Home > Cultura

Un intellettuale innamorato del Ticino

27.11.2016 - aggiornato: 27.11.2016 - 09:03

Ricordo di Diego Valeri, scrittore, poeta e giornalista italiano spentosi 40 anni fa a Roma profondamente legato al nostro Cantone.

© Foto dal web

di Giuseppe Muscardini

Il 27 novembre di quarant’anni fa si spegneva a Roma Diego Valeri, scrittore, poeta e giornalista italiano che legò il suo nome alle vicende culturali ticinesi. La pubblicazione del Taccuino svizzero nel 1945, la frequentazione assidua dei ticinesi, la lunga corrispondenza intrattenuta con Francesco Chiesa, l’amicizia duratura con Plinio Bolla e Valerio Abbondio, la partecipazione nel dopoguerra alle trasmissioni di Radio Monteceneri come opinionista, l’invito a far parte del Premio Charles Veillon, sono le referenze più significative e rivelatrici di un vero amico del Ticino.

L’ammirazione per i figli scrittori del Ticino

A voler degnamente onorare la memoria di Diego Valeri a quarant’anni dalla scomparsa, non si può sottacere il profondo legame dello scrittore con la Svizzera. Né si possono riporre le pagine dell’appassionato Saluto al Ticino inserite nel Taccuino svizzero edito a Milano da Hoepli nel 1945. Intrise di genuine dipinture d’ambiente, quelle pagine hanno il valore di una «dichiarazione d’amore» – parole testuali dell’autore – ispirata da una convinzione espressa in esordio: «Il Ticino, per noi, è la Svizzera più difficile da cogliere. Per dirne qualcosa, avremmo bisogno di viverci a lungo». Affermazione dettata da quell’onestà intellettuale a cui Valeri aveva abituato i suoi lettori ancor prima dell’uscita del Taccuino svizzero, che peraltro reca la dedica a stampa «A Plinio Bolla», il suo amico D.V. Affermazione, diremo in aggiunta, che risente delle frequentazioni ticinesi culminate già l’anno precedente nella silloge Colori e angeli d’Italia, uscita nel 1944 a Bellinzona dai torchi della Casa Editrice “Grafica Bellinzona S.A”.

La raccolta si configura come rarità tipografica, stampata in cinquanta copie numerate per le nozze degli amici Mario Mazzarotti e Marianne Polacco. E anche più tardi, nel dopoguerra tormentato e contrassegnato dalle riflessioni sul ruolo degli intellettuali nel Ventennio fascista, dal 1947 al 1973 Valeri parlò in più occasioni, e con schiettezza, ai microfoni di Radio Monteceneri nelle trasmissioni radiofoniche A colloquio con i giovani scrittori italiani, Terza pagina e Finestra aperta sugli scrittori italiani.

Tuttavia sbaglieremmo se facessimo risalire i rapporti di Diego Valeri con il Ticino alla prima metà degli anni Quaranta, coincidenti con il suo esilio a Mürren, il campo di raccolta di alta montagna dove erano internati come rifugiati politici anche Giorgio Strehler, Dino Risi e Amintore Fanfani. In realtà Valeri già da vecchia data godeva della stima di Francesco Chiesa, che gli aveva significato il suo apprezzamento all’uscita delle sillogi poetiche Umana e Crisalide, rispettivamente nel 1915 e nel 1919. Il poeta di Sagno aveva recensito benevolmente in lingua francese le due raccolte poetiche nella “Bibliothèque universelle et revue suisse”, riservando al quasi esordiente autore tutta l’attenzione che meritava. Chiesa dichiarava: «Una raccolta di versi dove mi sembra di riconoscere con precisione il grandissimo valore dell’ingenuità e della sincerità è quella di Diego Valeri». Una recente ricerca d’archivio, nel corso della quale è stata scandagliata la corrispondenza di Diego Valeri conservata presso la Fondazione Giorgio Cini di Venezia, rivela come il rapporto epistolare tra i due poeti si possa datare al 1913, con lettere spedite da Lugano e Cassarate, per estendersi fino al 1970. È del 1913 la prima raccolta di versi intitolata Le gaie tristezze, spedita in segno di stima a Francesco Chiesa, che il 13 aprile da Lugano rispose alla cortesia con una cartolina illustrata. Chiesa aveva individuato da subito nelle liriche di Valeri quelle peculiari connotazioni che ne caratterizzeranno tutta l’opera. Una stima reciproca mai venuta meno e inoltrata negli anni, grazie alla quale Valeri fu ammesso nei circoli culturali ticinesi. Tra i due si instaurò un rapporto franco, come franco fu quello intrattenuto con Piero Bianconi e con Valerio Abbondio, di cui Pietro Montorfani ha pubblicato nel 2008 su “Cenobio” un esiguo, ancorché intenso, corpus di lettere. Valeri farà riferimento nel Taccuino svizzero agli stessi intellettuali, unendovi il nome di Giuseppe Zoppi e chiamandoli tutti con devozione figli scrittori del Ticino.

Un animo “poetico e sensibile”. Altri giudizi, altri intrecci

L’interesse per il Taccuino svizzero seppe manifestarlo l’intransigente Elsa Nerina Baragiola, che nel 1947 recensì il volume nella rivista “Schweizer Monatshefte”. Da Zurigo l’eruditissima intellettuale era in frequente contatto con Giuseppe Prezzolini, Bonaventura Tecchi, Eugenio Montale, Carlo Emilio Gadda e con i menzionati Francesco Chiesa e Piero Bianconi. Per riassumere la distintiva originalità del Taccuino svizzero, fece ricorso ad un’insolita morbidezza creativa di cui difficilmente si serviva nel redigere le sue recensioni: «La riflessione sul nostro Paese di un animo poetico e sensibile». Sarà stato forse quello stesso animo 

Cultura

Il primo colpo al cuore e due anniversari

DIARIO DA CANNES - Cold War del polacco Pawlikowski conquista i critici della Croisette, mentre il 1968 viene ricordato da Godard e DA 2001: Odissea …

Cultura

Se gli USA latitano, i russi si fanno sentire

DIARIO DA CANNES - Serebrennikov e Loznitsa raccontano due facce dell’ex Unione Sovietica, mentre le sezioni collaterali riservano interessanti scoperte.

Cultura

Incontro con il giornalista Mura

Giovedì 19 aprile, alle 20.30, presso la Sala Aragonite di Manno, si parlerà di racconti, cucina, sport e canzoni, ossia... "i 4 lati di Mura".

Cultura

Intorno al ritmo

Luca Cerchiari ci presenta la terza edizione di "The Cambridge Companion to the Musical” di Everett e Laird, volume sulla commedia musicale americana.

Cultura

Riflettori puntati sui mitici Anni '90

Per due mesi Bellinzona ospiterà il festival culturale e musicale "Strange Days", che propone eventi di diverso tipo per capire come sia cambiato il mondo …

Cultura

Topolino festeggia 90 anni

A partire dalla prossima settimana Disney celebrerà per tutto il 2018 uno dei personaggi più amati da intere generazioni di bambini e adulti.

Cultura

La vita in quella che fu l'URSS

SPECIALE SABATO - Un bel libro ci racconta quel mondo scomparso, attraverso 400 oggetti, altrettante fotografie, 700 citazioni letterarie. Un'immersione oltre i clich …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Cultura

Un musical avvincente e convincente

Il commento sullo spettacolo teatrale di Yor Milano, "La vera storia di Nicolao della Flüe", andato in scena domenica sera al Palazzo dei Congressi di …

Cultura

La Svizzera italiana di Nessi

SPECIALE SABATO - Quindici passeggiate con uno sguardo particolare. Senza dimenticare i monumenti artistici, lo scrittore si sofferma su aspetti minori della quotidianit …

Cultura

Una figura di donna moderna e impegnata

Carolina Maraini-Sommaruga (Lugano 1869-Savosa 1959) è protagonista alla Pinacoteca Züst di Rancate. Conosciamola meglio. 

Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg