Home > Cultura > Mostre

100 anni, scultura a Milano 1815 – 1915

27.11.2017 - aggiornato: 27.11.2017 - 12:29

L'esposizione offre fino al 3 dicembre un percorso tra le sculture lombarde dell'Ottocento, un secolo difficile per trasformazioni storiche, sociali ed economiche.

© Foto Twitter

Esito di approfondite ricerche e di impegnativi restauri, con il contributo di UBS, l’esposizione alla GAM di Milano, offre fino al 3 dicembre un saggio esaustivo di scultura lombarda dell’Ottocento, con un centinaio di opere, nelle sei sezioni delle sale dedicate e nel percorso del museo. E le sculture, ignorate dai critici della scuola crociana, poco sensibili alla contestualizzazione delle opere, sembrano animarsi come vere presenze, grazie agli studi ventennali che le commentano nel catalogo, edito da Officina Libraria. Portatrici di un messaggio estetico ed educativo, pur tra linguaggi diversi, si presentano secondo un’immagine coordinata, con il duplice obiettivo di valorizzazione e tutela (Paola Zatti), nel percorso lungo un secolo difficile per trasformazioni storiche, sociali, economiche: dall’eredità neoclassica fino alle tensioni sociali e inquietudini interiori, all’alba del Novecento, attraverso romanticismo, “monumentomania”, dissoluzione della forma, il vero e il simbolo.

I grandi modelli del neoclassicismo vengono investiti di una nuova tensione morale nell’interpretazione di Pompeo Marchesi, figura centrale per la formazione del Museo - Maddalena, (post 1826-ante 1831), Venere,1855 -, di Innocenzo Fraccaroli, Achille ferito, 1842, e di Angelo Biella, Angelo sterminatore dei primogeniti egiziani,1857. Il valore della Scuola di scultura lombarda si afferma in Francia nelle esposizioni internazionali a partire da quella del 1855 e in quelle successive, seconda solo alla scuola francese.

Sull’eredità canoviana si inserisce una sensibilità romantica: sull’esempio di Francesco Hayez, si celebrano i temi letterari, il melodramma, l’esaltazione dell’eroe, nel perseguire l’ideale patriottico della “nazione”, da una parte, il racconto dettagliato, puro o ammiccante, dall’altra – Antonio Tantardini, Faust e Margherita (Il Bacio),1861 -. 

L’affermarsi della borghesia e il cammino verso l’unificazione, mentre da un lato giocano a favore dell’attualizzazione dei contenuti, dall’altro contribuiscono ad apprezzare maggiormente “quell’amore estremo della verità” che il critico Carlo Tenca identifica ne La preghiera del mattino,  l’opera chiave dello straordinario debutto di Vincenzo Vela, ideata tra la fine del 1845 e l’inizio del 1846. Capofila della scultura di genere per l’attitudine comunicativa, per l’abilità nell’intendere il marmo quasi fosse malleabile, Giovanni Strazza, e Pietro Magni  - Socrate, gesso,1853, e La leggitrice, marmo,1864 -.

Quanto ai “pezzi” da salotto ricercati dalla borghesia  si affermano i generi del ritratto – Vincenzo Vela, Busto dell’avvocato Antonio Mosca,1884, e del monumento intesi sia come celebrazione individuale che spinta all’emulazione collettiva - Giuseppe Grandi, Il dolore per i caduti e L’incitamento alle barricate,1883-1887: qui il dramma storico dalla rappresentazione romantico naturalista si trasferisce ai protagonisti, la donna piangente e “la popolana che incita alla riscossa”, vere figure attrici dell’evento, grazie alla forza interiore che dilaga nello sfaldamento della forma.

Frantumazione della luce ed espansione dello spazio, finalizzati all’espressione di una “vita vera”, delle classi popolari e delle classi alte, caratterizzano infine l’ultimo ventennio dell’Ottocento e l’aprirsi del Novecento, con l’opera di Medardo Rosso e Paolo Troubetzkoy; mentre al realismo sociale si ispirano Enrico Butti, Minatore,1888/1897, piegato dalla fatica; e Riccardo Ripamonti, Caino,1900, figura potente, sconvolta dalla colpa.

(Claudia Mandelli)

Mostre

Un percorso da sfogliare

Negli spazi dell’ex Macello di Lugano si snocciolano le opere di Dario Bianchi. L’itinerario fa tappa presso alcuni personaggi noti …

Mostre - Lugano

Sui binari del tempo viaggiano arte e società

In corso alla Biblioteca cantonale di Lugano una mostra sulle vedute e le stampe storiche di manufatti umani e paesaggi della Collezione di Giorgio Ghiringhelli.

Mostre

Frammenti di antichità a Rancate

Capolavori italici, etruschi e greci esposti a Rancate, nell’ambito della mostra che rende omaggio alla versatile attività di collezionista di Giovanni Z …

Mostre - Ascona

Morandi inaugura il San Materno

Trenta opere dell’artista italiano dei primi del ‘900 negli spazi del Castello riqualificati recentemente con i fondi della Fondazione di Kurt e Barbara Alten.

Mostre

Il gusto vario e raffinato di Giovanni Züst

Per la prima volta una mostra riunisce le collezioni d'arte che Giovanni Züst donò a enti pubblici svizzeri. Il GdP è mediapartner di questa bella …

Mostre - Lugano e Carona

Petrini: una scoperta e dieci dipinti inediti

Due esposizioni alla Galleria Canesso di Lugano e alla Loggia di Carona. A 25 anni dall’indimenticabile mostra dedicata al pittore, importanti novità arrivano …

Mostre - Lugano

Profumi, odori e puzze... in mostra

La curiosa esposizione “Ficcanaso in città” apre i battenti a Villa Saroli questo sabato.

 

 

Mostre - LAC

Gli artisti si affrontano “Sulla croce”

Undici autori, soprattutto della modernità, e sedici opere, lungo un percorso tematico. Lo stesso motivo declinato in stili, culture, generi espressivi diversi. …

Mostre - Ascona

Dadaismo, cento di questi anni

Il Comune di Ascona onora il centenario della corrente artistica con una mostra al Museo d’arte moderna.

Mostre - Premio Migros Ticino

Riconoscimento per Karim Forlin

L’artista si aggiudica il premio di "incoraggiamento alla creazione artistica 2016”. La giuria ha inoltre deciso di attribuire una menzione d’onore …

Mostre

La Croce in mostra allo Spazio -1

La Collezione Gioancarlo e Danna Olgiati persenta un allestimento dedicato alla Croce. In mostra opere di Giovanni Orelli, Roberto Ciaccio, e altri.

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Leggo quando e quel che mi pare

L'undicesima puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Uno sguardo trasognato

La decima puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Mostre - Zurigo

Affluenza record per il Museo nazionale

Le varie esposizioni sono state visitate da oltre 230'000 persone. L'edificio sulle rive della Limmat sarà rinnovato sarà inaugurato il prossimo …

Mostre - Lugano

La pittura fatale di Sander in mostra

Le opere dell'artista di origine austriaca resteranno esposte alla galleria d’arte “il Tarlo” di Viganello fino al 15 gennaio 2016.

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Due sguardi su una lettrice

La nona puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg