Home > Cultura

Quando i colori vincono sul dolore

18.06.2017 - aggiornato: 19.06.2017 - 14:02

IL PERSONAGGIO - La giovane artista berlinese di origini ebraiche Charlotte Salomon espone la sua opera fino al 25 giugno a Palazzo Reale di Milano.

di Francesca Monti

 

Catturare i momenti salienti della propria esistenza, trasmetterne i colori, gli odori e i suoni, dare senso al flusso continuo della vita: è questa, in sintesi, la sfida che la giovane berlinese di origini ebraiche Charlotte Salomon lanciò a se stessa nel 1940, quando decise di realizzare Vita? o Teatro?.

Profuga a Villefranche-sur-Mer, vicino a Nizza, dove risiedevano i nonni materni, la ragazza si trovò a fare i conti con un duplice trauma. Quello personale, relativo alla scoperta  della morte per suicidio della madre, e al successivo suicidio della nonna. E quello storico, lo scoppio della guerra e, prima ancora, l’avanzare del nazismo con il suo portato di odio e violenza.

Nei due anni che seguirono, Charlotte lavorò giorno e notte alla sua opera, producendo ben 1'325 fra tempere, annotazioni musicali, varianti pittoriche e altre prove, e scegliendo 800 immagini che sarebbero andate a comporre il suo poema visivo.

 

salomon1.jpg

(una delle opere)

 

Vita? o Teatro? si snoda come una narrazione autobiografica che racconta le vicende di una famiglia tra le due guerre mondiali. Ma il percorso di scene tratte dalla vita quotidiana di Charlotte, dalla nascita fino alla giovinezza, è anche un cammino di rielaborazione dei drammi personali che ne hanno segnato l’esistenza, a partire dai numerosi suicidi che hanno caratterizzato la storia della sua famiglia. In questo senso, l’arte venne intesa da Charlotte come uno strumento di libertà, di guarigione, di affermazione della propria identità.

L’opera - in mostra a Palazzo Reale fino al 25 giugno - venne concepita in origine come progetto per una Singspiel, ovvero il genere operistico che alternava parti recitate e cantate, molto in voga tra Settecento e Ottocento in area tedesco-ungarica. Aggiungendo la pittura, tuttavia, Charlotte si avvicinò all’idea di opera d’arte totale tipica del Romanticismo tedesco.

 

charlotte.jpg

(l'artista in uno scatto fotografico dell'epoca)

 

Utilizzando solo i colori primari – rosso, giallo e blu – la giovane pittrice volle anche confrontarsi con l’arte del suo tempo, dall’espressionismo tedesco a Marc Chagall. Charlotte dipinse con foga le scene del racconto, scrivendo i testi talvolta sulle immagini e altre volte su calchi da sovrapporre alle illustrazioni. Alternando costantemente le tonalità e le emozioni, passando da tragedia a commedia, e da speranza a terrore, l’autrice arrivò a quella che avrebbe definito «un’operetta in tre colori». E che, vista con l’occhio del visitatore di oggi, appare come un romanzio a fumetti, o graphic novel, ante litteram.

Perché in quest’opera d’arte modernissima, che inventa una modalità narrativa inedita per l’epoca, fatta di immagini, parole e musica, non trovano spazio solo la tragedia familiare, i suicidi, il nazismo e l’esilio, ma anche la spensieratezza dell’infanzia, la passione per l’arte, l’innamoramento, e la bellezza del mondo.

Continua a leggere nell'inserto di Cultura

 

Cultura

Ticino Musica, spazio ai giovani talentuosi

La 21esima edizione del festival dedicato all'incontro tra musicisti di tutto il mondo si terrà dal 16 al 29 luglio in 16 località diverse del Cantone.

Cultura

Quando i colori vincono sul dolore

IL PERSONAGGIO - La giovane artista berlinese di origini ebraiche Charlotte Salomon espone la sua opera fino al 25 giugno a Palazzo Reale di Milano.

Cultura

In libreria un inedito di Tolkien

Gioiranno i fan del professore di Oxford: dopo 100 anni verrà pubblicato "Beren e Lúthien", scoperto dal figlio Christopher Tolkien nel 1918.

Cultura

Nuove scoperte nelle grotte di Qumran

SPECIALE SABATO -  Proponiamo dal nostro inserto un'intervista sulle novità emerse durante la campagna di scavo realizzato dalla Facoltà di Teologia …

Cultura

Il sorriso della Gioconda? Felice

Dopo secoli, uno studio mette luce sull'alone di mistero attorno al famoso ed enigmatico sorriso della Monna Lisa.

Cultura

L’architetto degli zar, lo zar degli architetti

Giacomo Quarenghi alla Pinacoteca Züst di Rancate. Dal valore di questo artista cosmopolita emerge una delle stagioni più fulgide dell’ …

Cultura

Nel giardino creativo di Gaudì

Domani al Palacongressi un’opera multimediale dedicata all’architetto spagnolo, il cui testo è stato firmato da Gilberto Isella.

Cultura

Lungo le vie di Todorov, l’ultimo umanista

A pochi giorni dalla scomparsa, ricordiamo il grande studioso di semiologia e linguistica di origine bulgara.

Cultura

Da Tuttwil a Milano: la storia di Hoepli

All'USI un incontro-dibattito per raccontare la storia della famiglia svizzera che, partendo da una libreria a Milano, fondò la nota casa editrice. 

Cultura

Il latino? Un atto d’amore per la libertà

Nicola Gardini, docente di Letteratura italiana ad Oxford, ha scritto un racconto appassionato in cui a far da protagonista è la bellezza senza tempo della lingua latina …

Cultura

La vita del calciatore in scena a Bellinzona

Al teatro Sociale debutterà martedì 17, con repliche dal 19 al 22 gennaio, “Kubi”. Qui proponiamo interviste al giocatore, ad uno dei due registi e ad …

Cultura

Un tesoro di erudizione e passione

Antologia di brani selezionati dai lavori di Giovanni Orelli. Da “L’anno della valanga” alle delicate quartine per il nipote Francesco alle soglie del nuovo …

Cultura

Dalla locomotiva dei Lumière

In occasione dell'apertura di AlpTransit l'inserto culturale del GdP propone un omaggio al treno, mezzo protagonista di uno dei primissimi cortometraggi della storia. …

Cultura

Sguardi affascinati oltre la ringhiera...

In occasione dell'entrata in funzione di AlpTransit, l'inserto culturale del GdP propone un lungo omaggio al treno. Qui, le prospettive mutevoli della pittura.

Cultura

Un intellettuale innamorato del Ticino

Ricordo di Diego Valeri, scrittore, poeta e giornalista italiano spentosi 40 anni fa a Roma profondamente legato al nostro Cantone.

Cultura

Una figura poliedrica e scomoda

Un Convegno all’Accademia di Architettura, nel centenario della nascita di Virgilio Gilardoni, ha affrontato i diversi aspetti e interessi di un intellettuale …