Home > Cultura > TV

Una serie sullo sport nella cornice di Lugano

06.02.2016 - aggiornato: 24.06.2016 - 14:02

Le riprese del prequel della serie tv ideata da Luca Tramontin iniziano febbraio nella Città sulle rive del Ceresio. La storia ruota intorno ad un’agenzia che si occupa di proteggere lo sport. Oltre al cast di attori, diversi atleti che interpretano se stessi.

Prenderanno il via il 9 febbraio a Lugano le riprese del prequel della serie tv Sport Crime. Ideata dal commentatore sportivo ed ex rugbista Luca Tramontin, bellunese che dal 2006 vive in Ticino, e da Daniela Scalia (nella foto sopra), la serie parla di vicende sportive che ruotano intorno all’agenzia Seam, ubicata a Lugano, il cui scopo è la protezione dello sport su più livelli. Ne parliamo con l’autore.

 

 

Di che cosa si tratta?

La storia racconta di un agenzia con base a Lugano che indaga su casi sportivi. Il prequel è un film di un’ora che spiega l’origine della serie. Al centro ci sono sportivi e club, l’agenzia si occupa di proteggere protegge lo sport su più livelli, dalle questioni legali ai problemi degli sportivi.

 

 

Si tratta di una fiction, ma ci sono legami con la realtà, giusto?

Sì, le storie sono vere ma sono rielaborate. Si tratta di storie che abbiamo visto in quanto giornalisti e commentatori e che abbiamo deciso di modificare e riadattare.

 

 

Tra i protagonisti ci sono anche molti sportivi. 

Si tratta di sportivi veri, che interpretano loro stessi. Io compreso. C’è poi un gruppo di attori tra i quali figura anche il grande Nino Castelnuovo, che vinse la Palma d’Oro a Cannes con Catherine Deneuve per Le parapluies de Cherbourg. L’agenzia Seam, intorno a cui ruotano le vicende, ha sede a Lugano. Ma non è l’unica Città ticinese protagonista della serie. Lugano è ovviamente il centro attorno a cui ruotano le storie, ma il prequel sarà ambientato anche a Bellinzona e al Centro Sportivo di Tenero.

 

 

Tra i protagonisti figurano anche due ex campioni di hockey molto conosciuti in Ticino, Flavien Conne (ex HCL) e Marco Baron (ex HCAP). Che ruolo avranno?

I due hockeysti interpreteranno... loro stessi! La vicenda prenderà il via dalla storia di un atleta svizzero di cross-country, interpretato dal giovane attore ticinese Marco Rosso, che verrà mandato in Croazia per rigenerarsi e trovare se stesso. L’atleta incrocerà anche le discipline dell’hockey e del rugby.

 

 

Tra gli sport che saranno protagonisti ce ne sono alcuni molto particolari, come ad esempio il football gaelico. Perché questa scelta?

L’idea è di presentare degli sport spettacolari anche poco conosciuti. Il football gaelico è popolarissimo in Irlanda ma poco noto al di fuori dei suoi confini. L’alto tasso di dinamismo con il quale si gioca lo rende molto interessante anche agli occhi di un pubblico che non lo conosce.

 

In attesa di sapere dove andrà in onda la serie, sul canale YouTube è visibile il trailer. «Ad aprile parteciperemo al MIP TV 2016 a Cannes, dove la serie verrà presentata sul mercato internazionale» spiega Tramontin. La MIP TV è una grande fiera che si tiene ogni anno a Cannes, dove si riuniscono autori e produttori di contenuti televisivi da tutto il mondo. Ecco i numeri della manifestazione: più di 11.000 di partecipanti; 200.000 metri quadrati di spazio espositivo; 1.600 compagnie; quasi 4.000 buyers. Quest’anno la fiera si tiene dal 4 all’8 aprile. 

 

 (CTOMA)

 

TV

"C'era una volta..." la TV dei bambini

RAGAZZI E TV - La RSI sta rispolverando le sue produzioni migliori: il Gatto Arturo, la Bottega del signor Pietro e Cappuccetto a pois sono tornate in TV. Per la gioia di …

TV

Addio ad Adam West, Batman degli anni '60

Morto per leucemia, Adam West era l'indimenticabile Batman della serie TV con le scritte onomatopeiche. 

TV - The young Pope

In tempi di apertura, il cinema resta indietro

Sorrentino ci mostra un Papa arrabbiato e ingrato, banalizzando la ricerca del personaggio. E con questo film non ottiene i soliti consensi.

TV - Intervista

"La serialità ha fatto crescere pubblico e tv"

"Il mio primo dizionario delle serie tv cult" presenta 33 serie tv liberamente scelte dai suoi autori, che ci hanno spiegato il perché della loro selezione.

TV - Polemica

"Volevo mostrare il volto della nuova mafia"

Bruno Vespa risponde così alle critiche ricevute per aver ospitato a "Porta a Porta" Salvatore Riina, figlio del boss di Cosa Nostra Totò. 

TV - Rai e Mediaset

Libertà d’espressione o corsa all’audience?

Raffaele Sollecito esperto di giustizia a Mediaset e il figlio di Totò Riina ospite di Porta a porta: perché la televisione italiana sente l'esigenza di una …

TV - Sport Crime

Una serie sullo sport nella cornice di Lugano

Le riprese del prequel della serie tv ideata da Luca Tramontin iniziano febbraio nella Città sulle rive del Ceresio. La storia ruota intorno ad un’agenzia che si …

TV - Streaming

Netflix, boom di abbonati

La società che offre filme serie tv via internet ha chiuso l'anno con 5,6 milioni di abbonati in più. In Svizzera c'è dal 2014, ma solo da ottobre …

TV - Contro la RAI

L'Osservatore Romano: «Tv fuori controllo»

Il quotidiano critica gli errori dell'emittente pubblica italiana durante il Capodanno, fra cui parolacce e addirittura una bestemmia in diretta, «con l' …

TV - Il lavoro del corrispondente

La Città Eterna e l’Italia tra società e politica

QUI ROMA - In questa puntata del nostro viaggio alla scoperta dei corrispondenti della RSI andiamo in Italia con Nicola Agostinetti.

TV

Il pubblico incorona il nuovo don Camillo

La fiction con il prete investigatore registra indici di ascolto altissimi e la Rai raddoppia le puntate. L’arcivescovo di Spoleto Renato Boccardo invita però …
TV

Telecamere puntate sulle Olimpiadi invernali

Sochi 2014: La RSI presente con tv, radio e web.

TV

Dò tosan e tre valiis

Yor Milano ci dà qualche anticipazione sulla tradizionale commedia del 31 dicembre

TV

Michele è il vincitore di X-Factor 7

La settima edizione va ancora una volta ad un concorrente della squadra di Morgan, il giovane Michele Bravi.

TV

Meglio "The Americans" o "Homeland"?

Storie di spie e spionaggio nei mercoledì della RSI. Due serie TV in realtà molto diverse (ma altrettanto incredibili).

TV

Mission: stucchevole buonismo

Il programma della Rai non convince per nulla.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg