Home > Cultura

La musica? "Solo un corollario"

07.02.2018 - aggiornato: 07.02.2018 - 14:55

SPECIALE SANREMO - A nessuno importano veramente le canzoni. Il Festival è più che altro un’occasione unica di diventare giudici improvvisati e di scatenarsi sui social.

© Foto dal web

La musica, si sa, è sempre un corollario. Perché a nessuno importano veramente le canzoni, a Sanremo. Capiamoci: a noi piace fare i nostalgici, siamo parte del popolo del web che rimpiange i tempi di Mina e Battisti ma poi di nascosto ascolta i The Kolors e piange sulle note di “Non smettere di cercarmi” di Noemi. Per noi il Festival è un’occasione ghiotta e unica di diventare giudici improvvisati, esperti di moda, di costume, di regia, di spettacolo. Di scatenarci sui social e di sperticarci in commenti con gli amici spiaggiati sul divano di casa.

E così la prima serata del Festival si è salvata: grazie ai tweet irriverenti, ironici e ficcanti di tutti noi. Chi salverà la musica?, si chiedevano i Pooh. Non di certo Sanremo, rispondiamo noi: perché di canzoni belle, spiace dirlo, se ne sono sentite poche. I soliti testi sull’amore negato o sofferto, la pace nel mondo, l’odio alla guerra e qualche raro tocco originale (come la leggenda di Cristobalda cantata in maniera un po’ incerta da Max Gazzè). Non è mancata nemmeno un’accusa di plagio che potrebbe costare a Fabrizio Moro e Ermal Meta una squalifica.

 

fabrizio_moro_e_ermal_meta.jpg

 

E allora, se la musica italiana del 2018 delude (e non certo per l’assenza sul palco di Laura Pausini, costretta a casa da una raucedine), il momento gossip più atteso dell’anno - specie l’anno in cui l’Italia non va ai Mondiali - non lo ha fatto. I ritocchini facciali di Baglioni, i ritocconi della Vanoni (“sgonfiate quei canotti!” ha urlato qualcuno dal pubblico), Fiorello che viola la par condicio chiedendo al pubblico dell’Ariston per chi voterà alle elezioni italiane del 4 marzo, il bacio della Hunziker al marito Tomaso Trussardi in diretta nazionale.

E poi l’ironia di Elio e le storie tese (il loro piano per combattere la noia del Festival? Togliere tutte le canzoni, lasciare solo gli ospiti e poi fare una gara per far vincere il miglior ospite). E ancora, il fascino di Pierfrancesco Favino, bello bello in modo assurdo ma se lo lasciasse dire: Pierfi, noi ti amiamo ma torna a fare l’attore. Nei film le battute sono meno studiate delle gag che ti hanno costretto a fare con Michelle.

 

hunzi.jpg

EPA/CLAUDIO ONORATI

 

 

Già, Michelle. Lei e i suoi 41 anni, lei e le sue scollature vertiginose che ricordano a noi ragazze di oggi che il tempo non passa uguale per tutti, che davvero ne grazia una per illuderne cento. E così l’unica certezza in questo mare di star improvvisate e vecchie glorie incartapecorite (scusate, la Vanoni proprio non ci è andata giù. Meglio Mina che canticchia nella pubblicità della TIM, a questo punto) rimangono Fiorello e le sue battute sul presidente turco Erdogan «che sta venendo a Sanremo perché ha saputo che ci sono 1300 giornalisti liberi», i suoi duetti con Baglioni, la sua prontezza nel risolvere il primo inghippo della serata: l’irruzione di un uomo sul palco.

Fiorello ci ha fatto sorridere, pensare. E dimenticare perfino che anche stasera ci toccherà ascoltare la sigla di questa edizione 2018. Saremo comunque davanti alla tv, con il telecomando in una mano e il cellulare nell’altra pronti a twittare. Perché Sanremo è Sanremo.​

(ma.simi)

Cultura

Un uomo solo al comando…anzi due

Il Festival dei record incorona Meta-Moro e premia le scelte del direttore artistico Claudio Baglioni.

Cultura

I duetti fanno rimpiangere le cover

Una maratona di canzoni nella penultima serata del Festival. Il clou della serata sono i duetti, ma pochi convincono. Quel che resta nella mente è solo lei, Gianna …

Cultura

Non c'è niente che sia per sempre tranne l'adolescenza

SPECIALE SANREMO - Quando Sanremo scopre il mondo indie grazie a cinque ragazzi con magliette divertenti e una "vecchia che balla" che ricorda la scimmia.

Cultura

Non c’è gara, the winner is… Claudio Baglioni

SPECIALE SANREMO - Terza serata dominata dall’onnipresente direttore artistico.

Cultura

Un Volo… disastroso

SPECIALE SANREMO - Ospiti della seconda serata, il giovanissimo gruppo ha intrattenuto il pubblico proponendo “Nessun dorma” di Puccini e un omaggio al grande …

Cultura

"Dirige l'orchestra, il maestro Vessicchio"

SPECIALE SANREMO - Grande assente della scorsa edizione del Festival, il maestro è tornato a dirigere l’orchestra sul palco dell’Ariston. Per lui... standing …

Cultura

A volte ritornano… a volte purtroppo no

SPECIALE SANREMO - Serata fiacca, la seconda del Festival, senza Fiorello. "Fortuna che ad animare un po' i social ci pensano Pippo Baudo e Beppe Vessicchio …

Cultura

Lucio Dalla, in ogni sfumatura

SPECIALE SANREMO - Nella canzone di Ron, "Almeno pensami", ritroviamo un po' di lui, i suoi temi, la sua passione. "Mi manca e forse lo cerco in tutto …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

La musica? "Solo un corollario"

SPECIALE SANREMO - A nessuno importano veramente le canzoni. Il Festival è più che altro un’occasione unica di diventare giudici improvvisati e di …

Cultura

Fiorello una spanna sopra tutti

SPECIALE SANREMO - È lui il mattatore della prima serata del festival firmato Claudio Baglioni, e che dà il via alla gara. "E qui iniziano le noti …

Cultura

Di abiti, lustrini e mariti…

SPECIALE SANREMO - Se tuo marito è un Trussardi, scivolare sugli abiti di Sanremo è vietato. E Michelle Hunziker, con il suo Tomaso che la guardava, non ha …

Cultura

Roy, il problema non sta nella canzone

SPECIALE SANREMO - "Il problema sta nel fatto che mi è tornata quella strana voglia". Una voglia scoppiata nel 2005, quando Roy Paci fu ospite di Festate …

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg