Home > Cultura > Musica

La musicologia dopo l'ideologia

15.10.2016 - aggiornato: 15.10.2016 - 14:10

Negli anni '70-'80 il dibattito sui criteri di selezione per i festival era vivace. In seguito, i direttori artistici sono cresciuti in numero e preparazione e la qualità è aumentata.

(foto archivio)

di Luca Cerchiari

Ricordo le discussioni anni Settanta-Ottanta relative all’organizzazione di rassegne, festival e stagioni di musica afro-americana. Nel pieno del boom di festival di massa, ora attrattivi ora confusi, il dibattito sui criteri era vivace. Una delle linee più serie fu suggerita da Luigi Pestalozza, responsabile musicale del partito comunista italiano, che proponeva, similmente alla gestione di enti concertistici e lirici, la necessità della nomina di un direttore artistico. La cosa fu attuata, nell’area politico-culturale cui Pestalozza faceva riferimento, con la scelta di un responsabile di settore, Filippo Bianchi, mentre altrove la confusione tra interessi impresariali e scelte artistiche latitava, il che non necessariamente corrispondeva a quella qualità che solo un’ottima preparazione del direttore artistico poteva garantire. Bianchi però finì, pur nella competenza organizzativa, a interpretare l’ideologia, coinvolgendo quasi solo musicisti afferenti alla visione politico-progressiva del tempo, che escludeva qualsiasi stile non contemporaneo, o quasi.

Al tramonto dell’ideologia ha corrisposto la crescita della musicologia. I direttori artistici sono cresciuti in numero e preparazione; il passato è stato riconsiderato e la qualità tecnico-organizzativa è cresciuta. Lo testimoniano, alla lontana, due stagioni imminenti.

La prima è quella del Cat Club asconese. Il lavoro di Nicolas Gilliet, musicista e appassionato, ne fa una chicca della programmazione europea, grazie anche all’efficace supporto di Luca Martinelli nella comunicazione. Insensibile a mode e condizionamenti, Gilliet spazia attraverso gli stili, con la consapevolezza dei valori anche classici del jazz e degli stili connessi. “Intorno al jazz”, così si potrebbe definire la rassegna del Cat Club, che inizia lunedì 17 alle 20.30 con Vanessa Rubin, cantante nella scia di Carmen McRae, che privilegia un repertorio di song e di brani del jazz classico e moderno; con lei, Danny Grisset al pianoforte, Darryl Hall al contrabbasso e Mario Gonzi alla batteria. Poi, il Teatro del Gatto propone il chitarrista John Pizzarelli il 7 novembre e uno storico gruppo “crossover”, il brasiliano Azymuth, il 14 novembre. Stagione attraente, mancano solo incontri culturali di complemento ai concerti e programmi di sala.

Al Teatro Manzoni di Milano l’esperto Gianni Gualberto, da poco critico del periodico Classic Jazz, presenta l’ennesima stagione di musiche comprese tra il jazz, l’avanguardia e le incursioni nella musica ebraica. La rassegna inizia domenica 30 ottobre con un ensemble dedito alla musica di Miles Davis, il San Francisco Jazz Collective di David Sanchez e Kevin Eubanks, prosegue il 13 novembre con l’orchestra di Abi Lebovich, presenta Frederic Rzewski a dicembre e si impenna nel 2017, anno del centenario del jazz, con Joe Daley, Leo Smith-Vijay Iyer e Roscoe Mitchell. Aperitivo in concerto privilegia “produzioni originali”, come suggeriva un tempo Luigi Pestalozza. Non è poco: significa - anche se talora costa - sottrarsi ai condizionamenti dei tour preconfezionati e del mercato.

 

Musica

Addio a Elio e le Storie Tese

Dopo 37 anni di successi, il gruppo ha deciso di sciogliersi. Concerto d'addio il 19 dicembre al Forum di Assago: "Vogliamo lasciare un bel ricordo, di persone ancora …

Musica

A Mendrisio musica per tutti i gusti

Sabato 24 giugno 35 gruppi musicali si alterneranno fino a notte fonda sui palchi allestiti nel nucleo del Borgo. Poi la festa continuerà fino all’alba, ma a …

Musica

Disco d'oro per i Sinplus

Il giovane duo Locarnese lo ha conquistato con "Tienimi forte". È la prima band svizzera ad avere ottenuto tale riconoscimento con una canzone in italiano.

Musica

Tramonto nero per il Rock

Anno triste il 2016 con la morte di grandi star che hanno fatto la storia del rock. Su 25 artisti con incassi da record, 19 hanno più di 50 anni. I giovani colmeranno il …

Musica

Addio a Chuck Berry, uno dei re del rock

Fu uno dei musicisti che diedero nuovo impulso alla musica, creando il Rock 'N' Roll. Aveva 90 anni.

Musica

MusicNet conferma il suo successo

Si è conclusa domenica l’ottava edizione, che si è presentata in una veste totalmente rinnovata con un’offerta ricca di eventi che si sono svolti nell …

Musica

JazzAscona, alcuni nomi della 33ma edizione

Sul palco del festival saliranno Opé Smith, Soul Brass Band, The New Orleans Jazz Vipers, Glen David Andrews & Twogether, The New Orleans Swamp Donkeys e molti altri …

Musica

"Awakening", il nuovo disco di Sebalter

Il cantante, compositore, violinista e chitarrista ticinese ritorna sulle scene musicali con il suo secondo album, in uscita venerdì, con 10 nuove canzoni pop e …

Musica

Anche i Gotthard a Moon&Stars

La rock band svizzera salirà sul palco nell'ultima data della manifestazione, che avrà luogo dal 14 al 22 luglio a Locarno.

Musica

Una stagione a ritmo... afro-americano

Tra il Ticino e la vicina Milano sono molti gli appuntamenti. Privilegiata la contemporaneità, ma senza dimenticare i valori degli stili meno vicini del tempo …

Musica

"Silver", il nuovo album dei Gotthard

La rock band svizzera celebra i 25 anni di attività con l'uscita del nuovo disco, prevista il 13 di gennaio, e nuovi concerti in Europa e in Svizzera.

Musica

La musicologia dopo l'ideologia

Negli anni '70-'80 il dibattito sui criteri di selezione per i festival era vivace. In seguito, i direttori artistici sono cresciuti in numero e preparazione  …

Musica - Premio

Grand Prix svizzero a Sophie Hunger

Assegnato giovedì sera a Losanna dal ministro della cultura Alain Berset il prestigioso riconoscimento nelle mani della cantante bernese

Musica - Ceresio Estate

Sorprese in casa Galilei

Mercoledì al Centro scolastico di Montagnola si esibirà l’Accademia Arcadia. Un modo per indagare il rapporto fra il celebre scienziato e il mondo …

Musica - Intervista

«Dico grazie a Barenboim»

Cecilia Bartoli commenta l’ultima esperienza luganese dopo due serate trionfali nell’ambito del Progetto Martha Argerich.

Musica - Stabio

In 10'000 a Progetto Amore

L'evento ha potuto godere nel pomeriggio dell'arrivo del sole. Oltre ai concerti, le acrobazie freestyle dei campioni di motocross e la …

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg