Home > Cultura

Il sorriso della Gioconda? Felice

14.03.2017 - aggiornato: 14.03.2017 - 16:11

Dopo secoli, uno studio mette luce sull'alone di mistero attorno al famoso ed enigmatico sorriso della Monna Lisa.

© Keystone

Sembra risolto il mistero del sorriso della Gioconda: Monna Lisa non è ambigua ed enigmatica, come si è detto per secoli, ma semplicemente contenta.
Il suo volto, immortalato dal pennello di Leonardo Da Vinci, esprime infatti felicità: così per lo meno viene interpretato dal nostro cervello, come dimostra un esperimento condotto dalla ricercatrice italiana Emanuela Liaci all'Università di Friburgo, in Germania.

I risultati, pubblicati su Scientific Reports, indicano come la percezione delle emozioni comunque non sia assoluta, ma possa essere influenzata dal contesto in cui ci troviamo. ''Siamo stati molto sorpresi dallo scoprire che la Monna Lisa viene sempre vista come felice: questo mette in discussione l'opinione comune tra gli storici dell'arte'', afferma il coordinatore del gruppo di ricerca, Jurgen Kornmeier.

Per decifrare il sorriso della Gioconda, i ricercatori hanno mostrato ad un gruppo di volontari il dipinto di Leonardo insieme ad altre otto versioni 'ritoccate', in cui gli angoli della bocca della Monna Lisa erano stati leggermente curvati verso l'alto o il basso per dare un'espressione più felice o più triste.

Le immagini, tutte in bianco e nero, sono state mostrate più volte e in ordine del tutto casuale. Dalle reazioni degli osservatori, è emerso che la versione originale del quadro e le quattro con l'espressione più positiva sono state percepite come 'felici' quasi nel 100% dei casi, e il loro riconoscimento è avvenuto più velocemente e con una maggiore certezza rispetto alle espressioni più tristi. ''E' come se il nostro cervello fosse più portato a riconoscere le espressioni facciali positive'', spiega Emanuela Liaci.

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno mostrato ai volontari la Gioconda originale insieme ad altre sette versioni, tutte più malinconiche: in questo contesto di maggiore negatività, tutte le immagini sono state giudicate dagli osservatori come più tristi. ''I dati - conclude Kornmeier - dimostrano che la nostra percezione di ciò che è triste o felice non è assoluta, ma si adatta al contesto con una velocità impressionante''.

(Ats)
 

Cultura

Il sorriso della Gioconda? Felice

Dopo secoli, uno studio mette luce sull'alone di mistero attorno al famoso ed enigmatico sorriso della Monna Lisa.

Cultura

L’architetto degli zar, lo zar degli architetti

Giacomo Quarenghi alla Pinacoteca Züst di Rancate. Dal valore di questo artista cosmopolita emerge una delle stagioni più fulgide dell’ …

Cultura

Nel giardino creativo di Gaudì

Domani al Palacongressi un’opera multimediale dedicata all’architetto spagnolo, il cui testo è stato firmato da Gilberto Isella.

Cultura

Lungo le vie di Todorov, l’ultimo umanista

A pochi giorni dalla scomparsa, ricordiamo il grande studioso di semiologia e linguistica di origine bulgara.

Cultura

Da Tuttwil a Milano: la storia di Hoepli

All'USI un incontro-dibattito per raccontare la storia della famiglia svizzera che, partendo da una libreria a Milano, fondò la nota casa editrice. 

Cultura

Il latino? Un atto d’amore per la libertà

Nicola Gardini, docente di Letteratura italiana ad Oxford, ha scritto un racconto appassionato in cui a far da protagonista è la bellezza senza tempo della lingua latina …

Cultura

La vita del calciatore in scena a Bellinzona

Al teatro Sociale debutterà martedì 17, con repliche dal 19 al 22 gennaio, “Kubi”. Qui proponiamo interviste al giocatore, ad uno dei due registi e ad …

Cultura

Un tesoro di erudizione e passione

Antologia di brani selezionati dai lavori di Giovanni Orelli. Da “L’anno della valanga” alle delicate quartine per il nipote Francesco alle soglie del nuovo …

Cultura

Dalla locomotiva dei Lumière

In occasione dell'apertura di AlpTransit l'inserto culturale del GdP propone un omaggio al treno, mezzo protagonista di uno dei primissimi cortometraggi della storia. …

Cultura

Sguardi affascinati oltre la ringhiera...

In occasione dell'entrata in funzione di AlpTransit, l'inserto culturale del GdP propone un lungo omaggio al treno. Qui, le prospettive mutevoli della pittura.

Cultura

Un intellettuale innamorato del Ticino

Ricordo di Diego Valeri, scrittore, poeta e giornalista italiano spentosi 40 anni fa a Roma profondamente legato al nostro Cantone.

Cultura

Una figura poliedrica e scomoda

Un Convegno all’Accademia di Architettura, nel centenario della nascita di Virgilio Gilardoni, ha affrontato i diversi aspetti e interessi di un intellettuale …

Cultura

"Un settore dinamico e radicato nel territorio"

Due indagini statistiche evidenziano la ricca offerta culturale nostrana. Ne abbiamo con Marco Imperadore e Andrea Plata dell’Osservatorio Culturale del Ticino.

Cultura

Fondazione Balzan, Sadis al posto di Casanova

L'ex consigliera nazionale e di Stato ticinese nominata dal Consiglio federale rappresentante della Confederazione nei Consigli della Fondazione.

Cultura

Orio Galli e l'eclettismo onnivoro

Incontro con il noto grafico ticinese che sabato ha compiuto 75 anni, tra una immensa quantità di documenti e opere a testimonianza dei suoi cinquant’anni di …

Cultura

Premi Balzan, ecco i vincitori

Per la letteratura comparata ha vinto Piero Boitani, professore dell'Università di Roma "La Sapienza" e dell'USI. 

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

bellinzon-1.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

banner_pinacoteca_zuest_primavera_2016.png 

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg