cultura

Assegnati i premi Möbius 2017

La Fondazione per lo sviluppo della cultura digitale, giunta alla sua ventunesima edizione, ha premiato il progetto Monitra e la piattaforma Treccani.

Cultura

La passione per Tolkien in un museo

SPECIALE SABATO - Tra le vigne grigionesi sorge il “Greisinger Museum”, unico al mondo, che espone 10mila pezzi da collezione legati alla narrativa …

Cultura

Storie di montagna, di uomini e di donne

Al via il 25 agosto la 24esima edizione del Festival dei Festival. Oltre ai veri protagonisti della rassegna, ossia i migliori film su vette e cime del mondo, ci sarà …

Cultura

Un funzionale "paradiso" a Giubiasco

Intervista alla direttrice del nuovo centro artistico Kami Manns. A pochi passi dalla stazione vengono riutilizzati gli spazi di un ex fabbrica a scopi culturali.

Cultura

La sfida è valorizzare l'organo

Intervista all'organista Andrea Coen, protagonista del quinto concerto di Ceresio Estate, martedì 25 luglio nella Chiesa di Santa Maria del Sasso a Morcote.

Cultura

Quando i colori vincono sul dolore

IL PERSONAGGIO - La giovane artista berlinese di origini ebraiche Charlotte Salomon espone la sua opera fino al 25 giugno a Palazzo Reale di Milano.

Cultura

In libreria un inedito di Tolkien

Gioiranno i fan del professore di Oxford: dopo 100 anni verrà pubblicato "Beren e Lúthien", scoperto dal figlio Christopher Tolkien nel 1918.

Cultura

Nuove scoperte nelle grotte di Qumran

SPECIALE SABATO -  Proponiamo dal nostro inserto un'intervista sulle novità emerse durante la campagna di scavo realizzato dalla Facoltà di Teologia …

Cultura

Il sorriso della Gioconda? Felice

Dopo secoli, uno studio mette luce sull'alone di mistero attorno al famoso ed enigmatico sorriso della Monna Lisa.

Cultura

L’architetto degli zar, lo zar degli architetti

Giacomo Quarenghi alla Pinacoteca Züst di Rancate. Dal valore di questo artista cosmopolita emerge una delle stagioni più fulgide dell’ …

Cultura

Nel giardino creativo di Gaudì

Domani al Palacongressi un’opera multimediale dedicata all’architetto spagnolo, il cui testo è stato firmato da Gilberto Isella.

Cultura

Lungo le vie di Todorov, l’ultimo umanista

A pochi giorni dalla scomparsa, ricordiamo il grande studioso di semiologia e linguistica di origine bulgara.

Cultura

Da Tuttwil a Milano: la storia di Hoepli

All'USI un incontro-dibattito per raccontare la storia della famiglia svizzera che, partendo da una libreria a Milano, fondò la nota casa editrice. 

Cultura

Il latino? Un atto d’amore per la libertà

Nicola Gardini, docente di Letteratura italiana ad Oxford, ha scritto un racconto appassionato in cui a far da protagonista è la bellezza senza tempo della lingua latina …

Cultura

La vita del calciatore in scena a Bellinzona

Al teatro Sociale debutterà martedì 17, con repliche dal 19 al 22 gennaio, “Kubi”. Qui proponiamo interviste al giocatore, ad uno dei due registi e ad …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg