Home > Economia

Il prezzo del petrolio schizza ai massimi

10.01.2018 - aggiornato: 10.01.2018 - 15:39

La domanda spinge Wall Street e il barile va oltre i 63 dollari. Le tensioni geopolitiche potrebbero ridurre i rifornimenti, facendo salire il prezzo oltre gli 80 dollari.

© DroneBase via AP, File

Non si arresta la corsa al rialzo del prezzo del petrolio con i contratti sul greggio Wti con scadenza a febbraio che sul mercato after hour di New York guadagnano 57 centesimi a 63,43 dollari al barile. I prezzi sono ai massimi da 3 anni. Sale ancora anche il Brent a 69,26 dollari al barile.

 

petrolio_wti_brent.jpg

 

L'analisi di Citigroup

Nel 2018 conflitti e tensioni geopolitici potrebbero determinare riduzioni degli approvvigionamenti di petrolio e far schizzare il prezzo verso quota 80 dollari. La previsione è degli analisti di Citigroup, che un rapporto dal titolo "I jolly per il 2018" inseriscono tra le incertezze del mercato del greggio anche la politica di Donald Trump e di Kim Jong-un.

Stando al rapporto diffuso dall'agenzia Bloomberg, le tensioni in Iran, Iraq, Libia, Nigeria e Venezuela potrebbero far salire il calo delle forniture a oltre tre milioni di barili al giorno: la preoccupazione riguarda in particolare eventuali nuove sanzioni all'Iran che potrebbero essere decise dall'amministrazione Trump e che farebbero venir meno 500mila barili al giorno con un aumento dei prezzi valutato in circa 5 dollari. 

La "variabile Trump", secondo gli analisti, ha il suo peso anche in relazione alla Corea del Nord e al rischio "non trascurabile" che l'escalation dello scontro verbale possa portare a un vero e proprio conflitto militare. Un ulteriore rischio è poi rappresentato dalle frizioni commerciali crescenti tra la Casa Bianca e la Cina.

Per quanto riguarda le altre tensioni in giro per il mondo, Citigroup cita le difficoltà degli invii del petrolio iracheno attraverso il porto di Ceyhan, i continui rischi che corrono le infrastrutture di trasporto in Libia e Nigeria, e la prevedibile riduzione della produzione da parte del Venezuela.

(Ats)

 

Economia

Il salario di Ermotti cresce ancora

Nel 2017 il CEO di UBS ha guadagnato 14,2 milioni di franchi, contro i 13,7 milioni dell'anno precedente, vale a dire ben 500mila franchi in più.

Economia

Banca mondiale e asiatica, ci rappresenta Cassis

Il consigliere federale ticinese difenderà gli interessi della Svizzera nel Consiglio dei governatori dei due istituti bancari assieme a Johann Schneider-Ammann.

Economia

La casa è sempre più donna

Nella decisione della dimora in cui vivere, è il gentil sesso a fare la differenza e a prendere volentieri le redini. L'uomo è responsabile della scelta solo …

Economia

Fine collaborazione tra FFS e Ticketcorner

Dal 28 febbraio l'ex regia federale abbandonerà l'attività di vendita di biglietti per eventi: "I clienti ormai acqistano sempre più online …

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg