Home > Economia

Acquisizione miliardaria per ABB

25.09.2017 - aggiornato: 25.09.2017 - 12:51

Rilevando la divisione Industrial Solution di General Electrics, il gruppo zurighese consolida la sua posizione negli stati uniti e rafforza così il suo secondo rango nel settore.

© KEYSTONE/Walter Bieri

ABB rileva la divisione Industrial Solutions del conglomerato americano General Electrics (GE). La transazione ammonta a 2,6 miliardi di dollari (2,5 miliardi di franchi), ha indicato oggi il gruppo zurighese.

L'acquisizione dovrebbe essere portata a termine nel primo semestre 2018 una volta ottenute le dovute autorizzazioni e fa seguito a settimane di trattative. ABB prevede sinergie per circa 200 milioni di dollari l'anno dal 2022, ma gli effetti sull'utile della società dovrebbero essere visibili fin da subito, precisa il comunicato. GE Industrial Solutions, che ha il proprio quartiere generale ad Atlanta (Georgia), impiega 13'500 persone nel mondo ed è specializzata nel settore dell'elettrificazione. Nel 2016, il suo fatturato è stato di 2,7 miliardi di dollari.

Da alcuni anni GE sta riducendo le sue attività su pressione del fondo di investimento speculativo Trian Fund Management, che vuole una maggiore concentrazione e un taglio dei costi. Il gruppo americano con sede a Boston (Massachusetts) ha ceduto le proprie attività nel campo della finanza e degli elettrodomestici, così come la filiale televisione e cinema NBCUniversal. In marzo ha pure venduto l'unità di trattamento delle acque industriali alla francese Suez e alla Caisse de dépôt et placement du Québec (CDPQ). Durante una conferenza telefonica, il CEO di ABB Ulrich Spiesshofer non ha nascosto che importanti sfide attendono la direzione di GE Industrial Solutions, la quale sarà mantenuta. Il manager tedesco ha aggiunto che il rilevamento permette di completare perfettamente la gamma di prodotti e servizi offerti dal suo gruppo. La multinazionale sta già valutando misure in grado di incrementare i margini della divisione appena acquisita: l'obiettivo è quello di armonizzare l'offerta e ottimizzare i siti di produzione, ha specificato il numero uno della società elvetico-svedese. La priorità è di migliorare gli affari di un'unità che la casa madre GE non considerava più fondamentale, i cui prodotti sono in parte superati e con un mercato ormai limitato agli Stati Uniti.

Oltre alla cifra necessaria per portare a termine l'operazione, ABB sborserà 400 milioni di dollari per integrare GE Industrial Solutions in seno al proprio comparto di prodotti di elettrificazione, il che provocherà per questo segmento un calo del margine operativo Ebita l'anno prossimo. Ci si attende comunque un rialzo in una forbice compresa fra il 15 e il 19% per il 2020.

Spiesshofer ha ammesso che vi saranno ripercussioni sugli effettivi dell'azienda statunitense, sotto forma di soppressione di posti di lavoro. Non ha però precisato la portata di questa riduzione del personale.

Con questa transazione, ABB, che impiega attualmente 136'000 dipendenti nel mondo, rafforza il secondo rango a livello globale nel settore dei prodotti di elettrificazione e consolida la propria posizione dall'altra parte dell'Atlantico.

(Ats)

 

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aumentano le esportazioni in febbraio

Esse si sono attestate a 17,8 miliardi di franchi, lo 0,9% in più dello stesso periodo dell'anno precedente, tenuto conto delle correzioni per i diversi giorni …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg