Home > Commenti

Il GdP, un’impresa appassionante

02.01.2018 - aggiornato: 02.01.2018 - 17:02

Comincia da oggi una nuova e importante fase per la nostra testata. Ne parla nel suo editoriale mons. Lazzeri, cogliendo l'occasione per ringraziare i nostri abbonati e lettori.

© fotogonnella

di Valerio Lazzeri

 

L'inizio di un nuovo anno può essere l'occasione in cui si manifestano sentimenti contrastanti. Da una parte, ci sono coloro che si lasciano prendere dall'euforia dell'agenda ancora quasi bianca e sono pronti ad affermare che da oggi in poi tutto sarà diverso. Dall'altra, non mancano quelli che, guardando con freddezza ogni annuncio di novità, non riescono a distogliere gli occhi da tutte le difficoltà degli ultimi dodici mesi e le ritengono ovviamente impossibili da archiviare d'un tratto e con un semplice cambio di calendario. Fra questi due estremi, si snoda, senza cadervi, la via che il nostro Giornale imbocca a partire da oggi. Non è certo un'autostrada, diritta e senza ostacoli. Piuttosto, quello che si apre per noi è un sentiero di montagna, magari stretto e in salita ma reale e percorribile. Su di esso intendiamo avanzare con passo misurato e fermo. Abbiamo ben presente una realtà dei media – e in particolare della carta stampata – complessa e in piena evoluzione. Non vogliamo però dimenticare il potenziale e il senso dell'avventura che dura da ormai più di novanta anni. C'è una convinzione di fondo, infatti, che ci sostiene. È la percezione dell'importanza, per il Ticino, che tra le voci udibili nel dibattito pubblico non venga a mancare quella della Chiesa cattolica, della sua visione del mondo e della vita, della sua dottrina sociale. Ora, perché questo si realizzi, occorrono strumenti specifici e adeguati ai tempi. Essi in parte sono già tra le nostre mani, ma in parte sono da esplorare e scoprire cammin facendo, leggendo con attenzione i segnali del momento. Non possiamo congedare le modalità più tradizionali di comunicazione, ma non riteniamo neppure giusto precluderci la possibilità di trovarne altre, più efficaci e sostenibili.

Comincia così da oggi una nuova e importante fase per la nostra testata. Essa, come si sa, da questo numero riprende dopo alcuni anni il suo percorso in maniera indipendente. Il nostro desiderio è quello di rimanere fedeli alla missione originaria, di assicurarne la continuità, senza spezzare il filo prezioso della fiducia che molti affezionati lettori persistono nell'accordarci. Insieme, però, crediamo nella vitalità di un'intuizione, a cui vogliamo dare anche nel contesto attuale la possibilità di produrre nuovi frutti. Il nostro compito è chiaro: far passare nell'informazione quotidiana la forza umanizzante della fede cristiana, la sua capacità di abbracciare ciò che viviamo senza escludere nulla, la possibilità di coltivare uno sguardo differente su ciò che accade. La redazione è motivata e piena di slancio, l'editore sostiene e incoraggia con i mezzi a lui propri. Siamo certi che anche voi, carissimi abbonati e lettori, comprenderete bene la rilevanza della posta in gioco e non lascerete mancare la vostra linfa vitale a questa ardua, ma proprio per questo bella, importante e appassionante impresa. Grazie di cuore!

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg