Home > Economia

No alla fusione tra Clariant e Huntsman

27.10.2017 - aggiornato: 27.10.2017 - 09:34

La decisione è stata presa di comune accordo tra le due aziende. Il gruppo chimico basilese non era certo di ottenere il consenso dei due terzi degli azionisti per il progetto.

© KEYSTONE/Georgios Kefalas

Il gruppo chimico basilese Clariant ha annunciato oggi di rinunciare alla fusione con l'americana Huntsman. La decisione è stata presa di comune accordo. L'azienda non era certa di ottenere il consenso dei due terzi degli azionisti per il progetto.

Il veicolo d'investimento White Tale, che cercava di bloccare la fusione da 20 miliardi di dollari (19,8 miliardi di franchi), aveva appena innalzato la propria partecipazione al capitale di Clariant oltre la soglia del 20%. Per questo motivo, i consigli di amministrazione delle due società hanno deciso all'unanimità, indica una nota odierna congiunta, di rinunciare alla fusione. Questa decisione ha un vantaggio per l'azienda basilese: permette di evitare a Clariant di dover pagare una penalità di rottura di ben 210 milioni di dollari, come pure un'altra multa per la mancata approvazione di 60 milioni, così come prevedeva l'accordo iniziale tra le due entità.

La decisione di rinunciare alla fusione non è stata presa a cuor leggero: nel comunicato infatti si legge che le due società sono sempre convinte "che l'avvicinamento rappresentava sul lungo termine il miglior interesse per i rispettivi azionisti". Ma, tenuto conto dell'opposizione di White Tale Holdings, fondo di investimento che gode del sostegno di altri azionisti, Clariant non era più certa di poter ottenere l'appoggio dei due terzi degli investitori, quota necessaria per suggellare questo "matrimonio" di interesse prevista dal diritto elvetico. La situazione insomma, "non era più la stessa di quella presente all'annuncio della fusione avvenuto nel maggio scorso", ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa telefonica il direttore di Clariant Hariolf Kottmann. Nonostante questo smacco, Clariant non rinuncia alla propria strategia di cresciuta a lungo termine: anche se White Thale aveva una posizione diversa dal nostro progetto di fusione, "condividiamo l'interesse ad aumentare il valore dell'impresa. In quest'ottica, proseguiremo il dialogo con tutte le parti del gruppo", ha aggiunto Kottmann.

L'annuncio di una "unione" a maggio

Clariant e Huntsman avevano annunciato in maggio l'intenzione di unirsi allo scopo di creare una nuova entità nella chimica specializzata il cui valore borsistico avrebbe superato i 14 miliardi di dollari. Dall'operazione sarebbe scaturito il numero due mondiale nelle specialità chimiche. Di recente, in un'intervista a Finanz und Wirtschaft, i piani alti di White Tale avevano dichiarato di aver già superato la barra del 15% in Clariant, e che questo processo non era ancora terminato.
White Tale sosteneva, in particolare, che il progetto di valorizzazione di Clariant era insufficiente e che il progetto di fusione mancava di logica industriale.

White Tale è costituito da un gruppo di azionisti che riunisce il fondo Corvex e la società 40 North, braccio finanziario quest'ultima del fabbricante americano di tetti Standard Industries.

Clariant è nata nel 1995 dalla scissione delle attività chimiche del gruppo farmaceutico basilese Sandoz, prima che quest'ultimo si legasse al concorrente Ciba per dar vita al gigante Novartis. L'anno scorso Clariant ha archiviato i conti con vendite per 5,85 miliardi di franchi. Clariant ha in organico 17'000 collaboratori, Huntsman 10 mila. La società americana ha sede a The Woodlands, Texas. Il settore della chimica è attualmente in fermento a causa di un movimento accelerato di concentrazione.

I giganti americani Dow e DuPont hanno deciso di unire i propri destini per formare DowDupont, mentre il gruppo basilese Syngenta è stato rilevato dalla cinese ChemChina. Il gruppo tedesco Bayer è attualmente impegnato nella fusione con l'americana Monsanto.

(Ats)

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Economia - CFO svizzeri più ottimisti

Si rasserena il futuro delle aziende svizzere

Per la prima volta dall'abolizione della soglia minina con l'euro, i responsabili finanziari delle imprese intravvedono prospettive di crescita.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg