Home > Cultura

Lungo le vie di Todorov, l’ultimo umanista

11.02.2017 - aggiornato: 11.02.2017 - 14:25

A pochi giorni dalla scomparsa, ricordiamo il grande studioso di semiologia e linguistica di origine bulgara.

© Foto dal Web

di Moreno Bernasconi

«Quando si analizzano i comportamenti umani occorre basarsi su osservazioni precise e ragionamenti rigorosi. Ma ciò non basta. Poi giova sottoporre il sapere a un lavoro di interpretazione che gli dà significato. A questo scopo lo studioso di scienze umane si serve di un apparato mentale che è il risultato della sua storia personale. In questo campo, l’identità dello studioso gioca un ruolo molto più decisivo di quanto accade per le scienze naturali». Questa affermazione di Tzvetan Todorov, scomparso alcuni giorni fa, illustra bene il percorso che ha portato questo grande critico letterario - fra i maggiori studiosi della linguistica strutturale insieme a Gérard Genette e il Gruppo “Tel Quel”, Jakobson e Roland Barthes - a emanciparsi via via dallo strutturalismo e dallo scientismo di cui esso era impregnato per diventare un grande umanista, studioso dei drammi e delle sfide degli uomini e delle donne del secolo scorso e di quello attuale. Formatosi in Bulgaria a colpi di materialismo dialettico e sotto la censura stalinista che negava la possibilità di studiare i versi del resistente Mandelstam o i drammi umanissimi dei personaggi di Dostojevski, Todorov si rifugia nell’analisi formalista dei testi.

Dopo la fuga dalla Bulgaria nel 1963, scopre che nell’Europa libera i leader dell’intelligentsia francese (a cominciare da Sartre) chiudono gli occhi di fronte all’invasione sovietica dell’Ungheria, flirtano col comunismo liberticida mentre accolgono a braccia aperte i suoi studi sul formalismo che ben si conciliano con lo strutturalismo di Claude Levi-Strauss. Uomo ponderato e riflessivo, dal 1963 al 1973 il Todorov prima maniera dà il meglio di sé alla Sorbona e al Centro nazionale per la ricerca scientifica con i suoi studi sulla semiologia e la linguistica.

Dal 1973 (data della sua cittadinanza francese e della nascita del suo primo figlio) e con la pubblicazione, nel 1977, delle Teorie del simbolo Todorov si allontana dallo strutturalismo, mero metalinguaggio sul funzionamento dell’opera che finisce per appannarne il contenuto: «Se a mia figlia avessero insegnato solo a distinguere le metafore dalle metonimie, avrebbe finito per odiare la poesia». 

Senza negare l’importanza della fase formalista, Todorov comincia a sviluppare uno spirito controcorrente che fra l’altro lo porterà a considerare il Maggio ’68 una «battaglia di retroguardia» e a giudicare severamente sia l’infatuazione marxista-leninista sia il nichilismo di buona parte dell’intelligentsia francese dell’epoca. È significativo il fatto che il suo rapporto col grande semiologo Roland Barthes si farà più stretto e regolare solo dopo la pubblicazione da parte di quest’ultimo delle toccanti riflessioni all’indomani della morte della madre, che spinsero Barthes a rivalutare la categoria fondamentale della memoria e a prendere le distanze dall’impostazione della rivista di Sartre e Simone de Beauvoir “Temps modernes” (cui Camus non volle aderire - “et pour cause!” -). Nel suo sguardo sul secolo ventesimo, Todorov sta con Hannah Arendt e con Camus e non con Sartre. Una scelta di campo dovuta a una visione umanistica, non nichilista, della cultura e dell’arte, e anche al giudizio sui totalitarismi. 

Negli Anni Ottanta, Todorov scopre l’importanza dell’alterità, che già segnava il pensiero di Emmanuel Lévinas. Ci arriva a partire dalla consapevolezza del suo vissuto di immigrato, diverso linguisticamente e culturalmente, e dall’esperienza di viaggio sfociata nel libro La scoperta dell’America (1982). In Noi e gli altri del 1989, sviluppa un’antropologia filosofica critica rispetto alle tesi di Levi-Strauss e che contesta sia il relativismo culturale, sia il culturalismo nazionalista oggi dominanti, ai quali Todorov contrappone la nozione di meticciato culturale. 

I suoi studi sul Novecento sono di grande attualità. Nel suo libro Memoria del male, tentazione del bene (2000), Todorov - sulle orme di Vita e Destino di Grossmann - rifugge con sottigliezza intellettuale dai manicheismi che tendono a sacralizzare la Shoa e a sminuire i crimini del comunismo ma anche a colpevolizzare un popolo intero, quello tedesco, per i crimini nazionalsocialisti. Con Germaine Tillon - scampata al Lager di Ravensbrück (dove era rinchiusa anche Margarete Buber-Neumann) e poi testimone dei misfatti della guerra d’Algeria -, Tzvetan Todorov è convinto che di fronte ai crimini della storia ci sia un dovere di verità ma anche di giustizia e uno spazio per la compassione fra esseri umani che neppure i lager riuscirono ad annichilire. E per giustizia non intende le condanne sommarie dei tribunali istituiti dai vincitori, ma una giustizia che renda ragione anche della resistenza dei molti che si opposero e, talvolta, anche del ravvedimento dei carnefici. «Il ventesimo secolo - afferma Todorov - ha visto lo scontro terribile fra democrazia e totalitarismi, fra nazionalsocialismo e comunismo. Mi piacerebbe che ci si ricordi anche degli individui che hanno saputo restare umani in mezzo alla bufera». Memore dei milioni di morti in nome del nazionalsocialismo e del comunismo, Todorov è convinto che la sfida del Ventunesimo secolo risieda nella capacità di evitare tre derive. La prima (di cui si parla molto) è quella nazionalistico-identitaria.

La seconda è la deriva strumentale: ovvero la convinzione che la crisi attuale possa essere risolta o con strumenti tecnici o semplicemente dal mercato. La terza (di cui si parla poco) è la tentazione moralizzatrice e politicamente corretta. «Il progetto moralizzatore di voler cancellare dalla faccia della terra l’ingiustizia - afferma Todorov - o anche soltanto le violazioni dei diritti dell’uomo tramite un nuovo ordine mondiale da cui sarebbero bandite guerre e violenze raggiunge purtroppo quello delle utopie totalitarie nel loro tentativo di rendere l’umanità migliore e stabilire il paradiso sulla terra. Né lo Stato democratico né l’ordine mondiale hanno la vocazione di incarnare il bene: è meglio che l’aspirazione alla santità resti una questione privata... La fonte di tali derive sta nella pretesa di sostituire l’uomo con un progetto.  «La realizzazione di ogni individuo non è il risultato né di una buona politica né di una buona morale - afferma Todorov - ma di una vita ricca in amore e in spiritualità, sia che questa prenda la forma di una fede, dell’arte o del pensiero. È grazie a ciò che gli esseri umani sperimentano che la loro vita ha un senso. Di queste condizioni per la realizzazione personale c’è bisogno; non solo nei regimi autoritari ma anche in democrazia».

Cultura

Il primo colpo al cuore e due anniversari

DIARIO DA CANNES - Cold War del polacco Pawlikowski conquista i critici della Croisette, mentre il 1968 viene ricordato da Godard e DA 2001: Odissea …

Cultura

Se gli USA latitano, i russi si fanno sentire

DIARIO DA CANNES - Serebrennikov e Loznitsa raccontano due facce dell’ex Unione Sovietica, mentre le sezioni collaterali riservano interessanti scoperte.

Cultura

Incontro con il giornalista Mura

Giovedì 19 aprile, alle 20.30, presso la Sala Aragonite di Manno, si parlerà di racconti, cucina, sport e canzoni, ossia... "i 4 lati di Mura".

Cultura

Intorno al ritmo

Luca Cerchiari ci presenta la terza edizione di "The Cambridge Companion to the Musical” di Everett e Laird, volume sulla commedia musicale americana.

Cultura

Riflettori puntati sui mitici Anni '90

Per due mesi Bellinzona ospiterà il festival culturale e musicale "Strange Days", che propone eventi di diverso tipo per capire come sia cambiato il mondo …

Cultura

Topolino festeggia 90 anni

A partire dalla prossima settimana Disney celebrerà per tutto il 2018 uno dei personaggi più amati da intere generazioni di bambini e adulti.

Cultura

La vita in quella che fu l'URSS

SPECIALE SABATO - Un bel libro ci racconta quel mondo scomparso, attraverso 400 oggetti, altrettante fotografie, 700 citazioni letterarie. Un'immersione oltre i clich …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Cultura

Un musical avvincente e convincente

Il commento sullo spettacolo teatrale di Yor Milano, "La vera storia di Nicolao della Flüe", andato in scena domenica sera al Palazzo dei Congressi di …

Cultura

La Svizzera italiana di Nessi

SPECIALE SABATO - Quindici passeggiate con uno sguardo particolare. Senza dimenticare i monumenti artistici, lo scrittore si sofferma su aspetti minori della quotidianit …

Cultura

Una figura di donna moderna e impegnata

Carolina Maraini-Sommaruga (Lugano 1869-Savosa 1959) è protagonista alla Pinacoteca Züst di Rancate. Conosciamola meglio. 

Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg