Home > Commenti

La Chiesa vuole dar voce ai giovani

17.02.2018 - aggiornato: 19.02.2018 - 09:22

Il prossimo Sinodo dei vescovi, in programma a ottobre 2018, sarà dedicato ai giovani e al loro progetto di vita, cioè al “discernimento vocazionale”.

di Cristina Vonzun

 

Il cammino da qui al Sinodo dei vescovi che sarà in ottobre si presenta come un percorso fatto di incontri diversi la cui prossima tappa importante, quella dove saranno i giovani a parlare, sarà l’Assemblea di 300 ragazzi e ragazze di tutto il mondo (credenti, non credenti, cattolici, cristiani, ragazzi di altre religioni, anche atei e agnostici) riuniti dal 19 al 25 marzo in una sorta di grande pre-Sinodo che vuole ascoltare la voce delle nuove generazioni. Tappa importante che -secondo gli auspici degli organizzatori- sarà anche “social”, con un largo spazio dato all’uso delle nuove tecnologie di modo che non solo sia possibile seguire via reti sociali l’evento, ma i ragazzi non presenti all’Assemblea possano a loro volta interagire con i convenuti e il Papa.

Che la Chiesa guidata da Francesco in questo 2018 si metta in gioco per i giovani e con i giovani è un dato di fatto. Non solo con il questionario online pre-sinodale che ha già raccolto gli umori e le domande di decine di migliaia di giovani di tutto il mondo, ma anche nella prossima assemblea di Roma, preludio al Sinodo dei vescovi in ottobre. Sarà poi la Giornata Mondiale della Gioventù ad inizio gennaio 2019, a Panama, a chiudere la fase degli incontri. Il tutto in uno sforzo a dir poco titanico messo in piedi dal Papa e dai suoi collaboratori per le nuove generazioni.

A che pro tutto questo? Innanzitutto per ascoltare tutti i giovani (come ha ricordato in diverse occasioni Francesco, dunque non solo i cattolici), offrendo loro -forse come mai prima nella storia (e non solo quella ecclesiale)- una piattaforma mondiale in cui esprimere il loro sguardo sulla vita, la fede, sul futuro e sui loro problemi e speranze. 

Il tema che sta guidando tutto il percorso è quel “discernimento vocazionale” che parte dal leggere la vita come progetto. Attenzione che “discernimento vocazionale” non vuol dire capire se si è fatti per andare in convento o farsi preti, ma prima di tutto è cogliere che l’esistenza c’è per realizzare qualcosa di vero, di bello e di buono. Vocazione significa dire «sì» ad un progetto buono. Così, “discernere”, cioè capire le strade per realizzarlo e gli impedimenti che lo ostacolano è decisivo.

Ma quanto è difficile per un ragazzo o una ragazza progettare oggi. Chi ha un figlio o un nipote di 13-14 anni si accorge di quanta salita questi deve fare per riuscire a mettere nero su bianco quel barlume di progetto che fa capolino nel suo cuore. Qualcuno si ferma prima, semplicemente perché la speranza si è già estinta o è stata addirittura uccisa. Non bisogna andare lontano, basta guardare in quelle società -e il Papa lo sa bene- dove molti ragazzi delle periferie hanno difficoltà da affrontare che risulterebbero insormontabili per tanti adulti qui da noi. 

La Chiesa in questo percorso, secondo gli intendimenti di Francesco, vuole assumere la causa dei giovani di oggi per aiutarli a fare luce attorno a quella progettualità buona, bella e vera a cui anelano per essere felici, cosa l’aiuta e cosa eventualmente la impedisce. Senza progetti buoni non si va da nessuna parte: non ci vanno i giovani e non ci va il mondo. Senza speranza ci si ferma al palo. La vocazione, la vita come progetto buono, insieme ad una pista possibile da seguire per scegliere la strada giusta, interessano tutti, credenti e non credenti.

Non ci sono però solo gli incontri a Roma e via web ma c’è vita anche nel locale: il processo messo in atto da Francesco riguarda pure le Diocesi, le Chiese locali e le parrocchie. Anche in Ticino c’è chi è in cammino; se qualcuno si vuole aggregare per partecipare al percorso sinodale basta che si faccia vivo presso la Pastorale giovanile della Diocesi. Certo, non sarà solo questo dialogare il Sinodo dei vescovi dedicato alle nuove generazioni, ma questo potrebbe essere un primo, buon inizio.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg