Home > Cultura

Il primo colpo al cuore e due anniversari

13.05.2018 - aggiornato: 14.05.2018 - 14:48

DIARIO DA CANNES - Cold War del polacco Pawlikowski conquista i critici della Croisette, mentre il 1968 viene ricordato da Godard e DA 2001: Odissea nello spazio.

di Francesca Monti

 

Dopo il clima un po’ freddo dei primi giorni, il concorso di Cannes 71 ha finalmente sferrato il suo primo colpo al cuore collettivo. Si tratta di Cold War del polacco Pawel Pawlikowski, una storia d’amore tormentata che si svolge nell’arco di 15 anni, dal 1949 al 1964, tra un pianista e una cantante, divisi dalla cortina di ferro, tra Varsavia, Berlino, Parigi e la Jugoslavia. Se vi dovesse capitare di avvicinarvi alla Croisette in queste ore, difficilmente sentirete parlare d’altro: il film ha letteralmente stregato critica e giornalisti, garantendosi un futuro radioso in sala e soprattutto qui, alla resa dei conti del palmarès della prossima settimana.

Intanto anche l’estremo oriente sta facendo parlare di sé, grazie all’opera di un veterano del festival, amatissimo in Francia: il maestro cinese Jia Zhang-ke. Nel suo Ash is Purest White racconta la vicenda di una donna che, lungo il corso di 18 anni, cerca di trovare la propria posizione nel mondo, partendo da una condizione sociale svantaggiata e spinta dall’amore per un piccolo criminale locale. Come sempre, le storie messe in scena da questo regista contengono un doppio livello di lettura e vanno interpretate come metafore delle trasformazioni della Cina nel nuovo millennio, tra nuove e vecchie forme di disuguaglianze sociali.

Jean-Luc Godard ha invece lanciato un messaggio ai cineasti di domani con il suo Le livre d’image. Un film di montaggio che, con un caleidoscopio di citazioni letterarie e cinematografiche, riflette sul presente delle immagini e della nostra civiltà. Ma soprattutto rimarrà incisa nella memoria la sua conferenza stampa: il regista si è infatti collegato con i giornalisti via Facetime da Rolle, il paese in cui vive da decenni. Durante la videotelefonata si è mostrato aperto, sorridente e disponibile, rispondendo anche in russo e in giapponese alle domande in queste lingue. Il cortocircuito tra presente e passato creato da Godard – a cui anche la locandina di questa edizione del festival rende omaggio, con un fermoimmagine di Pierrot le fou (1965) – ben si accorda con il cinquantesimo anniversario della tumultuosa edizione del 1968, di cui fu proprio uno dei protagonisti.

L’arrivo delle donne e dell’Odissea

Intanto, ieri sul tappeto rosso hanno sfilato anche numerose attrici e registe provenienti da tutto il mondo. L’occasione era la proiezione di Les Filles du Soleil di Eva Husson, il film “femminista” del concorso, con Emmanuelle Bercot e Golshifteh Farahani, sul battaglione di soldatesse curde sopravvissute a violenze e diventate guerriere. 82 donne sono state dunque chiamate a sfilare per rappresentare gli 82 film di autrici passati in concorso dalla prima edizione a oggi. Tra loro anche Agnès Varda e la presidente di giuria del concorso, Cate Blanchett. Simbolicamente, il red carpet è stato interrotto a metà, per indicare la strada ancora lunga da percorrere in materia di pari opportunità. Un modo per sancire un nuovo corso, in quella che è anche la prima edizione post-Weinstein.

Stasera, invece, il regista Christopher Nolan presenterà la versione restaurata di 2001: Odissea nello spazio, il capolavoro di Stanley Kubrick, che pure festeggia 50 anni nel 2018. Ad accompagnare il film – proiettato in 70mm – saranno i membri della famiglia del regista: la figlia Katharina, e lo storico produttore e cognato Jan Harlan. Ma anche l’attore 81enne Keir Dullea, che interpreta l’astronauta David Bowman. Un evento da non perdere, anche se per il restauro è prevista un’uscita in sala nei prossimi mesi.

Cultura

Il primo colpo al cuore e due anniversari

DIARIO DA CANNES - Cold War del polacco Pawlikowski conquista i critici della Croisette, mentre il 1968 viene ricordato da Godard e DA 2001: Odissea …

Cultura

Se gli USA latitano, i russi si fanno sentire

DIARIO DA CANNES - Serebrennikov e Loznitsa raccontano due facce dell’ex Unione Sovietica, mentre le sezioni collaterali riservano interessanti scoperte.

Cultura

Incontro con il giornalista Mura

Giovedì 19 aprile, alle 20.30, presso la Sala Aragonite di Manno, si parlerà di racconti, cucina, sport e canzoni, ossia... "i 4 lati di Mura".

Cultura

Intorno al ritmo

Luca Cerchiari ci presenta la terza edizione di "The Cambridge Companion to the Musical” di Everett e Laird, volume sulla commedia musicale americana.

Cultura

Riflettori puntati sui mitici Anni '90

Per due mesi Bellinzona ospiterà il festival culturale e musicale "Strange Days", che propone eventi di diverso tipo per capire come sia cambiato il mondo …

Cultura

Topolino festeggia 90 anni

A partire dalla prossima settimana Disney celebrerà per tutto il 2018 uno dei personaggi più amati da intere generazioni di bambini e adulti.

Cultura

La vita in quella che fu l'URSS

SPECIALE SABATO - Un bel libro ci racconta quel mondo scomparso, attraverso 400 oggetti, altrettante fotografie, 700 citazioni letterarie. Un'immersione oltre i clich …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Cultura

Un musical avvincente e convincente

Il commento sullo spettacolo teatrale di Yor Milano, "La vera storia di Nicolao della Flüe", andato in scena domenica sera al Palazzo dei Congressi di …

Cultura

La Svizzera italiana di Nessi

SPECIALE SABATO - Quindici passeggiate con uno sguardo particolare. Senza dimenticare i monumenti artistici, lo scrittore si sofferma su aspetti minori della quotidianit …

Cultura

Una figura di donna moderna e impegnata

Carolina Maraini-Sommaruga (Lugano 1869-Savosa 1959) è protagonista alla Pinacoteca Züst di Rancate. Conosciamola meglio. 

Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg