Home > Economia

Disoccupazione ferma al 3% in Svizzera

09.11.2017 - aggiornato: 09.11.2017 - 11:09

È invece in lieve aumento in Ticino, dove il tasso si è attestato al 3,2%, in aumento di 0,1 punti rispetto a settembre, ma in flessione di 0,2 punti nel confronto a un anno fa.

(photo Crinari)

In ottobre il tasso di disoccupazione in Svizzera è rimasto invariato, rispetto al mese precedente, al 3%: è quanto indica stamane la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Un anno prima si attestava al 3,2%. Un comunicato indica che alla fine del mese in rassegna erano iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento (URC) 134'800 disoccupati, 1'631 o l'1,2% in più rispetto a settembre. Nel raffronto con ottobre 2016, risulta invece un calo di 9'731 unità (-6,7%).

In Ticino il tasso di disoccupazione si è attestato al 3,2%, in aumento di 0,1 punti rispetto a settembre ma in flessione di 0,2 punti nel confronto con dodici mesi prima. I senza lavoro erano 5'323, 121 o il 2,3% in più del mese precedente ma 374 o il 6,6% in meno dell'ottobre dell'anno scorso. Nei Grigioni il tasso è stato dell'1,6%, pari a un incremento mensile di 0,5 punti e a una contrazione annua di 0,1 punti. I disoccupati erano 1'775, con un aumento mensile di 609 unità (+52,2%) e una diminuzione annua di 92 unità (-4,9%).

Boris Zürcher, capo della Direzione del lavoro alla SECO, considera l'evoluzione sempre molto favorevole. "Ad eccezione del 2010 si tratta del minore incremento relativo della disoccupazione nel mese di ottobre dal 2007", ha dichiarato in una conferenza telefonica. "Constatiamo che le opportunità sul mercato del lavoro sono migliorate. Si recluta di più tra i disoccupati", ha spiegato. Le soppressioni di impieghi annunciate nelle ultime settimane, ad esempio presso Meyer Burger e ABB, non si riflettono nelle cifre sulla disoccupazione: i licenziamenti solitamente avvengono in maniera scaglionata, quindi si manifesteranno al più presto con un differimento di tre-quattro mesi. E tenendo conto della penuria di forza lavoro specializzata in Svizzera molti interessati non finiscono nemmeno in disoccupazione, ma trovano un nuovo posto ancora entro il termine di disdetta.

Il numero di giovani disoccupati (15-24 anni) è diminuito di 804 unità su base mensile (-4,5%) fissandosi a un totale di 16'905. Su base annua ciò corrisponde a un calo di 2'190 persone (-11,5%). Zürcher ha ricordato che la disoccupazione giovanile ha sempre il suo picco in estate e poi diminuisce. "Ma riteniamo pure che lentamente intervenga la demografia: non abbiamo più una penuria di posti d'apprendistato quanto una carenza di tirocinanti".

Situazione meno favorevole per gli ultracinquantenni, categoria in cui il numero dei disoccupati è aumentato di 546 unità (+1,6% mensile, ma -2,9% annuo), attestandosi a 35'729. Complessivamente, afferma la SECO, le persone in cerca d'impiego registrate erano 198'025, 4'401 in più rispetto a settembre e 9'487 (-4,6%) in meno rispetto a ottobre 2016. Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli uffici regionali di collocamento (URC) è diminuito di 140 unità a quota 12'316.

Anche tra i disoccupati di lunga durata l'evoluzione è positiva: "vediamo un costante miglioramento", ha affermato Zürcher. Gli iscritti presso gli URC da oltre un anno sono scesi di 361 unità (-1,6%) rispetto a settembre e di 1'935 unità (-8,1%) su base annua, a 21'852. In ottobre è iniziata la stagione intermedia, cosa che si riflette nella disoccupazione delle regioni e dei settori d'attività, ha proseguito Zürcher. I Grigioni ad esempio, quale cantone turistico, hanno registrato l'incremento più marcato e anche il Vallese segna una forte progressione.

La stessa cosa vale per i rami: la progressione maggiore si è avuta nel settore alberghiero e della ristorazione, e anche nella costruzione vi è stato un aumento della disoccupazione. Sono per contro stati censiti cali nel commercio al dettaglio, nell'educazione e nella sanità.

La SECO fornisce anche i dati relativi al lavoro ridotto, che si riferiscono però allo scorso agosto. In quel mese il fenomeno ha interessato 1'386 persone, 421 in meno (-23,3%) rispetto a settembre. Anche il numero delle aziende colpite è diminuito di 50 unità (-23,9%), portandosi a 159. Il numero delle ore di lavoro perse è sceso del 20,2%, a 68'522. Nell'agosto del 2016 erano state registrate 254'128 ore perse, ripartite su 4'465 persone in 444 aziende. Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, spiega ancora la SECO, sono 3'846 le persone che in agosto hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

(Ats)

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Economia - CFO svizzeri più ottimisti

Si rasserena il futuro delle aziende svizzere

Per la prima volta dall'abolizione della soglia minina con l'euro, i responsabili finanziari delle imprese intravvedono prospettive di crescita.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg