Home > Cultura > Mostre

"Commenti entusiastici e a volte commoventi"

25.01.2018 - aggiornato: 25.01.2018 - 11:14

Domenica alla pinacoteca Züst di Rancate si chiude la mostra "Divina creatura"; ne tracciamo un bilancio con la collaboratrice scientifica Alessandra Brambilla.

Domenica alla pinacoteca Züst di Rancate si chiude la mostra “Divina creatura”, ne tracciamo un bilancio con la collaboratrice scientifica Alessandra Brambilla.

Immagino che abbia attirato un pubblico composito, non solo quello che di solito frequenta le vostre esposizioni...

Abbiamo un pubblico fedele, che ci segue ormai da tanti anni, ma ogni esposizione rappresenta l’occasione per farci conoscere maggiormente. La mostra ha attirato appassionati di tessuti e di abiti, oltre che di pittura, ma anche molti ticinesi che hanno avuto l’opportunità di scoprire la figura della contessa luganese Carolina Maraini-Sommaruga: una donna bellissima, intelligente e raffinata, che ha saputo mettersi al servizio dei più deboli con devozione e spirito imprenditoriale. Siamo inoltre particolarmente orgogliosi del progetto “Arte senza frontiere”, rivolto ai minori richiedenti l’asilo del centro di accoglienza di Stabio. Il tema della mostra si prestava molto bene ad un discorso sul ruolo della donna nella nostra società. Il confronto degli usi e costumi è stato inoltre la base sulla quale instaurare un dialogo costruttivo e arricchente che speriamo possa aver contribuito a una migliore accoglienza e integrazione di questi ragazzi.

In mostra ci sono quadri ma anche oggetti, quali quelli che il pubblico ha trovato più interessanti?

La sezione sui ventagli d’autore ha affascinato tutti. Erano decorati dai più grandi artisti e diventavano ricercati oggetti da collezionare, già all’epoca. Essi erano inoltre strumenti per la comunicazione amorosa tra uomini e donne: maneggiati secondo un codice condiviso diventavano un elegante mezzo utile a salvare le apparenze che consentiva alle signore di esprimere i propri sentimenti senza esporsi troppo!

Intense sono state anche le vostre attività collaterali, dalle conferenze agli spettacoli, ai corsi...: più di altre volte? Me ne può segnalare alcune tra le più frequentate?

Abbiamo cercato di ampliare l’offerta culturale a corredo della mostra, facendo dell’esposizione un’occasione per approfondire i temi toccati, davvero vari. Con la SPAI e con le scuole medie di Mendrisio abbiamo realizzato un progetto che prevedeva delle “letture sceniche”: un gruppo di attrici interpretava dei brani che permettevano ai ragazzi di vivere in modo maggiormente coinvolgente la visita, lasciandosi trasportare nel mondo delle donne dell’Ottocento. E’ stata un’iniziativa molto apprezzata dai docenti, che hanno colto l’occasione per un approccio diverso a molti argomenti trattati in classe.

Abbiamo inoltre messo in scena il monologo MOI, dedicato alla scultrice francese Camille Claudel (1864-1943), allieva e amante di Auguste Rodin.  Quando ci è stato proposto questo spettacolo a corredo della mostra “Divina creatura”, abbiamo subito pensato che Camille si sarebbe in qualche modo trovata a casa in questo contesto. E’ stata infatti una grande artista, che tuttavia ha trascorso gli ultimi 30 anni della sua vita rinchiusa in un manicomio. Non era facile per una donna nell’Ottocento uscire dagli schemi e vedere riconosciuta la propria personalità, talvolta scomoda. La serata ha registrato il tutto esaurito e spettatori sono giunti persino dal Piemonte e dalla Liguria!

Soddisfatta? Un bilancio positivo? 

La mostra ha riscosso parecchio successo, ma d’altra parte non ha fatto che confermare quanto già registrato negli ultimi anni, con un trend stabile per quanto riguarda ingressi e vendite di materiale.

Quello che non rientra nelle statistiche, perché difficilmente misurabile, è il grado di soddisfazione riportato dai visitatori. Per noi è importante che oltre ad entrare nel nostro museo, il pubblico ne esca piacevolmente arricchito: è quanto si legge sul nostro libro delle firme, che raccoglie commenti davvero entusiastici e qualche volta commuoventi. E questo è per noi l’aspetto più importante.

(Man. C.)

Mostre

Un percorso da sfogliare

Negli spazi dell’ex Macello di Lugano si snocciolano le opere di Dario Bianchi. L’itinerario fa tappa presso alcuni personaggi noti …

Mostre - Lugano

Sui binari del tempo viaggiano arte e società

In corso alla Biblioteca cantonale di Lugano una mostra sulle vedute e le stampe storiche di manufatti umani e paesaggi della Collezione di Giorgio Ghiringhelli.

Mostre

Frammenti di antichità a Rancate

Capolavori italici, etruschi e greci esposti a Rancate, nell’ambito della mostra che rende omaggio alla versatile attività di collezionista di Giovanni Z …

Mostre - Ascona

Morandi inaugura il San Materno

Trenta opere dell’artista italiano dei primi del ‘900 negli spazi del Castello riqualificati recentemente con i fondi della Fondazione di Kurt e Barbara Alten.

Mostre

Il gusto vario e raffinato di Giovanni Züst

Per la prima volta una mostra riunisce le collezioni d'arte che Giovanni Züst donò a enti pubblici svizzeri. Il GdP è mediapartner di questa bella …

Mostre - Lugano e Carona

Petrini: una scoperta e dieci dipinti inediti

Due esposizioni alla Galleria Canesso di Lugano e alla Loggia di Carona. A 25 anni dall’indimenticabile mostra dedicata al pittore, importanti novità arrivano …

Mostre - Lugano

Profumi, odori e puzze... in mostra

La curiosa esposizione “Ficcanaso in città” apre i battenti a Villa Saroli questo sabato.

 

 

Mostre - LAC

Gli artisti si affrontano “Sulla croce”

Undici autori, soprattutto della modernità, e sedici opere, lungo un percorso tematico. Lo stesso motivo declinato in stili, culture, generi espressivi diversi. …

Mostre - Ascona

Dadaismo, cento di questi anni

Il Comune di Ascona onora il centenario della corrente artistica con una mostra al Museo d’arte moderna.

Mostre - Premio Migros Ticino

Riconoscimento per Karim Forlin

L’artista si aggiudica il premio di "incoraggiamento alla creazione artistica 2016”. La giuria ha inoltre deciso di attribuire una menzione d’onore …

Mostre

La Croce in mostra allo Spazio -1

La Collezione Gioancarlo e Danna Olgiati persenta un allestimento dedicato alla Croce. In mostra opere di Giovanni Orelli, Roberto Ciaccio, e altri.

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Leggo quando e quel che mi pare

L'undicesima puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Uno sguardo trasognato

La decima puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Mostre - Zurigo

Affluenza record per il Museo nazionale

Le varie esposizioni sono state visitate da oltre 230'000 persone. L'edificio sulle rive della Limmat sarà rinnovato sarà inaugurato il prossimo …

Mostre - Lugano

La pittura fatale di Sander in mostra

Le opere dell'artista di origine austriaca resteranno esposte alla galleria d’arte “il Tarlo” di Viganello fino al 15 gennaio 2016.

Mostre - Dossier Pinacoteca Züst

Due sguardi su una lettrice

La nona puntata della rubrica di Michele Fazioli sulla mostra "Leggere, leggere, leggere!".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg