Home > Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

05.10.2017 - aggiornato: 11.10.2017 - 13:19

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni).

I top manager delle aziende svizzere rimangono i meglio pagati d'Europa e Sergio Ermotti ha in assoluto il terzo stipendio più elevato di tutto il continente. Lo rivela uno studio pubblicato oggi dall'impresa di consulenza Willis Towers Watson.

Il valore mediano dei compensi ricevuti l'anno scorso dai dirigenti delle sette società elvetiche comprese fra le 100 più grandi europee si è attestato a 10,3 milioni di euro, l'equivalente di 11,8 milioni di franchi nel cambio attuale. Sensibilmente staccati dietro agli svizzeri figurano gli inglesi (7,4 milioni di euro), gli spagnoli (5,6) e i tedeschi (5,1). I "mega-direttori" dell'Europa più settentrionale si accontentano invece in media di 1,8 milioni di euro.

A titolo di paragone per guadagnare quanto un dirigente di punta elvetico lo svizzero comune - salario mediano mensile nel privato 6189 franchi, ultimo dato disponibile 2014 - deve lavorare 159 anni. Per un ticinese (salario mediano 5125 franchi) i tempi si allungano ulteriormente: si tratta di aspettare l'anno dopo Cristo 2209, fra 192 anni. Oppure, detto in altri termini, per i suoi primi tre minuti in ufficio l'alto dirigente è compensato più che un dipendente comune per tutta la giornata.

Un indiano il più pagato

La busta paga più pesante (14,4 milioni di euro) è andata anche l'anno scorso all'indiano Rakesh Kapoor, CEO della multinazionale britannica Reckitt Benckiser. Il 59enne ha guadagnato comunque nettamente meno dell'anno precedente (20,9 milioni), perché gli è stato ridotto il bonus. Lo stesso è avvenuto peraltro - in modo meno marcato - al secondo e al terzo in classifica: Martin Sorrell, fondatore e CEO del gruppo pubblicitario e di pubbliche relazioni inglese WPP, ha staccato un assegno di 13,3 milioni, mentre il presidente di direzione di UBS Sergio Ermotti si è visto accreditare 12,3 milioni. Il 57enne ticinese si conferma terzo nonostante una diminuzione del compenso (2015: 13,1 milioni). Quarto è il numero uno del gruppo informatico tedesco SAP e subito dopo vi sono tre dirigenti di multinazionali svizzere: i CEO di Novartis Joseph Jimenez (10,8 milioni), di Roche Severin Schwan (10,6 milioni) e di Credit Suisse Tidjane Thiam (10,3). Complessivamente quindi in Svizzera sono attivi quattro dei dieci membri dell'esclusivo club degli ultrapagati d'Europa.

Compensio medio diretto di 5,4 milioni

Il compenso medio diretto (stipendio fisso e gratifiche, senza però contributi previdenziali e prestazioni accessorie) di tutti i boss delle 80 più grandi aziende europee si è attestato a 5,4 milioni. Rispetto all'anno precedente vi è stato un calo del 6%, dovuto a un taglio dei bonus, ha spiegato all'ats Olaf Lang, dirigente presso Willis Towers Watson. Sono state passate al setaccio anche le retribuzioni delle 23 società elvetiche comprese nell'indice borsistico SLI: è emerso che la busta paga media è di 4,4 milioni di euro, in progressione del 12% nel confronto con il 2015.

Secondo Lang le normative entrate in vigore in seguito all'approvazione dell'iniziativa Minder sulle retribuzioni abusive - approvata dal popolo nel 2013 con il 68% di sì e da tutti i cantoni - non hanno finora avuto alcun influsso sugli stipendi. Il maggior potere dato agli azionisti ha però avuto un impatto nell'eliminare i pagamenti straordinari e i cosiddetti paracaduti dorati, vale a dire le buonuscite milionarie.

Lang si aspetta che nuove regole dell'Ue - è previsto che già dal 2019 le aziende dovranno per esempio rendere pubblici i rapporti fra gli stipendi più alti e quelli del resto delle maestranze - abbiano un influsso anche in Svizzera. "Ritengo che le multinazionali elvetiche dovranno adattarsi alla normativa europea se intendono mantenere il consenso degli investitori stranieri", sostiene lo specialista. Le nuove disposizioni dovrebbero in generale rallentare la crescita dei compensi: ma secondo Lang gli svizzeri rimarranno comunque i più pagati del continente.

(Ats)

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Economia - CFO svizzeri più ottimisti

Si rasserena il futuro delle aziende svizzere

Per la prima volta dall'abolizione della soglia minina con l'euro, i responsabili finanziari delle imprese intravvedono prospettive di crescita.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg