Home > Economia

General Electric sopprime 1'400 impieghi

07.12.2017 - aggiornato: 07.12.2017 - 20:35

La decisione della multinazionale, che parla di "contesto difficile", interessa il Canton Argovia. Via anche 1'600 posti di lavoro in Germania e altri migliaia nel mondo.

© KEYSTONE/Walter Bieri

La multinazionale industriale statunitense General Electric (GE) intende tagliare 1400 posti di lavoro in Svizzera nei prossimi due anni, tutti nel canton Argovia. Lo ha comunicato oggi l'azienda. La soppressione di impieghi interessa l'unità GE Power, rilevata a fine 2015 da Alstom, che conta 4500 dipendenti.

La notizia non giunge inattesa: già a metà ottobre la stampa aveva riferito di 1300 possibili esuberi e le voci si erano fatte più concrete negli ultimi giorni con informazioni di fonte sindacale: si parlava di 1200-1300 posti. Il numero indicato oggi è però ancora superiore e l'Aargauer Zeitung titola infatti sul suo sito "Peggio di quanto si temesse".

Interessate sono le unità di Baden, Birr e Oberfelden, nel canton Argovia. Non vi saranno però chiusure, sottolinea GE in un comunicato. Il gruppo motiva i provvedimenti con il contesto difficile in cui è chiamato ad operare GE Power, con l'accresciuta importanza delle energie rinnovabili, il miglioramento dell'efficienza energetica, la pressione sui prezzi dell'elettricità e la concorrenza globale.

"Mi rincresce in modo straordinario di dover proporre questa soppressione di impieghi", afferma il dirigente di GE Michael Rechsteiner, citato nella nota. "Non prendiamo mai a cuor leggero queste decisioni, ma siamo convinti che applicando queste proposte potremo migliorare l'efficienza e mantenere meglio sotto controllo i costi". L'obiettivo è potenziare la competitività a medio e lungo termine.

La Svizzera rimane molto importante per GE Power e Baden resterà anche in futuro la sede per i comparti Steam Power Systems e Power Services, aggiunge Rechsteiner. Per i dipendenti che saranno toccati dalla ristrutturazione è previsto un piano sociale.

Via anche 1'600 posti in Germania

Oltre che in Svizzera, la multinazionale industriale statunitense General Electric (GE) vuole tagliare anche 1.600 posti in cinque città tedesche. Lo ha comunicato oggi la direzione tedesca del colosso, che ha motivato la decisione con la riduzione della domanda per le centrali elettriche e l'aumento della pressione dei prezzi. In Germania General electric impiega 10 mila persone in 50 filiali.

In totale 12mila impieghi nel mondo

General Eletric ha in programma il taglio totale di 12'000 posti di lavoro nella divisione energia nel quadro del piano di riduzione dei costi. Il taglio occupazionale rappresenta circa il 18% della forza lavoro di GE Power. Lo ha annunciato la stessa Ge in un comunicato spiegando che "questa decisione è dolorosa ma necessaria per consentire a GE Power di rispondere alle difficoltà nel mercato dell'energia. Prevediamo che le sfide del mercato continueranno, ma questo piano ci posizionerà per il 2019 e oltre".

(Red/Ats)

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Economia - CFO svizzeri più ottimisti

Si rasserena il futuro delle aziende svizzere

Per la prima volta dall'abolizione della soglia minina con l'euro, i responsabili finanziari delle imprese intravvedono prospettive di crescita.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg